D-Marin

Il network internazionale dove la nautica è già nel futuro

Gruppo nato nel 2003 in Grecia e oggi è controllato al 100% da CVC Capital Partners, il fondo da 186 miliardi di euro di asset che lo ha acquistato nel 2021, D-Marin fattura 150 milioni di euro e ha in portafogli 26 porti turistici, tra Spagna, Grecia, Turchia, Croazia, Montenegro, Croazia, Albania, Malta e Italia. Lungo la Penisola infatti gestisce Marina Punta Faro a Lignano Sabbiadoro, Marina degli Aregai a Santo Stefano al Mare e Marina di San Lorenzo del gruppo Cozzi Parodi, oltre al Marina di Varazze di Azimut-Benetti, dal quale ha anche avuto la gestione del Marina di Livorno, ancora in via di costruzione. “D-Marin – dice il direttore generale in Italia, Nicolò Caffo – lavora per creare una rete di porti turistici nel Mediterraneo. Nel 2021 avevamo scali in Grecia, Turchia e Croazia e da allora siamo più che raddoppiati. La strategia è seguire quanto fatto una cinquantina di anni fa dai gruppi alberghieri, che hanno acquisito grandi alberghi e li hanno trasformati in una catena. Questo nella nautica non esiste ancora”. Per crescere come rete D-Marin acquisisce marina premium esistenti per inserirli nel suo network: oggi conta su 13mila posti barca in 9 Paesi. Inoltre il gruppo costruisce anche marina. È il caso del Marina di Vlora, in Albania, del progetto di Pylos in Grecia e del Porto Mediceo a Livorno. “Marina premium significa che ci interessa un porto se è di una certa dimensione, con centinaia di posti barca, e dove ci sono ancora anni di concessione, in modo da potervi fare investimenti e ammortizzarli.

D-Marin
D-Marin

Un marina dove ha senso fornire servizi di un certo livello, per imbarcazioni di almeno 35 o 40 metri. Poi, ovviamente, bene anche ormeggi per barche più piccole, ma i porti per solo imbarcazioni fino a 10 e 15 metri non ci interessano. Per il futuro siamo già in trattativa con tre porti turistici e stiamo parlando con altri dieci: non tutti in Italia, ma aumentare la presenza lungo lo Stivale è imprescindibile per crescere nel Mediterraneo”. Senza contare che i porti della rete di D-Marin navigano nel futuro, via web e non solo. “Abbiamo investito già 10 milioni di euro in tecnologie, dal wi-fi a un sistema di gestione clienti proprio dei grandi gruppi del lusso. Abbiamo sviluppato sito e app da cui si può scegliere e prenotare l’ormeggio: tutto in un settore dove si fa ancora la coda dentro al porto per pagare. E abbiamo sviluppato colonnine intelligenti con un QR code che si scansiona con lo smartphone per poter attivare, gestire e pagare le utenze. Ogni nostro operatore è poi collegato al nostro sistema per conoscere in anticipo le esigenze di un armatore che arriva da un altro nostro porto”.

www.d-marin.com

Può interessarti anche

In esposizione

Contatta l'espositore

Registrati



Accedi