Cinque youngtimer del ‘99 che sono Classic Boat da preservare (10-11 m)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

C&C 110

Anno nuovo, barche usate nuove: arrivano le “classe 1999”. Ad aprire l’anno, parlando di Classic Boat, hanno appena compiuto 25 anni dal primo varo diversi scafi, tra cui 34 modelli costruiti in serie in vetroresina che, ora, diventano Classic Boat di valore storico. Si aggiungono quindi 34 Classic Boat alle oltre 200 già censite dalla nostra redazione (le trovate QUI). E il loro valore aumenta.

Classe 1999 – 5 Classic Boat del 1999 d 10,35 a 11,10 metri

Aumentano di valore? Sì, ma un valore non solo affettivo, bensì un reale incremento del valore che meritano grazie alle loro caratteristiche di innovazione, bellezza, qualità, prestazioni. Ci sono, infatti, barche che valgono più di altre e che nel tempo varranno ancora di più. Ormai ne abbiamo diverse volte, si tratta delle Classic Boat by Giornale della Vela, barche costruite in vetroresina e in serie a partire dal 1967 e con un minimo di 25 anni sulle spalle, selezionate sulla base di canoni ben precisi che trascendono l’età del manufatto e che si concentrano sul suo valore storico intrinseco, a partire dal complesso delle qualità di progetto e dall’originalità della barca nel suo contesto. Qui di seguito 5 barche del nuovo upgrade relativo al 1999, Classic Boat da 10,35 a 11,10 metri. 

  • Hai una Classic Boat e vuoi valorizzarla? Ti spieghiamo come fare a fine articolo!

OCEANIS 331

Beneteau; 10,35 x 3,42 m; 1999; Groupe Finot

Prodotto in 99 esemplari, l’Oceanis 331 nasce nel ‘99 come un invito alla crociera e all’esplorazione. È un dislocamento medio capace di buone performance, ma guarda in primis alla navigazione ed al comfort, offrendo interni capaci di ospitare comodamente anche 6 persone e riscuotendo buon successo tra il pubblico. Uno dei progetti “pop” del Groupe Finot.

Classic Boat
Oceanis 331; Beneteau; 10,35 x 3,42 m; 1999; Groupe Finot

ELAN 362

Elan; 10,68 x 3,52 m; 1999; Rob Humphreys

Nel 99 Elan fa firmare a Rob Humphreys due scafi, uno di questi è il 362. Le linee sono filanti, gli interni completi, accoglienti. Dalla mano del britannico nasce così una barca sicura, uno scafo versatile e pensato per sposare crociera e performance. Uno scafo che cammina, ma che non disdegna la crociera.

Elan 362; Elan; 10,68 x 3,52 m; 1999; Rob Humphreys

BAVARIA 34

Bavaria; 10,8 x 2,97 m; 1999; J&J

A fare il paio con il 31, nel ‘99 Bavaria lancia anche il 34’, sempre firmato J&J ma più sportivo della sorella minore. L’armo è frazionato, coperta e pozzetto sono razionali, ben fruibili, e le linee d’acqua lo rendono più adatto alla crociera veloce che al puro relax. La tedesca, però, vede lungo, soddisfando il suo pubblico con due opzioni: deriva a bulbo profonda (1.7 m) per i corsaioli, pescaggio ridotto (1.25), per chi preferisce la crociera, le serate in rada.

Classic Boat
Bavaria 34; Bavaria; 10,8 x 2,97 m; 1999; J&J

C&C 110

C&C; 11,07 x 3,66 m; 1999; Tim Jackett

Costruito in 27 esemplari, il C&C 110 fu un successo del cantiere Canadese, con buone qualità marine e notevoli performance pur essendo, in linea di massima, concepito come cruiser. Rispetto al family feeling del cantiere, si discosta dai disegni precedenti, necessità dettata dal nuovo mercato, ma ne mantiene la qualità costruttiva e progettuale. Youngtimer dalla solida fanbase.

C&C 110; C&C; 11,07 x 3,66 m; 1999; Tim Jackett

OCEANIS 361

Beneteau; 11,10 x 3,80 m; 1999; Berret-Racoupeau

Berret-Racoupeau firma, per Beneteau, un piccolo/grande cruiser destinato a entrare tra i favoriti nel mondo dei “piccoli charter”. È l’Oceanis 361, uno scafo “tondo”, dal baglio massimo arretrato e dalla poppa a ridotta superficie bagnata. Confortevole e di semplice conduzione, forte di volumi interni capienti e con fino a 3 cabine doppie, è presto un must della crociera primi anni 2000.

Oceanis 361; Beneteau; 11,10 x 3,80 m; 1999; Berret-Racoupeau

I tre step per valorizzare la tua Classic Boat

Bene, la vostra barca è una Classic Boat? Ora vi spieghiamo come dare dignità alle Classic Boat by Giornale della Vela e aumentarne il valore. Abbiamo creato una rete di professionisti dedicata proprio a questa valorizzazione.

  • Il primo step obbligatorio per valorizzare una Classic Boat storica by Giornale della Vela è la perizia. Abbiamo individuato due periti “top” (Davide Zerbinati e Danilo Fabbroni) in grado di stilare una reale certificazione di Classic Boat e vedere riconosciuto il valore storico della barca. Solo con un’attenta analisi dello stato del bene e della sua manutenzione negli anni, oltre a controllare che non sia stato stravolto il progetto originario, si può certificare il suo valore.
  •  L’assicurazione è il secondo passo indispensabile, dopo la perizia. Oggi è difficile che una compagnia assicurativa valuti una barca con almeno 25 anni di vita per il suo reale valore. Con la nostra iniziativa e con una perizia adeguata fornita dal nostro broker riconosciuto (David Assicurazioni), il valore intrinseco del bene viene riconosciuto anche dall’assicurazione. E se la perizia ha certificato l’ottimo stato della barca… il premio potrebbe anche essere
  • La compravendita è il terzo step che richiedeva professionisti dedicati: abbiamo coinvolto uno dei maggiori broker italiani (Abayachting) in grado di recepire il reale valore di ognuna delle attuali 188 barche selezionate, sia nel caso di vendita che di acquisto. Vi aiuta a venderla o a comprarla al miglior prezzo, selezionando l’acquirente o il compratore migliore, eseguendo una valutazione dello stato della barca.
  • Il nostro “dream team” di periti, assicuratori e broker è contattabile con un click direttamente dalle schede delle barche.

BARCHE USATE Che affare essere una Classic Boat!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Cinque youngtimer del ‘99 che sono Classic Boat da preservare (10-11 m)”

  1. Opinabile la scelta di tutelare con l’inserimento nell’elenco anche barche di gran serie: buone barche che si valorizzano da sole.
    Una domanda: nell’elenco è incluso il comet 333 di Vallicelli. Le misure riportate sono però quelle del comet 303 (ingiustamente escluso, ma parlo pro domo mea).
    Buon vento
    Umberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi