L’Odissea (a lieto fine) di Translated9. Oggi riparte per il giro del mondo!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Missione compiuta. Translated9, lo Swan 65 (19,68 x 4,96 m) italiano impegnato nella Ocean Globe Race, il giro del mondo in equipaggio “senza tecnologie” sulle orme della prima Whitbread ideato da Don McIntyre, ritorna in regata.

L’Odissea di Translated9

Ci riesce dopo avere vinto una corsa al cardiopalma dopo aver riparato la barca in tempo record, navigato per mille miglia tra le Falkland-Malvinas e l’Uruguay, superato i controlli di sicurezza dell’organizzazione e risolto un problema grosso al motore.

Cosa era successo a Translated9

Il 9 febbraio scorso, la barca di Marco Trombetti stava percorrendo la terza tappa (Auckland-Punta del Este) ed era in testa nella classifica generale quando, dopo aver doppiato Capo Horn, ha iniziato a imbarcare acqua dalla zona del timone e ha dovuto riparare verso le Falkland-Malvinas. Qui, la barca è stata alata perché i danni non sono risultati riparabili dall’equipaggio. Abbiamo avuto una crepa sullo skeg e una delaminazione dei rinforzi vari in zona timone, con un po’ di entrata d’acqua, ci avevano raccontato dall’equipaggio. Poiché il regolamento della Ocean Globe Race impedisce di ricevere aiuti esterni, Translated si è dovuto ritirare dalla terza tappa perdendo la leadership della classifica.

La corsa contro il tempo

Ma il team, con a bordo velisti del calibro di Nico Malingri (figlio di Vittorio, che si è sbarcato dopo la seconda tappa tra le polemiche) e Pietro Luciani, ce l’ha messa tutta per rientrare in regata. Il tempo utile per essere pronti sulla linea di partenza di Punta del Este (dove le barche della Ocean Globe Race partono in direzione Southampton, ultima tappa) era oggi e Translated9, in poco più di due settimane, ce l’ha fatta.

Nico Malingri alle prese con le riparazioni su Translated9 alle Falkland-Malvinas

Hanno riparato i danni allo skeg in tempo record alle Falkland-Malvinas, raggiunto punta del Este dalle Falkland (circa 1.000 miglia) e passato la rigorosa ispezione da parte dell’organizzazione della regata per accertarsi che il lavoro fosse stato fatto a regola d’arte e che la barca fosse in grado di navigare senza problemi per l’ultima tappa. 

Il “casino” del motore

Ma non è finita qui. Ciliegina sulla torta, a Punta del Este c’è stato nel mentre anche un bel problema all’entrobordo, che si è fermato. C’era bisogno di un pezzo della trasmissione, ma visto che si tratta di un motore vecchio trovare il ricambio è stato difficilissimo. Ci è riuscito Marco Trombetti, che è volato dall’Uruguay all’Argentario dove gli avevano segnalato che in un cantiere ce ne era uno disponibile.  

translated9
Marco Trombetti, armatore dello Swan 65 Translated9, è volato in Italia dall’Uruguay per trovare un pezzo di ricambio del motore

Missione compiuta

Che Odissea! Oggi è un giorno di festa per Translated9, che parte per la quarta tappa (la partenza è alle 14 locali, le 10 in Italia). L’equipaggio ha dimostrato organizzazione e marineria. Certo, a seguito del ritiro nella terza tappa, non potrà più vincere, né in classifica generale né in quella IRC. Ma farà il possibile per vincere l’ultima tappa! Potete seguire il tracking della Ocean Globe Race a questo link.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “L’Odissea (a lieto fine) di Translated9. Oggi riparte per il giro del mondo!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Attacchi delle orche alle barche. Cosa fare, anche in Mediterraneo

Le orche assassine di barche da diporto diventa un caso ufficiale e lambisce anche il Mediterraneo. Due importanti associazioni nautiche, il RYA (Royal Yachting Association) e la Cruising Association hanno ufficialmente diramato un comunicato in cui, con l’arrivo della bella

noleggiare la barca 2024

Dove e quando noleggiare la barca nel 2024

Dopo avervi svelato quanto costa noleggiare la barca nel 2024, a seconda della sua tipologia (monoscafo o catamarano), lunghezza, della location e del periodo dell’anno, è il momento di capire dove noleggiare la barca. Dove e quando andare con la

Registrati



Accedi