Luna Rossa, che botta per l’AC 40 con l’equipaggio Young

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il momento dell’ingavonata visto da bordo

Brutta ingavonata in allenamento a Cagliari per l’AC 40 di Luna Rossa Prada Pirelli, in una giornata di Maestrale teso. Il team italiano sta proseguendo in Sardegna i test a due barche, tra Leq 12 e AC40, e in uno di questi è avvenuto l’incidente che non ha lasciato nessuna conseguenza all’equipaggio.

Luna Rossa – Il video dell’ingavonata

AC 40 Luna Rossa – Che botta!

L’ingavonata è avvenuta in uscita da una virata. L’AC40 italiano stava provando una manovra per certi versi simile a quella che portò alla disastrosa scuffia di American Magic ad Auckland durante la Coppa del 2020: bolina, virata e poggiata immediata, con brezza tesa stimata sopra i 15 nodi. Una manovra che se eseguita con vento forte comporta non pochi rischi. Dal video si nota come entrambi i bracci dei foil siano giù, ma l’equipaggio non fa in tempo a richiamare quello sopravvento alla fine della virata perché parte l’ingavonata.

Poggiando in modo “brutale” in uscita dal cambio di mura può succedere che la barca aumenti la sua altezza di foiling pericolosamente, portando le appendici (timone e foil) a contatto con la superficie. Se le lame dei foil aspirano aria la perdita di controllo è garantita, ed è quello che probabilmente è accaduto all’AC 40 Luna Rossa.

Non è stato ancora caricato sul Recon, il database delle spie che seguono la Coppa America, un report ufficiale dell’uscita. La stessa Luna Rossa però sul suo profilo Facebook parla di “Young Guns”, molto probabilmente a bordo c’erano Marco Gradoni e alcuni degli altri Young del team, che in queste settimane stanno partecipando attivamente agli allenamenti, ruotandosi con i senior a bordo del Leq 12 e dell’AC 40.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Luna Rossa, che botta per l’AC 40 con l’equipaggio Young”

  1. buon giorno.
    troppi ingegneri aeronautici coinvolti nella progettazione e pochi marinai. non si può vedere una imbarcazione che più che ingavonare va in picchiata. anni fa scrissi su Bolina chiedendo perché non spostassero più in avanti i foil. non essendo in grado di rispondermi girarono il quesito a Giovanni Soldini il quale rispose che bisognava allineare il centro velico con quello di deriva non si poteva derogare a questa regola.
    oggi tutti i foil sono più a proravia …. ma il problema dei decolli è risolto solo in parte. il foil sul timone è un errore progettuale, io una soluzione forse ce l’ho. è possibile parlarne con qualcuno?
    grazie e buon vento. Marco Moro (mob. 349 6933763)

  2. Io resto dell’idea che le competizioni sportive devono essere un laboratorio per la produzione di serie. Lo spettacolo vuole la velocità? Bene, si torni ai catamarani. Cosa si aspetta a decretare che gli scarafoni volanti sono una pericolosa cagata, che ci scappa il morto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

FOTO Tutti i segreti di Luna Rossa appena varata

Bella, proprio bella la nuova Luna Rossa. Un oggetto spettacolare. Ma la bellezza, negli AC75, non è tutto. Se sarà veloce lo sapremo tra un bel po’ di tempo, a Barcellona dal 22 al 25 agosto. Solo allora le sei

Registrati



Accedi