Tre catamarani fuori dal coro dagli 11 ai 17 metri

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il mercato dei catamarani ormai da tempo è occupato per oltre il 90% dai cruiser, esistono però delle varianti sul tema, che portano un tocco di varietà e, perché no, sportività anche in questo settore. Vi presentiamo oggi 3 catamarani che ci piace definire come “fuori dal coro”, ovvero non impostati sul classico schema dei catamarani cruiser-charter, ma studiati per avere performance e divertimento a vela, pur mantenendo quei requisiti di comodità che piacciono al pubblico dei catamarani.

Cure 55

Arriva dall’Australia questo catamarano (17,78 x 8,69 m) costruito in carbonio e disegnato da Paul Bury e dal Cure Design Team. Si caratterizza per delle prue affilate e un’estetica generale piuttosto grintosa. Nonostante a prua sia stata mantenuta la rete tipica dei catamarani più sportivi, davanti la tuga trova posto anche una piccola zona prendi sole. Lussuosi gli interni, che offrono varie possibilità di layout per questo catamarano che ha però come primo obiettivo quello di restituire ai suoi ospiti prestazioni veliche esaltanti.

www.curemarine.com.au

Far East 42C

Fareast 42CIl Far East 42 C (12,55 x 6,80) è in realtà il secondo cat prodotto dal cantiere cinese, ma il primo, il 36C, seguiva come filosofia più quella delle sport boat. Il 42 C è stato presentato al salone nautico di Shanghai, il progetto è di Simonis Voogd Design che ha firmato anche i monoscafi del cantiere. Un po’ a sorpresa il Far East 42C è un vero e proprio cat da crociera. Si discosta quindi dalla tradizione del cantiere che fino a oggi non aveva mai prodotto dei cruiser, e decide di farlo entrando nel mondo dei catamarani. A conferma di ciò il fly bridge, e la proposta di una versione esplicitamente dedicata al charter.

www.fareastboats.it  

Seawind 1170

Arriva ancora dall’Australia questo catamarano che stavolta ci porta in una dimensione squisitamente legata alla crociera armatoriale, il Seawind 1170 (11,90 x 6,50 m). La barca si caratterizza per una tuga di dimensioni generose sulla quale sono state installate delle ampie finestre, due delle quali, le centrali, apribili per aumentare l’areazione interna.

La barca viene equipaggiata con due stralli, uno per il fiocco autovirante, il secondo per una vela di prua di dimensioni più generose, una sorta di Code/Genoa. Comodi e da viaggio gli interni.

www.seawindcats.com 

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

Il team di America’s Cup INEOS Britannia sta attraversando un periodo burrascoso, e non solo sul mare. Dopo un po’ di delusione nelle regate preliminari di America’s Cup, con un ultimo e penultimo posto alle tappe di Vilanova e Jeddah,

Torna su

Registrati



Accedi