Alla scoperta dei trimarani Ultim, capaci di fare più di 700 miglia in 24 ore

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

 

Il maxi Ultime Gitana Edmond de Rothschild vincitore con record della Route du Rhum 2022, in corsa alla Arkea Ultim

L’Arkea Ultim Challenge ha ormai un leader solido, Charles Caudrelier, che ha doppiato Capo di Buona Speranza in testa con circa 900 miglia di vantaggio su Thomas Coville. Con le medie che tengono questi mostri, 900 miglia equivalgono a poco più di 24 ore, un margine che lascia quindi la pazza regata intorno al mondo ancora apertissima.

Che barche sono però gli Ultim e come fanno a macinare medie ben oltre le 700 miglia nelle 24 ore con questa costanza?

Ultim – Che trimarani!

Partiamo da un punto fermo: gli Ultim non sono dei trimarani monotipo, ma hanno una regola di classe che definisce le dimensioni massime entro le quali i progettisti possono muoversi, ovvero quel 32×23 (lunghezza e larghezza), che rappresenta il limite massimo oltre il quale non si può andare. Nella classe vengono riconosciuti anche dei trimarani di dimensioni più piccole, come gli ex MOD 70 come Maserati, più piccola di quasi 2 metri rispetto agli ultim di ultima generazione.

La classe è nata nel 2014, e attualmente ci sono 16 Ultim al mondo in attività, molti dei quali in Francia. Una regata che ha segnato uno spartiacque per la classe è stata la Route du Rhum 2018, dove sono comparsi i primi veri e propri foil, adottati inizialmente solo da Edmond de Rotschild e Banque Populaire.

A seguire tutti i nuovi Ultim furono dotati di foil, che hanno reso di fatto queste barche volanti, un esercizio alquanto complesso da fare in Oceano, e non esente da rischi, non a caso nei primi esperimenti si registrarono numerose avarie e soltanto adesso gli Ultim garantiscono piena affidabilità sui foil. Le appendici originarie erano quasi rette, poi arrivarono le derive a C, ma è da quando sono stati introdotti i foil a L che le medie di percorrenza sono aumentate a dismisura, arrivando anche a superare comodamente le 700 miglia nelle 24 ore.

Ultim – A quali regate partecipano

Gli Ultim sono ammessi alle classiche transatlantiche francesi come la Route du Rhum e la Transat Jacques Vabre, ma possono partecipare per esempio anche a regate come il Fastnet dove spesso sono presenti. Ci sono poi dei record a loro dedicati, come quello del Trofeo Jules Verne, il tempo più veloce sul giro del mondo, attualmente detenuto da Francois Gabart in solitaria (42 giorni) e da Francis Joyon in equipaggio (40 giorni).

www.ultimboat.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Vincenzo “Cino” Ricci, per tutti rigorosamente Cino, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’ America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le

Ambrogio Beccaria - Alberto Riva

Dopo il ritiro: Ambrogio Beccaria marinaio come tutti

Fresco di ritiro dalla Quebec-Saint Malo (la regata di 2897 miglia nell’Atlantico del Nord, dal Canada alla Francia) a causa di una falla sulla sul suo Class 40 AllaGrande Pirelli, Ambrogio Beccaria si è lasciato andare a questa intensa riflessione.

Registrati



Accedi