Base randa: a cosa serve e come regolarla, ma occhio alle eccezioni

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

A bordo di una barca a vela ogni singola cima serve per una manovra, e tra quelle più note c’è senz’altro la base della randa, una delle prime che impariamo a gestire. A cosa è utile però di preciso la regolazione della base randa e come/quando dobbiamo utilizzarla?

Banalmente si potrebbe pensare che la cima che regola la base della randa serva a tenere il punto di scotta della vela solidale al boma, in realtà non è questa la funzione di questa manovra. La ragione infatti per la quale abbiamo una cima che regola la base è quella di modificare la forma della vela, ovvero il suo grasso.

La regola è abbastanza intuitiva: più il vento è intenso più la base va tesata, e viceversa. Attenzione però a non esagerare soprattutto con poco vento, perché esistono delle eccezioni alla teoria. Se infatti con 4-5 nodi di vento teniamo la base della randa eccessivamente lasca con la vela che assumerà un profilo molto profondo, rischiamo di avere una randa con una forma poco aerodinamica, come spieghiamo tra poco.

Bisogna infatti trovare la misura giusta soprattutto nella regolazione con vento leggero. A tale scopo può essere utile segnare con del nastro, sul boma, la posizione della bugna nelle varie condizioni di vento, non appena siamo soddisfatti della regolazione ottenuta, in modo da avere un riferimento per le uscite successive.

Base della randa – Come regolarla con pochissimo vento

Quando il vento è leggerissimo, diciamo inferiore ai 6-7 nodi o anche meno, l’intuito suggerirebbe di tenere la base randa il più lascata possibile, in realtà in questi casi va scelta una regolazione  contro intuitiva. Con brezza leggerissima una vela eccessivamente profonda, con base molto lascata, tenderà a non scaricare bene l’aria che cattura.

Non stupiamoci quindi, soprattutto sulle barche da regata, se vedremo dei randisti esperti tenere la base con una tensione quasi simile (appena più morbida) a quella degli 8-10 nodi anche quando di vento ce n’è la metà, la ragione è quella appena descritta, quella di offrire al vento un profilo aerodinamico ed efficente, che risulterà più performante.

In generale, fatta salva questa eccezione, vale la regola che con brezza la vela debba avere una maggiore profondità rispetto a quella che avrà con vento forte dove andremo a smagrire pesantemente il profilo, e non lo faremo solo con la base ma anche con la drizza e il paterazzo, il vang e le sartie alte nel caso di un armo con crocetta acquartierate.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Base randa: a cosa serve e come regolarla, ma occhio alle eccezioni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Torna su

Registrati



Accedi