La saga degli Hallberg Rassy, le Classic Boat bluewater per antonomasia

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Classic Boat
Hallberg Rassy 38; Olle Enderlein; 11,57 x 3,48 m; 1977

Se oggi possiamo ancora godere di tante grandi barche sopravvissute al secolo scorso, Classic Boat eccellenti ancora capaci di emozionare, il merito è senza dubbio da attribuirsi alle mani e alle menti dietro alla loro realizzazione. Abbiamo già visto alcuni dei grandi designer dietro alle firme, ma, se queste barche hanno poi visto la luce, è certamente anche merito dei cantieri alle loro spalle, realtà illuminate e capaci di mantenere standard qualitativi tutt’oggi encomiabili. Per celebrare anche queste realtà, quindi, ecco una nuova serie di articoli destinata ad offrire un colpo d’occhio sulla loro storia e su alcuni dei più grandi progetti che questi abbiano saputo realizzare. Partiamo da un must scandinavo, Hallberg Rassy.

Classic Boat e Cantieri: la saga degli Hallberg Rassy

Quasi uno statement in se stesso, Hallberg Rassy è, per la vela, un nome e una garanzia. È il cantiere dei grandi bluewater, delle barche comode e sicure, barche pensate e progettate per portarci ovunque, dimentiche di ogni logica e rating dettato dagli handicap di regata. Che poi performino al pari di tante altre, se non meglio, sono dettagli. Ma la storia del cantiere, così come i suoi primi modelli – quelli antecedenti gli anni ‘80, antecedenti l’arrivo di Germán Frers – sono nozioni che spesso, invece, si perdono dietro il lustro del nome. Anche perché la saga di Hallberg Rassy nasce prima ancora che esista Hallberg Rassy stesso.

Classic Boat
Hallberg Rassy 45; Germán Frers; 14,12 x 4,32 m; 1988

Le origini

La storia Hallberg Rassy comincia in due filoni paralleli, con le distinte esperienze di due figure fondamentali: Harry Hallberg e Christoph Rassy, grandi progettisti e imprenditori che, contro ogni aspettativa, non lavoreranno mai insieme.


Avete una Classic Boat da segnalarci? Siete proprietari di una Classic Boat? Inseritela nel nostro archivio a questo linkBasta inserire dati e descrizione della barca. La redazione la pubblicherà in un tempo brevissimo.


La prima parte di questa saga nasce in Svezia, nel 1943, quando Harry Hallberg apre il suo cantiere a Kungsviken. Qui progetta e realizza barche in legno, pezzi unici e capaci di riscuotere un qual certo successo. La vera svolta avviene però con gli anni ‘60, quando Hallberg comprende appieno i vantaggi della vetroresina, facendosi pioniere di questa svolta verso la produzione seriale. Nasce qui il primo grande successo, prodotto in 536 esemplari nel corso di 19 anni: l’Hallberg P-28, un progetto in legno del ‘55 convertito alla produzione in vetroresina dal ‘63 in avanti.

Classic Boat
P-28; Harry Hallberg; 8,61 x 2,35 m; 1955 (9,04 x 2,35 m; 1963 )

In parallelo, con i primi anni ‘60, un giovane Christoph Rassy comincia la sua carriera di costruttore navale, presto muovendosi in proprio. Alla ricerca di uno spazio adatto, acquista le strutture Hallberg di Kungsviken, con l’omonimo cantiere appena trasferitosi nei nuovi spazi di Ellös. Dal ‘65 al ‘72 esiste quindi un filone di diretta competizione tra i due cantieri.

Rasmus 35; Olle Enderlein; 10,5 x 3,05 m; 1967

Nascita di un mito

Nel 1972 Harry Hallberg si ritira, cedendo il cantiere. Rassy, alla ricerca di strutture più grandi, coglie la palla al balzo e acquista il complesso di Ellös, creando il brand Hallberg Rassy, capitalizzando sulla fama di cui già godeva il cantiere acquisito. Questo è il periodo dei grandi successi di Enderlein, piccoli capolavori come il Rasmus 35, il Mistral 33 e il piccolo ma performante Misil II.

