Giraglia del ventone, vince l’MN 35 Lann Ael (con a bordo solo due persone)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tempo di verdetti per una Loro Piana Giraglia che nella memoria dei velisti che vi hanno partecipato verrà ricordata come una delle edizioni più dure di questa storica regata d’altura. Le condizioni sono state toste, con vento tra i 25 e i 35 nodi nella discesa verso la Giraglia e mare molto impegnativo, una regata difficile che ha fatto selezione sulla flotta con molti ritiri. Un’edizione vinta dall‘MN35 Lann Ael 3 di Didier Gaudoux, condotto da sole due persone, nell’edizione in cui tanti maxi da 100 piedi non sono partiti per il meteo previsto.

A bordo del Rodman 42 Cheyenne di Luca e Tommaso Oriani.

La parte più complicata è stata la discesa verso la Giraglia al lasco pieno, e la prima parte di risalita verso Genova dove invece l’andatura era più stretta al traverso. Poi l’immancabile bonaccia finale in arrivo a Genova, che non rende mai scontato l’esito di questa regata d’altura che quest’anno è stata dominata dalle “piccole”.

Loro Piana Giraglia, tutti i vincitori

Condizioni dure intorno allo Scoglio della GiragliaNelle regate d’altura con vento forte il gap tra le barche più grandi e le piccole, sia in tempo reale che in compensato, si accorcia, soprattutto se le piccole in questione sono barche plananti, pensate per le andature portanti che sono state quelle dominanti in questa Giraglia, e molto ben condotte.

Elo II, la barca dello YCI con skipper Mauro Pelaschier

La vittoria generale della Loro Piana Giraglia 2024, assegnata alla classifica IRC overall che aveva il maggior numero di iscritti, va all’MN35 Lann Ael di Didier Gaudoux, barca condotta in doppio, davanti a due JPK, l’1180 Talemaque 2 Emmanuel Santelli e il 1080 Callisto di Arnaud Vuillein, anche questo in doppio. Tutte e tre barche francesi, la prima italiana in classifica è il Ker 46 Lisa R di Gianni Di Vincenzo, sesta, e a lungo in lotta per il podio.

In generale le barche più piccole hanno anche sofferto meno la presenza di un centro depressionario senza vento sulla rotta per Genova, che ha rallentato di più i battistrada rispetto al resto della flotta. Ed è anche per questo che Black Jack ha mancato di uno soffio il record.

NM 35 – Che barca è

L’NM 35 vincitore della Loro Piana Giraglia 2024

Progetto Manuard-Nivelt, l’NM 35 è una barca one off, lunga poco meno di 11 metri, con prua semi-show, specificatamente pensata per essere condotta in doppio, con una carena tipica da andature portanti, larga e a spigolo. Nelle condizioni della Loro Piana Giraglia 2024 ha trovato la situazione ideale per performare al meglio regatando subito dopo barche ben più grandi. Da rimarcare anche la grande prova di marineria, per avere condotto la barca in doppio in condizioni molto dure, un risultato sportivo e tecnico di grande valore.

Tutte le classifiche

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Vincenzo “Cino” Ricci, per tutti rigorosamente Cino, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le 90

Registrati



Accedi