Isola di Mahé

Qui si trova Victoria, la capitale dello Stato delle Seychelles: una delle città più vive e sorprendenti, dove immergersi totalmente nella cultura dei seychellesi. Imperdibile il “Sir Selwyn Selwyn Clarke Market”, uno dei luoghi più animati e caratteristici della capitale, ideale per comprare souvenirs originali nelle boutiques di artigianato e rifornirsi di frutta, verdure, pesce fresco e spezie. Nell’isola di Mahé, si trova anche il giardino “Du Roi Spice Garden” dove crescono spezie di ogni tipo (vaniglia, citronella, cannella, pepe) e piante endemiche medicinali. L’atmosfera di questo giardino, dove si trova anche un’antica casa padronale e un museo, riporta i visitatori al XVIII secolo quando il commercio di spezie era un caposaldo dell’economia dei paesi colonizzatori. Vaniglia, citronella, cannella, pepe e curry creano qui un mix di profumi inebrianti.

Isola di Mahé – Un paradiso di spiagge e calette nascoste

Sul versante occidentale di Mahé si può visitare anche una piantagione del tè fondata nel 1962 per scoprirne la lavorazione e godere della fresca aria di montagna con panorami mozzafiato. Meritano una visita anche il Museo di storia nazionale, il Museo di storia naturale ed il giardino botanico a Mont Fleuri. Lo spettacolo e il tesoro più bello dell’isola, però, si nasconde tra le bellissime spiagge e calette nascoste disseminate sulla costa: oltre a Beau Vallon, dove si può praticare una moltitudine di attività nautiche, vanno esplorate e ammirate anche Anse La Mouche, Anse Royale, Anse Soleil, Anse Intendance, Port Glaud e Anse Takamaka. Spesso descritta come “mozzafiato” o addirittura “eccezionale”, Anse Takamaka è una delle spiagge più belle di Mahé. Situata a sud di Mahé, Anse Takamaka incarna la spiaggia da cartolina, dove le acque selvagge dell’Oceano Indiano arrivano a riva. Anse Takamaka è la spiaggia pittoresca per eccellenza, che si inserisce armoniosamente nel paesaggio circostante, quasi privo di costruzioni. Il meraviglioso paesaggio, l’acqua cristallina, la spiaggia di sabbia dorata in combinazione con le imponenti palme e gli alberi takamaka fanno di questa spiaggia un vero e proprio tesoro di Mahé, la maggiore isola delle Seychelles. La baia è riparata tutto l’anno dal vento e dalle onde e il mare non è troppo profondo. Anche se alle volte si infrangono sulla spiaggia alcune onde alte, Anse Takamaka è molto sicura.

Isola di Mahé – Trekking e attività nella natura

Scendendo a Mahé, se si viaggia in famiglia, genitori e bambini sceglieranno “Cassedent”, un sentiero fra i pini e i palmizi che sbuca su una cascata d’acqua, “Copolia” per una veduta a 360° dell’isola, o ancora “Curieuse” dove incontrare le tartarughe giganti in libertà o nella nursery (circa 500). Per chi ama le vette una discesa a Mahé è imperdibile anche per una giornata al resort Constance Ephélia: nel parco di circa 120 ettari di foresta tropicale con alberi da frutta e spezie profumate da esplorare a piedi o in bicicletta, si possono raggiungere le famose pareti di roccia granitica. Guidati da SMAC Adventures, un gruppo di appassionati ed esperti di sport avventurosi, si può praticare arrampicata su roccia, zipline e discesa in corda doppia. Sfruttando una bellissima parete rocciosa di granito naturale alta 18 metri, SMAC Adventures propone diverse tipologie di scalata con diversi livelli di difficoltà, pensati sia per i principianti che per i più esperti. Un’attività divertente e stimolante pensata per diverse età: bambini e adulti potranno cimentarsi in questa impresa, sognando di raggiungere la vetta. E a fare la differenza è indubbiamente il paesaggio circostante: piante e specie rare, ma anche la vista mozzafiato dell’isola vista dall’alto. Per gli amanti della corda, non può mancare anche l’experience di una delle tante Zipline aeree sospese sia all’interno che al di sopra della foresta. Basta mettersi l’elmetto sulla testa, una sicura e salda imbragatura e poi si è pronti per volare lungo cavi d’acciaio, urlando a squarcia gola mentre si ammira la natura. I sommozzatori esperti possono invece dedicarsi all’immersione su relitti, intorno a Mahé, o partire alla scoperta delle mante giganti. Le Seychelles sono infatti anzitutto il regno dei subacquei. Per gli amanti dei fondali marini l’immersione subacquea in questo arcipelago rappresenta una delle esperienze più intense e memorabili che si possano fare, e Mahè è uno dei i luoghi migliori per fare diving, dove la fauna marina è davvero abbondante e variegata grazie anche alle severe misure di protezione dell’ambiente che coinvolgono il 50% del paese. Mahè grazie ai suoi oltre 75 siti di immersione accessibili è la più diversificata tra tutte le isole, la catena montuosa granitica sommersa le conferisce una geologia sottomarina unica nel suo genere, la roccia in granito è diventata l’abitazione di pesci tropicali, ma anche di aquile marine e mante giganti.

