TECNICA Barca orziera, troppo orziera. Cosa fare?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

la tua barca è troppo orziera
barca orziera

Quasi cinquant’anni del Giornale della Vela sono anche quasi cinquant’anni della nostra sezione di pratica. Abbiamo selezionato i quiz con i migliori consigli pratici che ci sono arrivati dai voi lettori negli anni. In questa puntata vediamo cosa fare se la vostra barca è troppo orziera.

Barca orziera (troppo). Cosa fare

 “La tua barca a vela è troppo orziera, come ti comporti per tentare di correggere questa tendenza?” Ecco tre consigli da mettere in pratica!

Barca orziera – Scafo

Innanzitutto bisogna ridurre lo sbandamento sottovento. Le linee di carena immerse a barca sbandata sono asimmetriche rispetto a quelle a barca dritta e questo, insieme alla componente del centro velico spostato sottovento, generano una coppia di forze che porta a far ruotare l’imbarcazione verso il vento. Quindi importante è tenere la barca dritta.

Armo

Il nostro obiettivo è quello di avanzare il centro velico. Se è possibile, quindi, meglio modificare e/o regolare l’attacco dello strallo, portandolo più a prua in modo da spostare in avanti il centro velico. Se non ci sono le condizioni per modificare la J, cioè la distanza tra albero e punto di mura del fiocco, si può tentare di spostare l’albero verso prua riducendo la lunghezza dello strallo o allentando un po’ la tensione delle sartie, se acquartierate.

C’è da dire però che bisogna anche valutare le modifiche in base alle condizioni meteo; portare in avanti l’albero potrebbe rendere troppo grassa la randa con la conseguenza che, in condizioni di vento sostenuto, la barca diventerebbe ancora più orziera.

Vele

Mollare un po’ di scotta randa e portare il carrello più sottovento. Se il vento è teso allora bisogna appiattire la randa cazzando drizza, paterazzo, base, cunningham e vang. Infine, se possibile, e lo scafo non è troppo sbandato, conviene issare una genoa più grande. Se lo sbandamento risulta eccessivo allora non rimane che ridurre velatura terzarolando la randa.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “TECNICA Barca orziera, troppo orziera. Cosa fare?”

  1. beppe+lazzarone

    Parlando di crociera e non regata mi permetto di chiosare carissimi il vostro periodo finale ” se lo sbandamento risulta eccessivo allora non rimane che ridurre velatura terzarolando la randa” ed aggiungerei : sperando che non sia troppo tardi .
    Cari saluti
    Beppe Lazzarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quiz carteggio

Carteggio, i tre esercizi base per divertirti in crociera

Anche se i chartplotter e i GPS hanno preso il sopravvento, bisogna essere sempre pronti al carteggio con squadretta, compasso, bussola da rilevamento e carta nautica. Anche perché in caso di blackout a bordo, ve la dovrete cavare alla vecchia

Torna su

Registrati



Accedi