Storie dalla Jacques Vabre: “Io 14enne a Le Havre a conoscere il mio mito (grazie al GdV)”

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Transat Jacques Vabre 2023
La partenza della Transat Jacques Vabre 2023; Le Havre (photo by Jean-Marie Liot / Alea). IBSA, di Alberto Bona, è in alto a sinistra.

A Le Havre, a vedere la partenza della 16° Transat Jacques Vabre, la mitica “Route du Cafè”, c’erano tutti. Banchine piene e fan ovunque. Tra questi, anche Alessandro Giay Pron, che avevamo premiato qualche mese fa come autore di un endorsement al Velista dell’Anno 2023 (potete leggerlo qui) Alberto Bona, skipper del Class40 IBSA.

Da lì il passo è stato breve. Alberto Bona ed il Team IBSA hanno letto l’endorsement di Alessandro, invitandolo subito a vedere la partenza e conoscere Bona di persona. Di seguito il suo Reportage da Le Havre:



La partenza della Transat Jacques Vabre 2023; Le Havre (photo by Jean-Marie Liot / Alea)

“Io alla Jacques Vabre a conoscere il mio eroe (grazie al GdV)”

A giugno ho vinto il primo premio all’elezione del Velista dell’Anno 2023, organizzata dal Giornale Della Vela, votando Alberto Bona.

Alberto con il team di IBSA, dopo aver letto il mio endorsement sul Giornale della Vela, mi ha invitato a Le Havre per vedere la partenza della Transat Jacques Vabre e per conoscerlo di persona. Quando ho ricevuto l’email da parte di Cecilia Giugiaro (la fidanzata di Alberto) che mi invitava a Le Havre, non ci potevo credere.

Per me, a soli 14 anni, era un sogno irraggiungibile pensare di poter conoscere Alberto e vedere IBSA, il suo bolide, e tutto questo è avvenuto solo grazie a voi, al Giornale della Vela, che avete dato ai vostri lettori la possibilità di esprimersi con un endorsement dove si raccontavano i motivi della scelta della votazione. Oggi sono a Le Havre, e posso dire di essere uno dei pochi fortunati ad aver stretto la mano ad Alberto Bona, l’orgoglio azzurro in Francia, e tutto questo solo grazie a voi.

Ho avuto l’onore di parlare con Alberto, nonostante fosse preso dagli ultimi preparativi di IBSA alla partenza della regata. Alberto è una persona splendida e con un cuore molto grande: è stato molto ospitale e gentile nei miei confronti e ha rispecchiato perfettamente la figura idilliaca che mi ero creato pensando alle sue imprese.

Alberto è il classico Savoia, proprio come me (siamo entrambi di Torino), è riservato, ma molto cordiale con tutti. È un velista concreto perché con lui parlano i fatti e i risultati prima ancora delle parole. Io lo definisco un artista (già che siamo a Le Havre, patria degli impressionisti..) perché attraversare l’oceano su una barca a vela in mezzo a depressioni e tempeste, sempre cercando di spingere il più possibile e stare sui target, a mio parere è una straordinaria forma di arte. Sono stato colpito dalla passione che mette nel suo lavoro e per l’amore per il mare che ci accomuna.

Ho ritrovato in Alberto tutti i valori che avevo presentato nell’endorsement al Velista dell’anno. A parer mio, Alberto è il miglior velista che l’Italia abbia partorito negli ultimi anni.

È l’orgoglio italiano all’estero e ce lo ha mostrato con tutti gli ottimi risultati alle ultime regate. Appena arrivato, mi ha mostrato il suo mondo e il suo Team Manager, gentilissimo e molto simpatico, Luca Bertacchi, mi ha fatto esplorare i meandri di IBSA. Questo class 40 è una barca impressionante, un’astronave fatta per attraversare gli oceani e macinare miglia su miglia. Ringrazio ancora una volta il Giornale della Vela per questa splendida iniziativa del Velista dell’anno, che nel mio caso mi ha cambiato la vita facendomi vivere un’esperienza unica e straordinaria, forse la più intensa della mia vita.

Alessandro Giay Pron e il team manager di IBSA Luca Bertacchi a bordo del Class 40 IBSA di Alberto Bona

Questa mattina al Bassin Paul Vatine di Le Havre c’ero anche io a salutare Alberto mentre stava lasciando gli ormeggi per dirigersi verso Lorient. Una lacrima di commozione, stima e ammirazione mi è scesa dall’occhio pensando a ciò che Alberto stava per fare e vederlo uscire del porto è stato un momento emozionante che non dimenticherò mai nella vita. Seguirò Alberto con i post e sulla cartografia della Transat Jacques Vabre e spero proprio che sia lui a vincere la regata perché se lo merita e perché è un velista eccezionale.

IN BOCCA AL LUPO ALBI !!!

Alessandro Giay Pron

Alberto Bona su IBSA poco prima dell’uscita dal bacino in una foto di Alessandro Giay Pron.

Potrebbe interessarti anche:

Transat Jacques Vabre 2023 – La carica italiana alla vela oceanica

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Torna su

Registrati



Accedi