Classic Boat
Misil II; Olle Enderlein; 7,35 x 2,30 m; 1972

Nel 1974 entra nelle linee di produzione il primo vero e proprio Hallberg Rassy, il Monsun 31, tutt’oggi il più grande bestseller del cantiere: oltre 900 esemplari costruiti in appena 8 anni. A questo segue l’Hallberg Rassy 41, firmato da Enderlein nel 1975. È il primo vero bluewater del cantiere, forte di un pozzetto centrale, interni ricchissimi e dotato di ogni comfort.

Hallberg Rassy 41; Olle Enderlein; 12,5 x 3,53 m; 1975

Parte così la saga dei cruiser per eccellenza, subito impostata con un secondo grande successo, l’iconico Hallberg Rassy 38 (immagine in apertura), il primo a portare la distintiva banda blu sotto la falchetta. Una serie di successi che si ripropongono fino al 1985, con l’ultimo scafo firmato da Enderlein, l’Hallberg Rassy 382, che segna la fine di una prima grande stagione.

Hallberg Rassy 382; Christoph Rassy / Olle Enderlein; 1,62 x 3,64 m; 1984

Il sodalizio con Germán Frers

Il 1988 vede un nuovo trendsetter a dominare sul mercato. È l’Hallberg Rassy 45, vincitore overall della ARC e primo H.R. firmato dall’infallibile Germán Frers. Lo scafo è veloce e filante, forte di linee particolarmente marine e di un nuovo sistema di laminazione dello scafo in Divinycell, soluzione che non solo rinforza le strutture, ma implementa un notevole isolamento termico. È la nascita di una nuova era per il cantiere, un periodo d’oro che da questo binomio vedrà nascere alcuni tra i più grandi progetti di sempre.

Classic Boat Hallberg rassy
Hallberg Rassy 45; Germán Frers; 14,12 x 4,32 m; 1988

L’anno successivo il successo è replicato, con Frers a firmare il 36 MK1. Verrà prodotto in oltre 600 esemplari. È la prova del nove. Seguono poi i grandi classici come il 42 F e l’Hallberg Rassy 46, yacht dell’anno nel 1995, progetti che coronano e consolidano la collaborazione con il designer argentino, tutt’ora ininterrotta, con il nuovo Hallberg Rassy 69 pronto a vedere l’acqua l’anno prossimo.

Un successo totale, insomma, e che non si ferma, replicandosi di volta in volta anche per tutti gli anni 2000, forte della formula più banale e longeva della storia: qualità, qualità, qualità. Dove la raison d’être di ogni progetto è, alla fin fine, il piacere della navigazione fine a se stessa.

Classic Boat Hallberg Rassy
Hallberg Rassy 36 MKi; Germán Frers; 11,31 x 3,55 m; 1989

Tre “chicche” sulle Classic Boats


Potrebbe interessarti anche:

Storia delle Vostre Classic Boat: Flash (Farr IMS 39), il missile primi anni ‘90

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “La saga degli Hallberg Rassy, le Classic Boat bluewater per antonomasia”

  1. Ho fatto tre vacanze estive su un Halbert Rassy 49 da ospite ed e’ stata una bellissima esperienza per la comodità , la sicurezza anche in situazioni forti ,e il piacere di quando entravi in rada o porto vedere gli altri armatori guardarti con invidia ? Gran barca.

  2. Sommariva Stefania

    Siamo riusciti a comprarci una HR 40 l anno scorso. In mare è perfetta, io però, essendo interior design, avrei evitato certe soluzioni un po’ sorpassate e avrei sfruttato meglio gli spazi, pur mandenendo la qualità costruttiva e dei materiali che apprezzo moltissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quattro “nuove” mitiche Classic Boat da 13.6 a 16 metri

Le Classic Boat di valore storico by Giornale della Vela non smettono mai di aggiornarsi! In quest’ottica, anche grazie ai vostri suggerimenti, sono arrivate 19 nuove barche, 19 nuove Classic Boat da celebrare e valorizzare.  Abbiamo ormai superato la quota

Le Isole Spalmadori in Croazia (foto di Boris Kacan)

Natanti all’estero, ora si può. Come fare, cosa serve

Natanti all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano, che attesta la proprietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno

Registrati



Accedi