FOTO – Team New Zealand vara il nuovo AC 75, poche sorprese (per ora) e qualche “segreto”

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Emirates Team New Zealand, il nuovo AC75 presentato ad Auckland

Chi si aspettava fuochi d’artificio probabilmente è rimasto deluso: il primo “unveiling” dell’AC 75 del defender Team New Zealand, si è svolto senza alcuna cerimonia particolare alla base di Auckland, nel massimo della riservatezza.

A una prima vista, la barca non presenta rivoluzioni enormi ma sembra confermare l’impressione avuta già con Alinghi Red Bull Racing, i team non vogliono rischiare troppo avendo una sola barca a disposizione da costruire.

America’s Cup Recon
ETNZ B3. Si nota un piccolo scalino nella zona bassa della prua già presente su Alinghi.

Dalle immagini che abbiamo a disposizione i kiwi sembrano fare fra l’altro ancora un po’ di pre tattica, per tenere ancora celato per qualche settimana qualcosa che riguarda lo scafo e la coperta, che non viene mai mostrata al momento.

AC 75 Team New Zealand, i primi dettagli

Emirates Team New Zealand, l’uscita dalla base del nuovo AC 75.

Una barca che potremmo definire “magra”,  con una sezione anteriore a V contenuta, forse anche fin troppo magra per chi si aspettava un design “preoccupato” di gestire i “touch and go” delle onde a Barcellona, campo di regata che si annuncia con un moto ondoso medio significativo.

Emirates Team New Zealand, il primo varo.

AC 75 Team New Zealand – i volumi nascosti

Subito dietro la prua i volumi dello scafo sono scavati e inizia presto la parte piatta  che prosegue praticamente fino a poppa, che come abbiamo visto nei nostri approfondimenti è funzionale a ricreare il cuscinetto d’aria tra scafo e acqua.

Sembra esserci una zona, appena dietro alla prua, dove lo scafo appare particolarmente scavato, quasi un accenno di tunnel o comunque di una forma più curva, ma le foto che abbiamo a disposizione sembrano essere volutamente scattate con dei riflessi che lasciano intravedere male. O addirittura sembra essere stata applicata una leggera patina opaca per camuffarla.

America’s Cup Recon
ETNZ
B3

Interessante notare come la “chiglietta” centrale, sembri piuttosto fine ed affilata, profonda, questa si pensata per contrastare l’onda catalana e offrire resistenza laterale quando la barca bacerà l’acqua. Chiglietta che, come nel caso di Alinghi, prosegue fino a poppa.

Emirates Team New Zealand new AC75. Si nota la chiglia piuttosto fine sotto lo scafo.

I foil mostrati sono tutto sommato poco significativi. Stretti e lunghi, evoluzione della serie che i kiwi hanno mostrato nelle finali della scorsa Coppa America, ma da adesso a settembre, quando inizieranno le regate vere,  ci saranno sicuramente delle novità per le appendici, quindi il giudizio resta sospeso.

In definitiva, pur restando qualche mistero sulle forme della parte anteriore dello scafo, non ci sono stati grandissimi colpi di scena col nuovo AC 75 di Team New Zealand. Attenzione però perché con una barca sola a disposizione i team potrebbero riservarsi degli assi nella manica da mostrare più a ridosso delle regate, quando ci sarà meno tempo per essere copiati dagli altri. Ragionevole pensare che non tutto il potenziale di queste barche venga mostrato in questi che restano solo dei vari tecnici.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Registrati



Accedi