Giraglia, no record (di pochissimo). Ecco i primi verdetti e chi vincerà

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il maxi 100 Black Jack primo sul traguardo alla Loro Piana Giraglia

La Giraglia del “ventone”, con raffiche fino a 30 nodi, un bel po’ di ritiri, onde di 3 metri sta già fornendo i suoi primi verdetti.

Loro Piana Giraglia, i primi arrivi

Il primo è che il “mostro” non ha battuto sé stesso. Black Jack, il 100 piedi che altro non è che l’ex Esimit Europa 2 (prima ancora conosciuto come Alfa Romeo 2) ha completato il percorso impiegando 28 minuti in più rispetto allo storico record del 2012 fatto registrare proprio da Esimit Europa 2 (allora capitanata da Igor Simcic, con skipper la leggenda olimpica Jochen Schuemann), ovvero 14 ore, 56 minuti e 16 secondi. Black Jack, primo sul traguardo come l’anno scorso, ma con il nuovo armatore Remon Vos e sotto la guida del veterano australiano Mark Bradford,  ha completato il percorso di 241 miglia Saint Tropez- Ile du levant-Giraglia-Genova in 15 ore, 11 minuti e 43 secondi.

Così Remon Vos: “È stata una regata epica, abbiamo acquistato la barca da poco più di un mese e grazie a un equipaggio straordinario siamo riusciti a gestire bene condizioni abbastanza impegnative. Bisogna ammettere che questo scafo è nato per questo, è stato migliorato e aggiornato costantemente ed è ancora competitivo nonostante sia stato costruito nel 2005. Questa notte abbiamo tenuto medie altissime, intorno ai 20 nodi, con picchi di vento di 37 nodi e onde ripide e frangenti in prossimità della Giraglia. Ma che emozione girare questo mitico isolotto al tramonto!”.

Al secondo posto in tempo il ClubSwan 80 My Song di Pier Luigi Loro Piana davanti al Botin 65 Spirit of Lorina di Jean Pierre Barjon.

Che lotta in IRC 1 per la vittoria overall della Giraglia

Adesso però gli occhi sono puntati sul vincitore in tempo compensato della categoria IRC (la più numerosa), ovvero il vero vincitore della Loro Piana Giraglia. Si stanno susseguendo gli arrivi al largo di Genova, ma il verdetto sembra ormai quasi certo. Long Courrier, il Sydney GTS 43 di Gery Trentesaux, ha avuto la meglio su Black Pearl, Botin 56, e sui due Ker 46 favoriti alla vigilia : Lisa R, dell’armatore Gianni Di Vincenzo (in questa intervista ci aveva raccontato come si vincono le regate), e Daguet 3, barca gemella di Frederic Puzin, autori di un duello senza esclusione di colpi. Questa dovrebbe essere la generale IRC, che ha subito “ribaltoni” nel poco vento davanti a Genova.

Il Ker 46 Lisa R.

Salvo sorprese questi saranno i vincitori, ma mai dire mai, perché la Giraglia è sempre la Giraglia.

Un’edizione memorabile

Ad ogni modo, questa edizione resterà memorabile: “Ci siamo ritirati, ma ci siamo divertiti tantissimo, il mio MAT 12 Dajenu ha planato a 18 nodi di velocità” (foto sopra), ci ha raccontato il nostro collaboratore Marco Cohen.

Cheyenne

Entusiasmo anche da bordo del Cheyenne, il Rodman 42 (foto sopra) su cui è imbarcato il nostro Mauro Giuffrè, direttamente dallo scoglio della Giraglia: “Autostrada A7 Giraglia-Genova. Il Guerriero Cheyenne è ancora in piedi!”

Tra qualche ora nuovi aggiornamenti sulla Loro Piana Giraglia 2024.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Giraglia, no record (di pochissimo). Ecco i primi verdetti e chi vincerà”

  1. Che io ricorda, la barca, progettata da Reichel Pugh, non si chiamava Alfa Romeo, ma shock wave. Alfa Romeo era lo sponsor dell’allora importatore Neville Crichton in nuova zelanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Vincenzo “Cino” Ricci, per tutti rigorosamente Cino, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le 90

Registrati



Accedi