Pesca dalla barca, proviamo lo spinning durante le crociere estive

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Pesca a spinning

Dopo avervi parlato della traina in crociera, affrontiamo un’altra tecnica che potrebbe tornarci utile durante le vacanze estive, la pesca a spinning. Non si differenzia molto dalla traina, dato che è una pesca che si effettua con esche artificiali, ma saremo noi a lanciare e recuperare l’esca da un molo, una spiaggia, o da una barca ferma.

Pesca a spinning in crociera – perché funziona

Se durante la crociera in barca approdiamo su un’isola è probabile che nei mesi caldi questa sia frequentata da predatori come barracuda, lecce, occhiate, ricciole. La pesca a spinning può essere un ottimo passatempo nei giorni in cui rimaniamo in porto, o in rada, e non navighiamo. Le isole sono spot ideali perché solitamente attirano una buona quantità di predatori e di pesce foraggio, soprattutto durante la notte in prossimità dei porti, meglio ancora se in zone dove è presente la  luce artificiale.

Pesca a spinning – la preda tipica dell’estate

Se parliamo di porti, isole e spinning non vi è dubbio che una delle prede tipiche dell’estate sia il barracuda. A differenza della specie caraibica, il Barracuda Mediterraneo è di dimensione contenuta anche se può raggiungere i 10 chili di peso. In piena estate è difficile incontrare esemplari di questa stazza, ma i pesci da 1-2 chili sono possibili.

Pesca a spinning – dove praticarla

Se è consentito pescare nei dintorni dell’area portuale occorre ricercare una zona dove della luce artificiale si rifletta in acqua. I predatori saranno in agguato nella zona di confine tra la luce e il buio, ed è li che dovremo lanciare i nostri artificiali.

Pesca a spinning – le esche e l’attrezzatura

Uno degli esempi di artificiali siliconici

Puntando al barracuda dovremo per forza utilizzare i cosiddetti long jerk, ovvero imitazioni di pesci dalla forma molto allungata, anche più lunghi di 15 cm, particolarmente attrattivi per i barracuda. Se non ci limitiamo alla ricerca di barracuda vanno bene le esche siliconiche e i classici Jig, piccole palette ondulanti realizzate in piombo. Cme attrezzatura ci servirà una canna di azione non inferiore ai 10-30 grammi, un mulinello di taglia almeno 3500 armato con un trecciato dello 0,16 e un finale che non deve essere inferiore allo 0,35. I barracuda infatti hanno una dentatura micidiale in grado di recidere anche fili robusto.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi