L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Allagrande Pirelli è la barca con cui Ambrogio Beccaria ha vinto la Transat Jacques Vabre e la Transat CIC. Ad aiutarlo a bordo, con la strumentazione di B&G, c’era MADBrain, il “cervello” (come dice la parola, o meglio la sua traduzione inglese) per l’autopilota di Madintec

Le barche a vela di ultima generazione sono sempre più veloci, tecnologiche e performanti. È un’evoluzione che vediamo certamente sulle superbarche della Coppa America, ma anche sugli scafi che affrontano regate d’altura come gli Ultim, gli Imoca o i Class40, e progressivamente anche sulle nuove barche di serie di alta gamma. Anche la strumentazione di bordo deve adattarsi a queste nuove tipologie di imbarcazioni, dove la navigazione è diversa e soprattutto è molto diverso il compito dello skipper. Estremizzando potremmo dire che, con tutte le regolazioni che uno skipper deve monitorare (foil compresi), quasi non timona più. Ed è qui che interviene il nuovo autopilota della francese Madintec.

Il cuore del sistema MADBrain è un software dotato di IA (Intelligenza Artificiale) in grado di ottimizzare il lavoro del pilota e di migliorarsi man mano che lo si utilizza. A svilupparlo è stato un team composto da ingegneri e informatici esperti di IA ed ex regatanti. Grazie al software proprietario MADBrain sa sempre quali sono gli aggiustamenti che deve apportare al timone per ottimizzare la rotta, leggendo i dati di velocità, posizione e vento ma soprattutto regolandosi continuamente in base alle reali condizioni del mare. È lui che decide da solo se la barca deve accelerare o rallentare in base alle condizioni di vento e onda, gestendo l’assetto della barca anche nelle condizioni più impegnative ed evitando sbandamenti eccessivi.

L’autopilota che impara

MADBrain permette all’autopilota di avere prestazioni uniche. Grazie all’intelligenza artificiale è in grado di migliorare le sue performance e di reagire con coerenza. E come dice il direttore commerciale di Madintec Paolo Serio “È un pilota affidabile che offre maggiore performance e massima sicurezza”.

Una volta installato sulla propria imbarcazione MADBrain si calibra da solo e man mano che viene utilizzato in navigazione funziona sempre meglio, garantendo prestazioni e sicurezza. Il software legge i dati dei sensori per capire come si comporta la barca in determinate condizioni, così impara a reagire sempre meglio in futuro e si adatta sempre di più all’imbarcazione su cui è installato. Il sistema è già molto diffuso nel paese dove è nato, la Francia, ma anche diversi skipper italiani hanno deciso di installarlo a bordo, su tutti Ambrogio Beccaria sul Class40 Allagrande Pirelli e Giancarlo Pedote su Prysmian Group.

Come si installa

MADBrain è un processore, una “scatoletta” che si installa in maniera poco invasiva a bordo. Oltre al processore va installato il comando che controlla l’autopilota, dopodiché il sistema comunica direttamente tramite NMEA2000 con i sensori e l’elettronica già installata a bordo di alcuni fra i maggiori marchi produttori (come B&G e Garmin) e siete subito pronti per vincere in regata!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo”

  1. Dal ferro Flavio

    E’ giusto che la tecnologia vada avanti . Purtoppo vinceranno le regate chi ha la strumentazione più all’avanguardia . Il fattore umano conterà sempre meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come stare in rada sicuri e comodi come in porto

Ancoraggio in baia sereni come in porto. Passare una notte all’ancora in tranquillità è più facile con le app meteo e le recensioni online che ci aiutano a individuare i luoghi giusti in anticipo, e gli allarmi ancora ci permettono

Motore elettrico fuoribordo Mitek

Fuoribordo termico VS elettrico: chi vince?

Chi deve acquistare o sostituire il motore fuoribordo del tender oggi si chiede: è arrivato il momento di optare per un modello elettrico o è meglio rimanere sul classico motore a scoppio? Chi ha la meglio, il tradizionale o il

Registrati



Accedi