Isola di Mahé – Il Parco Nazionale Marino

Tra le tante, le escursioni consigliate sono il Parco Nazionale Marino di Port Launay e Shark Bank: il Parco Nazionale Marino è il luogo più adatto per chi è alle prime armi con la subacquea, le lagune protette e le barriere coralline a bassa profondità garantiscono emozioni indimenticabili in tutta sicurezza, qui i più fortunati potranno osservare gli squali balena, considerati i giganti del mare, ma anche polpi, aragoste e nudibranchi oltre ai pesci delle specie più esotiche, la bassa profondità e l’estrema visibilità rendono le immersioni coloratissime. Shark Bank è invece un sito adatto ai sub più esperti, a 8 km da Mahè si estende nell’oceano fino a 30 mt di profondità, le forti correnti attirano gli squali di barriera, razze, pesci pipistrello, pesci Napoleone, barracuda, squali grigi e aquile di mare. L’immersione in questo ecosistema selvaggio ed incontaminato è davvero qualcosa di speciale. Oltre alle classiche immersioni nei fondali sabbiosi, è possibile anche fare un tuffo nella storia, immergendosi alla scoperta di quattro enormi imbarcazioni affondate, le più belle e famose sono le petroliere britanniche Ennerdale e Annerdale, relitti sommersi rimasti quasi completamente intatti e casa di cernie e murene di grandi dimensioni, pesci scorpione e lion fish.

Isola di Mahé – L’Isola di 007

Non bisogna dimenticare che Mahé è anche l’isola di 007, ed è possibile organizzare una vacanza in barca a vela sulle sue tracce. Che ne dite di un viaggio alle Seychelles nel cuore dell’Oceano Indiano, ripercorrendo le tappe del soggiorno dell’autore inglese Ian Fleming e del suo personaggio James Bond? Il mare, il sole e la natura incontaminata delle isole dell’Oceano Indiano hanno ispirato i racconti di Fleming, creatore di James Bond. L’agente segreto più amato al mondo e il suo autore hanno trascorso all’isola di Mahé un piacevole soggiorno tra escursioni, snorkeling e antiche leggende che narrano di tesori nascosti dai pirati. Luoghi e racconti che ancora oggi affascinano molti visitatori in cerca di relax in un paradiso terrestre circondato da acqua cristallina e specie rare. Un’avventura tra tartarughe giganti e foreste di palme per ripercorrere le tappe del viaggio dello scrittore inglese e vivere una giornata nei panni di un agente segreto. Era il 1958 quando lo scrittore inglese Ian Fleming, creatore del celebre agente 007, si recò alle Seychelles in cerca di ispirazione. Il personaggio di James Bond era nato dalla sua penna appena cinque anni prima da quel viaggio nelle bellissime isole dell’Oceano Indiano. Lasciò la piovosa Londra e si trasferì per diversi giorni sull’isola di Mahé: qui lo scrittore si concesse una vacanza di puro relax, tra la cultura creola e gli abitanti del luogo che gli fecero apprezzare la bellezza della natura e il fascino di antiche leggende. Storie e luoghi che ancora affascinano i visitatori in arrivo sull’isola di Mahé. Per tornare sui passi dell’autore di James Bond bisogna partire dalla costa nord-occidentale dell’isola, lungo la spiaggia di Beau Vallon dove soggiornò. Da qui partiva all’avventura in cerca di piante esotiche e specie rare da poter citare nei suoi libri: tra un’escursione e lo snorkeling nelle acque cristalline, Fleming elaborò la trama di uno dei suoi racconti che compongono la raccolta intitolata “Solo per i tuoi occhi”. La storia è ambientata proprio alle Seychelles, dove un miliardario organizza una caccia ad una specie rara di pesce denominata “rarità di Hildebrand”, James Bond si unisce alla spedizione che si conclude con la cattura dell’animale e con la scoperta di un assassinio. La sua immaginazione però si spinse ancora oltre, tanto che nei cattivi delle sue storie si ritrovano elementi e caratteristiche che riman

Può interessarti anche

Richiedi informazioni sul prodotto

Registrati



Accedi