Junda KII, come naviga il nuovo monotipo (5,8m) da due persone

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Junda KII - 3
Junda KII in navigazione per i primi test

Sono iniziati i test di messa a punto di Junda KII. Le prime impressioni sono subito positive: sensibile al timone, reattiva e sempre facile da condurre in tutte le condizioni“.

Questo si legge sulla pagina Facebook di Junda KII, il monotipo di soli 5,8 metri per due persone. Da un’idea del velista e imprenditore Ludovico Fassitelli, con le linee d’acqua e il progetto di Umberto Felci, project manager Roberto Spata, nasce il piccolo Junda KII. 

Junda KII – Come un Tp 52 in Miniatura

La grande particolarità di questo progetto, come anticipato, è di essere stato concepito per un equipaggio di due persone. Il dimensionamento delle manovre e la loro organizzazione, il piano velico, tutto è stato concepito per la conduzione in doppio, proprio come richiesto da Fassitelli, esperto di regate in monotipo.

Dal punto di vista estetico la barca sembra quasi un Tp52 in miniatura: prua tesa ma con volumi non eccessivamente fini per garantire grandi planate in poppa, limitando l’ingavonamento. La poppa è larga ma non esasperata, senza l’impiego di spigoli. La chiglia è a T e la pala del timone singola, mentre a prua trova posto un ampio bompresso per il gennaker che viene armato con un retriever per consentire un’ammainata semplice della vela, operata da una sola persona.

Junda ha una propulsione totalmente green

La barca ovviamente è carrellabile, e l’altra sua particolarità è quella del sistema per l’installazione del motore elettrico Torqeedo. Dato le dimensioni era inevitabile un fuoribordo, ma è stato realizzato un sistema che consente di calare il motore in acqua tramite un semplice ingranaggio e riporlo in un vano apposito a poppa non appena non servirà più il suo utilizzo.

Il sistema per la movimentazione del Torqeedo. In quest’immagine il motore è a metà del suo movimento tra la posizione di riposo, nel vano che si vede a fondo pozzetto, e quella di lavoro in acqua.

Tutta la propulsione del Junda è eco, non solo il motore, le vele infatti sono state realizzate dalla North Sails che per questo progetto ha testato i suoi nuovi laminati Renew, realizzati al 90%con materiale riciclabile dalle bottiglie di plastica. L’unica componente non riciclabile di questa vela è il 10% di resine e collanti impiegati per realizzare il laminato, ma North è a lavoro per trovare un aggiornamento.

Come testare il Junda KII

Potete prenotare una prova in acqua del Junda KII, scrivendo a info@junda.mc per fissare il vostro test.


Junda KII – Scheda tecnica

LOA: 5.8 m
Bmax: 2.3 m
Draft: 1.6 m
Dspl MT: 600 kg
Mainsail area: 12.3 m2
Jib area: 7 m2
Gennaker area: 37 m2
Costruction: E Glass sandwich PrePreg / Carbon PrePreg
Builder: Junda KII
Project: Felci Yachts
www.junda.mc

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come nasce una super barca? Viaggio nel mondo Mylius

Quando si pensa al made in Italy nel mondo dell’industria viene in mente generalmente qualcosa di bello, di ricercato, degli oggetti dove il design incontra la tradizione. Anche nella nautica questo paradigma legato alla nostra industria ha un grande valore,

Registrati



Accedi