Mediterraneo mare tropicale e la scomparsa delle cozze. Ecco cosa succede

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Mediterraneo Mare Tropicale - 1
A causa del riscaldamento del Mar Mediterraneo alcune specie tropicali trovano clima fertile per sopravvivere anche nel Mare Nostrum. Come il Chromodoris Quadricolor (sopra) originario del Mar Rosso che attraverso il Canale di Suez è ormai presenza stabile anche in Mediterraneo.

Il Mediterraneo si sta tropicalizzando e sono anche a rischio estinzione le cozze. Il colpevole? Il cambiamento climatico. La fonte di questi allarmi sullo stato di salute del Mare Nostrum è l’autorevole “La rivista della Natura” che ha pubblicato due notizie con avalli di importanti studi scientifici.

Il Mediterraneo tropicale

“Se non si riuscirà a controllarlo, il riscaldamento climatico favorirebbe entro la fine del secolo la tropicalizzazione e l’invasione del Mar Mediterraneo da parte di specie tropicali provenienti dall’Oceano Atlantico. Quasi la metà delle specie che abitano il Mar Mediterraneo non si trova in nessun altro luogo del mondo, ma il bacino si sta riscaldando rapidamente, mettendo a rischio questa biodiversità unica”.

Questa è la sentenza di “La rivista della Natura” avallata dai risultati della recente indagine The dawn of the tropical Atlantic invasion into the Mediterranean Sea”.

L’ingresso principale delle specie tropicali avviene dal Canale di Suez, dal Mar Rosso al Mediterraneo.

I ricercatori rilevano che sono già stabilmente insediate in Mediterraneo parecchie specie tropicali come la lepre di Mare (Bursatella leachii) e il nudibranco Chromodoris quadricolor e pericolosi pesci alieni come vi avevamo raccontato qui e qui.

Il ricercatore Paolo G. Albano lancia l’allarme: “Il cambiamento a cui andiamo incontro è drammatico e irreversibile e porterà la biodiversità del Mar Mediterraneo a uno stato che l’umanità non ha mai visto”.

Mangeremo ancora le cozze?

Il secondo allarme lanciato da “La rivista della Natura” è altrettanto inquietante. “I cambiamenti ambientali causati dall’uomo stanno minacciando la capacità delle cozze e di altri molluschi di formare i loro gusci, e dobbiamo capire meglio quali rischi deriveranno da questo in futuro» afferma la ricercatrice Leanne Melbourne che, assieme a Nathalie Goodkin dell’American Museum of Natural History di New York, hanno curato lo studio.

Mediterraneo Tropicale

Hanno rilevato che, nel confrontare campioni moderni ed esemplari storici provenienti sempre dagli stessi siti, hanno evidenziato che le conchiglie di raccolta recente, sono più porose sia di quelle raccolte negli anni ’60 che di quelle raccolte in alcuni siti all’inizio del 1900, ciò porta a ipotizzare che l’aumento della temperatura ha portato ad un aumento della porosità.

La porosità dei campioni è di vitale importanza, poiché da essa dipende l’integrità strutturale dei molluschi, rendendoli più deboli e potenzialmente più suscettibili ai danni. Se si formano gusci più deboli, si romperanno più facilmente e potremmo perdere questi fondamentali organismi.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Mediterraneo mare tropicale e la scomparsa delle cozze. Ecco cosa succede”

  1. Mi sembra di ricordare che il problema delle conchiglie/gusci è dovuto più all’eccesso di CO2 (assorbito dal mare) che alla temperatura. Il che è probabilmente più grave perché è un problema più globale rispetto a una “migrazione” verso latitudini più temperate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi