Luna Rossa a Barcellona con Tita al timone e i nuovi foil

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Luna Rossa incrocia American magic a Barcellona

Primi allenamenti sul campi di regata di Barcellona per Luna Rossa Prada Pirelli Team, che per la prima volta ha incrociato, a distanza, gli altri sfidanti, e in particolare American Magic. Come riportato nei report ufficiali delle spie si è trattato di incroci a distanza di fatto non. programmati ne particolarmente cercati dai due sindacati, anche perché il Protocollo vieta agli sfidanti di allineare le barche in mare per oltre 20 secondi, così come navigare in modo congiunto intorno alle boe.

Tanti gli spunti d’interesse però, a cominciare dai timonieri schierati da Luna Rossa: Ruggero Tita, dopo avere vinto un altro oro mondiale col Nacra 17, ha preso in mano anche la ruota dell’AC 75, lui che nella prima a fase di test della barca a Cagliari era invece impegnato con le regate della classe olimpica in coppia con Caterina Banti. I trimmer invece sono stati i “soliti” 3: Umberto Molineris, Andrea Tesei e Vittorio Bissaro. Più avvicendamenti nelle posizioni dei ciclisti, dove si sono alternati Bruno Rosetti, Enrico Voltolini, Paolo Simion, Emanuele Liuzzi, Luca Kirwan e Nicholas Brezzi.

Luna Rossa a lavoro sui foil

I foil di Luna Rossa sono stati probabilmente equipaggiati con delle telecamere (i due elementi verticali sopra e sotto la lama del foil. Foto Recon.

L’altra novità riguarda invece i foil: Luna Rossa da qualche uscita ha iniziato a navigare con due appendici quasi uguali. Scriviamo quasi perché in realtà c’era una piccola differenza, ovvero la dimensione del “bulbetto” centrale, che nelle due variava leggermente, uno più magro e l’altro leggermente più pesante. Interessante notare anche come i foil siano stati equipaggiati di telecamere, si notano infatti degli elementi dalla forma idrodinamica, piazzati sopra e sotto la lama del foil, che con molta probabilità sono dei supporti video per analizzare il lavoro dell’appendice in acqua, sia sulla superficie superiore che su quella inferiore.

Elemento che conferma quanto questa sia ancora in pieno una fase di sviluppo, dove il team progettuale sta mettendo a punto lo sviluppo delle appendici, che potranno si essere in parte modificate ma che, vale la pena ricordarlo, saranno limitate a soli 3 pezzi, la coppia da impiegare in barca più un foil di riserva. Nessun team ne potrà costruire più di 3, si potrà però parzialmente modificarle. Ed è su questo che verosimilmente Luna Rossa sta lavorando, ovvero sviluppare la migliore forma possibile che riesca a combinare efficienza di volo con la velocità della barca.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Coppa America: Luna Rossa va forte a Barcellona. FOTO

All’inizio della Louis Vuitton Cup e della Coppa America mancano poco più di due mesi, la selezione sfidanti inizierà infatti il 29 agosto, dopo le ultime regate preliminari in programma dal 22. A Barcellona le basi dei team sono in

Registrati



Accedi