FOTO – Il primo allenamento di Luna Rossa, com’è andata e cos’è successo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Mentre a Barcellona Ineos Britannia rivelava il suo nuovo AC 75 ( ve ne parleremo molto presto in un approfondimento dedicato), a Cagliari Luna Rossa affrontava la sua prima vera giornata di allenamento in mare. Tecnicamente sarebbe il day 3 di lavoro della nuova barca, considerando il day 1 come il giorno della presentazione, il 2 per le prove di traino e il check dei sistemi, il 3 quello in oggetto.

A primo impatto si nota subito come il match tra vele e rig funzioni, le superfici delle membrane sembrano molto lisce e senza zone di tiro anomale che avrebbero procurato piccole pieghe diagonali. Foto AC Recon

La giornata in Sardegna si presentava con un Maestrale a tratti molto robusto e rafficato, con intensità oscillante, che ha anche superato i 20 nodi con una base che, stando ai report ufficiali del team di spie che segue l’equipaggio italiano, era intorno a 14 nodi. Il tutto accompagnato da un’onda corta che iniziava a diventare ripida allontanandosi dalla costa.

Luna Rossa ha effettuato prima alcuni bordi al traino, per una verifica dei sistemi di bordo navigando tra i 20 e i 25 nodi, poi sono iniziate le procedure per armare le vele e iniziare il primo volo.

Com’è andata la prima uscita di Luna Rossa

Luna Rossa nel secondo bordo a vela durante l’uscita di allenamento. Foto AC Recon

I timonieri scelti per il primo allenamento sono stati Francesco Bruni e James Spithill, i trimmer erano Andrea Tesei e Umberto Molineris, i ciclisti a bordo Bruno Rosetti, Enrico Voltolini, Nicholas Brezzi, Emanuele Liuzzi.

L’AC 75 italiano ha prima navigato in modalità dislocante su entrambe le mura, mostrando una buona agilità, per poi tentare il primo decollo autonomo sui foil. L’intensità del vento in quel momento era di poco inferiore ai 20 nodi, intorno ai 18, e la barca è riuscita a sollevarsi dall’acqua autonomamente, mure a sinistra, non appena la velocità ha toccato i 15 nodi.

Luna Rossa nel momento in cui, volando troppo alta, le appendici sono andate in ventilazione causando una piccola caduta dai foil. Frame dal Video di Ivo Rovira, AC Recon

Il bordo mure a sinistra sarebbe però durato pochi minuti, in quanto per non bene precisate ragioni l’AC 75 italiano tendeva a volare troppo alto sull’acqua creando qualche problema di ventilazione alle appendici.

La piccola caduta dai foil. Frame dal Video di Ivo Rovira, AC Recon

Dopo alcuni check a bordo, Luna Rossa ha ripetuto l’operazione sulle mure a dritta ma questa volta partendo al traino per poi decollare e navigare a vela. Ha navigato alcuni minuti mure a dritta in modo più lineare, per poi decelerare e concludere l’allenamento dopo poco a causa dell’ulteriore aumento della pressione del vento oltre i 20 nodi.

Il dettaglio delle due rande in fase di check da parte dell’equipaggio. Foto AC Recon

Una giornata interlocutoria e di transizione, definita comunque positiva dal team, e condizionata anche da un’intensità del vento che non rendeva la vita facile alla barca che era in assoluto alla sua prima uscita a vela. Probabilmente ha prevalso anche un po’ di prudenza, dato che, lo ricordiamo perché è quanto mai importante, i sindacati hanno un solo AC 75 a disposizione e danneggiarlo significherebbe dovere affrontare un grosso problema e una perdita di tempo importante sulla preparazione.

Foto AC Recon.

Il giudizio sulle performance di Luna Rossa è sospeso, o meglio è totalmente prematuro e tutto sommato irrilevante nella fase in cui si trova la barca. Anche eventuali piccole difficoltà nel volo o nei sistemi di bordo non vanno tenute troppo in conto in questo momento. Va considerato infatti che i foil sono quelli di vecchia generazione, sensibilmente più lenti rispetto alle versioni piatte mostrate dai kiwi (che comunque usano un set ancora vecchio) e da Alinghi (che invece ha mostrato già delle appendici nuove). Insomma per capire quali siano le reali potenzialità della barca italiana ci vorrà ancora del tempo, e lo scopriremo in modo definitivo solo al momento dei primi confronti ufficiali in regata.

Per il momento si registra sia da parte di Alinghi che di Luna Rossa una prima uscita in mare più prudente e “zoppicante” (passateci il termine) rispetto a quella di Team New Zealand che già nel giorno del varo ha eseguito test di traino e navigazione a vela, per sfiorare i 40 nodi di bolina nel day 2. Non conta niente in questa fase, ma è chiara la volontà del defender di mostrarsi molto solido e temibile e di volere rimarcare il vantaggio (presunto o reale?) che ha rispetto agli altri sfidanti.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “FOTO – Il primo allenamento di Luna Rossa, com’è andata e cos’è successo”

  1. Grazie per il servizio alquanto descrittivo e reale rispetto alle condizioni di prima uscita della barca!
    Attendiamo le prossime settimane e vedere gli eventuali sviluppi!
    Un caro saluto a tuttio lo Saff del Giornale Della Vela ,
    Diceva il grande Nino Manfredi in uno delle sue Gheg piu’ popolari: ” Fousse che fousse la vuolta buona……aah?””
    Be’ penso che questo ce lo auguriamo tutti di cuore!
    E…..che viva la pace nel mondo di buona volonta’!!!

  2. I pesci hanno la pelle fatta a scaglie Come e’ noto creano delle mini turbolenze sulla superficie che permettono di superare le cosiddette velocità critiche di una superficie liscia.
    Non credo sia ipotizzabile una superficie a scaglie per l’ intero scafo ma considerarle per le aree che stanno in acqua durante la regata ossia Foils e soprattutto Timone potrebbe rappresentare un piccolo vantaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Registrati



Accedi