Con questi segnalatori sei al sicuro in caso di emergenza

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

sMRT Alert & V300 - Wescom
sMRT Alert & V300 – Wescom

Un segnalatore di emergenza in barca è un accessorio che può salvarti la vita, e non solo in caso di navigazione oceanica, in caso di caduta in mare o situazione di allarme. Il marchio sMRT ne ha prodotti di recente due con caratteristiche innovative, l’sMRT Alert e l’sMRT V300. I due prodotti sono stati sviluppati dal Gruppo Wescom, un colosso specializzato nella produzione di accessori per il campo della Difesa, per i servizi di emergenza e – naturalmente – per il marine. Tra le soluzioni per lanciare segnali di allarme e allerta, localizzatori per l’uomo a mare e sistemi per il recupero, Wescom ha sviluppato nel corso degli anni una grande esperienza, racchiusa in questi due piccoli accessori. Ecco come sono fatti.

sMRT Alert

Il primo di cui vi parliamo è l’sMRT Alert, che si è aggiudicato la menzione speciale per la categoria Sicurezza all’ultimo Dame (il premio organizzato ogni anno al Mets di Amsterdam, la più grande fiera di accessori nautici al mondo). Il segnalatore è dotato di GPS e GNSS Galileo, sistema di comunicazione AIS-VHF, di sistema DSC (Digital Selective Calling) e MOB (Man Over Board) in un’unica unità estremamente compatta e potente. Pesa infatti appena 180 grammi e misura 207 mm (antenna inclusa) x 59 mm x 23 mm, con una batteria che dura circa 5 anni e almeno 12 ore a -20 °C se attivato. Impermeabile fino a 10 metri di profondità, si attiva automaticamente in caso di immersione ma dispone anche di attivazione manuale, e si può tranquillamente tenere all’interno della maggior parte dei giubbotti di salvataggio.

Il nuovo sMRT V300

Il segnalatore sMRT V300 è invece pensato in maniera specifica per l’utilizzo commerciale, e oltre alle caratteristiche dell’sMRT Alarm può trasmettere anche in bassa potenza in analogico alla frequenza di 121,5 MHz. Inoltre questo dispositivo è dotato di segnalazione bidirezionale, quindi fornisce un feedback a chi lo indossa quando la chiamata di soccorso viene ricevuta.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come stare in rada sicuri e comodi come in porto

Ancoraggio in baia sereni come in porto. Passare una notte all’ancora in tranquillità è più facile con le app meteo e le recensioni online che ci aiutano a individuare i luoghi giusti in anticipo, e gli allarmi ancora ci permettono

L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo

Le barche a vela di ultima generazione sono sempre più veloci, tecnologiche e performanti. È un’evoluzione che vediamo certamente sulle superbarche della Coppa America, ma anche sugli scafi che affrontano regate d’altura come gli Ultim, gli Imoca o i Class40,

Registrati



Accedi