Questi i danni su Translated9. Riusciranno a ripararli in tempo e ripartire?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

skeg translated9
La freccia roccia indica lo skeg a cui è attaccata la pala del timone sullo Swan 65 Translated9. Lo skeg è uno dei punti deboli delle barche che lo adottano a causa dei carichi di torsione a cui è sottoposto e al vincolo di essere sottile per avere più efficienza idrodinamica.

È una corsa contro il tempo quella di Translated9. Il team dello Swan 65 italiano ce la sta mettendo tutta per riparare i danni allo scafo e al timone causati da una tempesta con onde di 7 metri dopo aver doppiato Capo Horn. Questo per rientrare in gara alla Ocean Globe Race, il giro del mondo in equipaggio senza elettronica e su barche “vintage” sulla rotta della Whitbread 1973/74 ideato da Don McIntyre.

Translated9
Translated9

La barca stava percorrendo la terza tappa (Auckland-Punta del Este) quando ha iniziato a imbarcare acqua dalla zona del timone e ha dovuto riparare verso le Falkland-Malvinas. Qui, la barca è stata alata perché i danni non sono risultati riparabili dall’equipaggio. Poiché il regolamento della Ocean Globe Race impedisce di ricevere aiuti esterni, Translated si è dovuto ritirare dalla terza tappa perdendo la leadership della classifica.

La corsa contro il tempo

Non tutto è perduto, ma ora il problema da risolvere è solo uno. Essere pronti a partire per la quarta e ultima tappa, quella da Punta del Este, in Uruguay, fino a Southampton: la partenza è in programma il 5 marzo, ma non è così facile. “Abbiamo avuto una crepa sullo skeg e una delaminazione dei rinforzi vari in zona timone, con un po’ di entrata d’acqua”, ci raccontano dall’equipaggio. “I tempi per la riparazione sono molto stretti”.

Guarda i danni a bordo di Translated9

Anche perché Translated9, per potersi presentare alla partenza, dovrà percorrere le 1.000 miglia dalle Falkland-Malvinas a Punta del Este, che, se ipotizziamo che Translated9 percorra a una media di 8 nodi, richiederanno circa cinque giorni di navigazione.

Nico Malingri, uno dei membri del team, alle prese con le riparazioni su Translated9 alle Falkland

La “colpa” dello skeg

Lo skeg (ovvero il prolungamento dello scafo che sostiene la pala del timone a cui questa è collegata), molto comune sulle barche degli anni ’70, si è in realtà rivelato uno dei punti deboli di queste barche perché sottoposto a torsioni elevatissime (criticità aumentata dal fatto che il suo profilo deve essere sottile ed efficiente dal punto di vista idrodinamico). Ci sono infatti altri Swan 65 il cui sistema è stato sostituito dal timone appeso, ma lo stringente regolamento di regata della Ocean Globe Race (che al punto 5.1.3 recita che “il profilo sott’acqua, pala del timone inclusa, deve essere originale. Eventuali refit devono essere fedeli al design originale”) lo impedisce per preservare lo spirito più puro e romantico dell’avventura.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Luna Rossa a Barcellona con Tita al timone e i nuovi foil

Primi allenamenti sul campi di regata di Barcellona per Luna Rossa Prada Pirelli Team, che per la prima volta ha incrociato, a distanza, gli altri sfidanti, e in particolare American Magic. Come riportato nei report ufficiali delle spie si è

Registrati



Accedi