Tyrolit, buona la prima! Ingresso e vittoria nel mondo della vela per il colosso austriaco

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Primo posto in Categoria Open alle regate di Primavera a Portofino per il Wally Aori, a supportarlo Banca Passadore e Tyrolit, alla sua “prima” nel mondo della vela. A guidare il progetto Stefano Brunello e il team Moonshine (foto di Martina Orsini).

La classifica finale parla chiaro e dice “4”, ovvero quattro primi posti su quattro regate. Un vero dominio frutto del lavoro di Stefano Brunello e del Team Moonshine che, ancora orfano del suo 60′ (affascinante disegno di German Frers, costruito nell’88 in Francia da Composite Works ) che sta finendo gli ultimi lavori di refit in vista della stagione, ha comunque radunato un talentoso gruppo di velisti per andare a caccia della vittoria nelle regate di Portofino.

 

Un progetto rivolto al terzo settore

Tra i punti cardine della mission di Moonshine (Associazione Sportiva Dilettantistica a Responsabilità Limitata) c’è la volontà di costituire un progetto sportivo rivolto al mondo del terzo settore strettamente correlato ai temi della sostenibilità e inclusività nelle forme più estese possibili.

Tra questi c’è anche la voglia di sostenere e incoraggiare i giovani nel mondo dello sport e non a caso membri cardine dell’equipaggio erano Matteo Sericano (tattico) e Luca Rosetti (Tailer) due  super talenti che nel loro percorso dai Mini 6.50 ai Class 40 (faranno la stagione insieme su Tyrolit, un VPLP del 2022) hanno deciso di regalarsi questa bella “fuga” su un Wally 80.

Aori nel corso delle quattro prove ha avuto vari ospiti a bordo ma il “nocciolo duro” dell’equipaggio, oltre che da Brunello, Sericano e Rosetti era costituito anche da Filippo Pansera, Vittorio D’Albertas, Bacci Del Buono e Andrea Perone.

Tylorit

Guardando lontano

Il progetto Moonshine a Portofino ha potuto contare sul supporto, oltre che di Banca Passadore, anche del colosso industriale Tyrolit, per la prima volta approdato nel mondo della vela. Tyrolit fa parte del gruppo Svarovsky ed è una realtà da 4.400 dipendenti, 31 luoghi di produzione (Headquarter a Schwaz, in Austria) e 80.000 e più prodotti in catalogo.

Tyrolit

Cosa fanno e che interesse hanno nel mondo della vela? Tyrolit è uno dei principali produttori mondiali di utensili abrasivi e ravvivatori, nonché fornitore di sistemi per l’industria edile. La sua presenza è massiccia nell’automotive, in ambito aeronautico e, tra gli altri,  anche nel mondo dell’eolico dove la realizzazione delle gigantesche pale per i generatori ha molti punti in comune con la costruzione delle barche in composito di VTR o carbonio.

Come è ben raccontato nel VIDEO, Tyrolit produce la gamma Tyrolit Power che, per le sue caratteristiche, è perfetto per applicazioni nella nautica – sugli stampi e sui prodotti finiti – ed è già stato adottato, sia nel mondo della vela che del motore in Italia e in Inghilterra.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi