Che tempo farà quest’estate (e perché dobbiamo stare attenti)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

che tempo farà

Che tempo farà quest’estate? Con il Mediterraneo sempre più caldo, il rischio di fenomeni imprevedibili è aumentato. Prepariamoci


Vi basti questo dato diffuso dal CNR a fine dicembre: da maggio 2022 a maggio 2023 il Mediterraneo ha subito l’ondata di calore più lunga mai registrata negli ultimi 40 anni con un aumento fino a 4 °C delle temperature del mare e picchi superiori a 23°C.

Che tempo farà quest’estate?

Cosa significa tutto ciò? Che dobbiamo abituarci sempre più, soprattutto nel periodo tardo primaverile-estivo, a fenomeni meteorologi violenti e imprevedibili nel nostro mare.

La meteorologia dal canto suo è al lavoro per sviluppare modelli sempre più sofisticati che siano in grado di prevenire in anticipo tempeste e “medicane” (gli uragani mediterranei che vi abbiamo spiegato qui), come già accade in paesi come il Giappone dove questi fenomeni sono all’ordine del giorno.

Che estate aspetta chi va per mare? Navigheremo tranquilli o dovremo affrontare fenomeni improvvisi come quello dell’estate 2022 che ha messo in ginocchio la Corsica, per cui le previsioni parlavano di venti di 30 nodi e invece è arrivato l’inferno con raffiche fino a 100 nodi?

Di certo, qualcosa dovremo aspettarci. L’ultima “sventolata” non annunciata risale a pochi giorni fa, a Punta Ala, dove sono arrivati venti improvvisi con punte fino a 50 nodi che hanno causato ingenti danni alle barche ormeggiate in porto.


Per quest’anno: prudenza e prevenzione!

Le parole d’ordine, per quest’estate, sono solo due. Prudenza e prevenzione. Come peraltro dovrebbe essere sempre, in mare. Affidatevi sempre a un buon servizio meteo, non andate “a naso” e non fidatevi esclusivamente del caro vecchio barometro. Prevedete la possibilità di una seconda ancora se siete fermi in rada, assicuratevi che il rollafiocco sia sempre bloccato e la vela non possa srotolarsi. In navigazione, mani di terzaroli sempre pronte all’uso e non dimenticatevi la “tormentina” in fondo ai gavoni. 

Abbiamo raccolto per voi alcuni articoli sul “cosa fare” se arriva la burrasca, in navigazione e in rada:

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Attacchi delle orche alle barche. Cosa fare, anche in Mediterraneo

Le orche assassine di barche da diporto diventa un caso ufficiale e lambisce anche il Mediterraneo. Due importanti associazioni nautiche, il RYA (Royal Yachting Association) e la Cruising Association hanno ufficialmente diramato un comunicato in cui, con l’arrivo della bella

noleggiare la barca 2024

Dove e quando noleggiare la barca nel 2024

Dopo avervi svelato quanto costa noleggiare la barca nel 2024, a seconda della sua tipologia (monoscafo o catamarano), lunghezza, della location e del periodo dell’anno, è il momento di capire dove noleggiare la barca. Dove e quando andare con la

Registrati



Accedi