FOTO – Le immagine inedite e tutti i segreti dell’AC 75 Alinghi Red Bull Racing

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Lo “show down” è iniziato e il primo sindacato della Coppa America 2024 a scoprire le carte in tavola è stato Alinghi Red Bull Racing (il nostro video alla base), che a Port Vell, Barcellona, ha svelato al pubblico il suo nuovo AC 75. Il coordinatore del Design Team è Marcelino Botin, e dalle prime immagini della nuova barca arrivano tante conferme a quello che avevamo immaginato nel nostro recente servizio sul design degli AC 75.

Alingji Red Bull Racing – La carena piatta per ricreare il cuscino d’aria

A sinistra Te Rehutai, la barca vincente di Team New Zealand alla scorsa Coppa America. A destra due possibili soluzioni progettuali per ricreare il cuscino d’aria tra scafo e superficie dell’acqua. Quella di Alinghi sembra essere la soluzione in verde.

Il punto di partenza del nuovo AC 75 di Alinghi, e probabilmente non solo quello degli svizzeri, sembra essere stato Te Rehutai, ma come prevedibile ci sono state diverse evoluzioni nella scelte del team elvetico. La prima riguarda le forme della carena.

‘ Te Rehutai”
A nostro avviso esistevano due strade, per ricreare il tanto desiderato cuscinetto d’aria tra l’acqua e la carena, elemento che serve ad aumentare il lift della barca, creare accelerazione, e ridurre la dimensione dei foil immersi. 
Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Si nota come nella zona quasi centrale dello scafo, in corrispondenza del braccio del foil, la superficie della carena sembri totalmente piatta e non a U rovesciata come nella nostra ipotesi in giallo nel disegno in alto. 

La scelta di Alinghi Red Bull Racing sembra essere stata nettamente quella da noi evidenziata in verde, ovvero carena piatta.

Il cuscino d’aria sotto la carena.

L’avevamo definita come la scelta più conservatrice, soprattutto perché la soluzione in giallo nel nostro disegno implicherebbe alcuni rischi di deportanza (spinta dall’alto verso il basso), non semplicissima da equilibrare con le appendici.

Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Interessante l’ “onda” formata dalla linea di coperta, più scavata nella zona dove le vele lavoreranno a filo col ponte, rialzata dove viene posizionato l’equipaggio. 
Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Si nota ulteriormente il dettaglio della carena piatta.

Una soluzione in sintesi abbastanza attesa, moderatamente conservativa, ma comunque più evoluta in alcuni elementi rispetto alla vecchia Team New Zealand.

AC 75 Alinghi Red Bull Racing – La “chiglia”

La “chiglietta” centrale per esempio in Alinghi Red Bull Racing è molto più pronunciata, e il motivo potrebbe essere legato alle condizioni di Barcellona. Si è visto infatti nella scorsa edizione come barche a carena completamente piatta, come per esempio la prima di Ineos o American Magic, siano state rapidamente accantonate.

Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Da poppa si nota bene il profilo a U della chiglia centrale che arriva fino all’estrema poppa.

L’elemento della chiglia serve da anti scarroccio quando la barca tocca l’acqua, e ne favorisce la risalita sui foil. A Barcellona, con un campo di regata dove l’onda la farà da padrona in tante condizioni, avere una chiglia più pronunciata potrà essere conveniente.

Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. La prua ricorda in modo importante la barca di Team New Zealand, con la differenza di avere un profilo più magro.

Alinghi Red Bull Racing – Una prua magra

Altra sostanziale differenza l’abbiamo notata sulla parte anteriore della barca, nella zona della prua. La sezione sembra ricordare molto quella di Te Rehutai, ma è m molto più magra e fine. Si nota quindi la ricerca di un profilo che abbia la minore resistenza aerodinamica possibile, a costo di eliminare anche i volumi superiori della prua che nella barca dei kiwi erano invece ben presenti.

Compare un piccolo spigolo, che probabilmente è stato realizzato per offrire un po’ di resistenza in caso di noiose diving, ingavonata di prua, per cercare di fare risalire la prua fuori dall’acqua più velocemente.

AC 75 Alinghi – La cupoletta trasparente

Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Si nota un po’ più avanti della zona dove sarà posizionato l’equipaggio una sorta di cupoletta trasparente, sotto la quale probabilmente lavoreranno i velisti. Potrebbe servire a riparare eventuali schermi degli strumenti, magari per una postazione del flight controller. 

Poco si è visto della coperta e della zona dove verrà collocato l’equipaggio, se non un dettaglio interessante ma anche questo tutto sommato prevedibile: una sorta di cupoletta trasparente, che immaginiamo possa servire per protezione dell’equipaggio e soprattutto per tenere al riparo eventuali schermi degli strumenti, immaginando quindi che quella possa essere la postazione del flight controller.

Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon. Il dettaglio del profilo della poppa, sottilissimo.
Alinghi Red Bull Racing, Day 0 of AC75 ‘’BOAT ONE’’ (B2), New AC75 unveiling ceremony in Barcelona. – 5April2024. 37th America’s Cup Recon.

Nessun dettaglio invece è stato mostrato sui foil, accuratamente occultati. In generale la presentazione della barca è stata organizzata in modo che venisse mostrata ma non troppo, non da ogni angolo, e a una distanza non troppo ravvicinata per i fotografi. Strategie classiche da Coppa America insomma, un po’ per buttare fumo negli occhi agli avversari, un po’ per tenere celato ancora per qualche giorno qualche particolare della barca, che diventerà abbastanza di dominio pubblico non appena gli AC 75 inizieranno a navigare.

In ogni caso è vietato sbagliare: con un solo AC 75 a disposizione per questa Coppa America chi sbaglia il progetto sarà fuori dai giochi perché non avrà possibilità di rimediare. Il 13 aprile sarà il turno della nuova Luna Rossa Prada Pirelli.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi