Il rake dell’albero: quando questa regolazione può diventare vincente

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

L’albero visto dal basso

Vi è mai capitato di sentire pronunciare a un velaio, o a un velista professionista, la parola “rake“? Con questo termine si indica la distanza che c’è tra la testa dell’albero e un punto rilevato al centro dello specchio di poppa della barca, e serve a valutare come sia la centratura del piano velico.

In linea generale possiamo dire che più l’albero sarà inclinato verso poppa,  più la barca avrà un baricentro delle vele con tendenza ozierà. Lavorare sul rake dell’albero è fondamentale per correggere barche che sono eccessivamente orziere o, al contrario, eccessivamente poggere. Facendo un esempio pratico, con poco vento se vogliamo ottenere una barca ozierà dovremo avere tanto rake all’albero, ovvero un’inclinazione pronunciata del profilo verso poppa.

Come modificare il rake dell’albero

Ci sono sostanzialmente due manovre che ci faranno modificare il rake: la prima è lo strallo di prua, la seconda il piede dell’albero (ove modificabile). Mollando lo strallo la testa dell’albero si sposta verso poppa, aumentiamo quindi l’inclinazione del “palo” e la tendenza orziera della barca.

Un modo per agire altrettanto direttamente sul rake è lo spostamento del piede d’albero: se lo portiamo in avanti, la testa si sposta invece verso poppa, e otterremo un effetto simile al mollare lo strallo. Bilanciando queste due regolazioni, e testandole in differenti condizioni di vento, si arriverà all’equilibrio perfetto.

Bisogna fare attenzione a non confondere il rake con la preflessione: quest’ultima infatti è la curvatura dell’albero e non la sua semplice inclinazione verso poppa, sono due concetti simili ma differenti, e due regolazioni che si eseguono in modo diverso. Per la preflessione infatti il lavoro di regolazione sarà da eseguire principalmente sui carichi applicati alle sartie.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Il rake dell’albero: quando questa regolazione può diventare vincente”

  1. Buongiorno, è sbagliato dire che spostando la mastra in avanti si modifica il rake.
    Anzi, portare avanti il piede d albero porterà il piano velico in avanti anziché indietro.
    Il rake si controlla con la tensione dello strallo e del contro strallo (a seconda dell’ armo, volanti, paterazzo o sartie)
    La mastra genera il prezzo bend.

  2. Direi che sono inesatte entrambe le affermazioni relative all’effetto dello spostamento del piede sul rake.
    La cosa è un tantino più complessa di come sia l’attore che il commentatore l’hanno presentata. e non può essere liquidata in poche righe,
    È impossibile che il centro velico avanzi portando avanti il piede (con albero passante) così come è certo che la posizione finale della testa d’albero dipende solo dalla lunghezza dello strallo. Tutte le regolazioni inferiori (sartie, stralletti, volanti, mastra, piede) ne controllano unicamente la flessione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come stare in rada sicuri e comodi come in porto

Ancoraggio in baia sereni come in porto. Passare una notte all’ancora in tranquillità è più facile con le app meteo e le recensioni online che ci aiutano a individuare i luoghi giusti in anticipo, e gli allarmi ancora ci permettono

L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo

Le barche a vela di ultima generazione sono sempre più veloci, tecnologiche e performanti. È un’evoluzione che vediamo certamente sulle superbarche della Coppa America, ma anche sugli scafi che affrontano regate d’altura come gli Ultim, gli Imoca o i Class40,

Registrati



Accedi