TEST La zattera di salvataggio perfetta per regata e crociera

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Lalizas e Arimar a bordo di Cheyenne
Lalizas e Arimar a bordo di Cheyenne

Prima di tutto la sicurezza. E per essere sicuri con la propria barca, in crociera e in regata, innanzitutto deve essere tranquillo l’equipaggio. Per questo motivo uno degli elementi chiave da avere a bordo è una zattera di salvataggio di qualità che abbia la massima efficienza e praticità. Nel caso ce ne fosse bisogno, ovviamente.

Ma non tutte le zattere di salvataggio sono uguali e, soprattutto, a nostro parere non si deve lesinare sulla sicurezza seguendo le normative specifiche che, in molti casi, non sono prescritte per legge, o in caso di navigazioni non troppo lontano dalla costa sono prescritte in maniera inadeguata.

Noi vi consigliamo di scegliere sempre una zattera per navigazioni d’altura perché sono più complete e, soprattutto, sicure. Per sapere tutto su una zattera di salvataggio, leggete qui la nostra guida.

Il nostro test su un 12 metri

Noi abbiamo testato, anche con vento forte e mare formato in occasione della regata 151 miglia 2024, sul 12 metri Cheyenne (un Rodman JV42), il modello da 8 persone di una delle aziende leader, la Arimar.

La zattera ISO Atlantic di Arimar con valigia morbida
La zattera ISO Atlantic di Arimar con valigia morbida

I vantaggi delle zattere Arimar, azienda italiana che fa capo a Lalizas, leader mondiale nel campo degli accessori nautici e della sicurezza, sono quelli di essere molto leggere e performanti, facili da stivare e da utilizzare in casi estremi.
Il nostro test, relativo alla praticità del prodotto, e non a zattera aperta (non ce n’è stato bisogno!), è stato effettuato su una barca di 12 metri con a bordo 8 persone.

La zattera ISO Atlantic di Arimar aperta e con contenitore rigido
La zattera ISO Atlantic di Arimar aperta e con contenitore rigido

Il modello testato è un modello di punta, l’Arimar ISO Atlantic L<24 con valigia morbida che ha il vantaggio di essere il più leggero e completo del mercato. Pesa solo 38 kg e ha dimensioni compatte di 650x320x390 mm, ma ha tutto quello che deve avere una zattera adatta alle navigazioni anche in altomare.
L’Arimar ISO Atlantic segue la rigida normativa ISO che recita “zattere di salvataggio progettate per lunghi viaggi o crociere quando si prevedono raffiche di vento e un’altezza d’onda eccezionale” a cui è perfettamente conforme. Una delle peculiarità di questo modello è che contiene pavimento termico, luce interna ed esterna, tenda a scomparsa e 4 stabilizzatori.

La zattera l’Arimar ISO Atlantic L è disponibile in versioni da 4 a 12 persone, non solo in versione con valigia morbida ma anche con contenitore rigido. Qui trovate tutta la gamma delle zattere Arimar.


Tutta la sicurezza con Lalizas

Lalizas, proprietaria di Arimar, offre il compendio necessario alla sicurezza a bordo, dalle life line ai razzi e fuochi, dai sistemi MOB (Man over board) ai giubbotti di salvataggio, qui trovate tutta la gamma.

Lalizas trasferisce sulla nautica da diporto tutta l’esperienza acquisita sulle navi commerciali dove è leader negli equipaggiamenti. Non è poco.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “TEST La zattera di salvataggio perfetta per regata e crociera”

  1. Ma siete veramente dei buffoni!!!
    Cosa vuol dire: “avete testato la zattera”…..????

    Semplicemente avete fatto una “marchetta” parlando di una zattera di una tal marca senza nulla aggiungere.

    Voi stessi ammettete che non la avete attivata: cosa vuol dire allora averla testata: semplicemente vista chiusa nella sua valigia???

    Questa rivista sta diventando sempre più scandalosa e marchettara…..

    Bisognerebbe che vi sommergessero di insulti per questo tremendo report (chiamarlo articolo e’ offensivo) soprattutto perché si sta parlando di sicurezza in mare e su certe cose non si scherza.

  2. Vivere di vela

    Ma che articolo demenziale e’ mai questo?

    Come potete intitolare “abbiamo testato…..” se vi siete solo limitati a rimirare il contenitore chiuso della zattera??

    Ma avete un minimo di dignità ???
    Bisogna avere rispetto dei lettori, soprattutto quando si parla di sicurezza: basta ricordare che non molti anni fa Arimar (che voi elogiate) fu al centro di uno scandalo relativo alla sicurezza delle sue zattere….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Guida al rollafiocco - SVB Marine

Quello che ti serve sapere sul tuo rollafiocco

Il rollafiocco, noto anche come avvolgifiocco, è tra le attrezzature indispensabili per le barche a vela. Nello shop di SVB Marine puoi trovarne di nuovi da acquistare, ma anche i pezzi di ricambio per rimettere a nuovo il rollafiocco che

Registrati



Accedi