Classic Boat – I capolavori di fine anni’80 e primi anni ‘90

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Cantiere del Pardo – GRAND SOLEIL 42 – 1989

Vi abbiamo parlato di Classic Boat e ve ne abbiamo presentato le più significative, progetti brillanti e meritevoli di essere celebrati e considerati per il valore che hanno (QUI).  Per approfondire il tema come merita, contestualizzando ogni progetto e ogni barca al suo tempo, ecco ora una serie di articoli di approfondimento, brevi analisi dei canoni progettuali, delle loro evoluzioni e delle stesse Classic Boat, periodo per periodo. Sull’onda del precedente episodio (QUI), dedicato alla seconda metà degli anni ’80, vediamo ora il periodo di transizione tra questi e i primi anni’90, un’epoca di cambiamento sotto tantissimi punti di vista.

Classic Boat – I capolavori di fine anni’80 e primi anni ‘90

Con l’avvento degli anni ‘90, la progettazione si avvicina definitivamente ad una nuova stagione. L’avvento del nuovo sistema di rating, l’IMS, inizia a farsi sempre più ingente e i canoni di design sono sempre più stravolti dall’utilizzo delle tecnologie digitali, dall’adozione di materiali compositi “esotici” e dall’introduzione di nuove derive, bulbi e ballast. Siamo al colmo di un’era nel momento in cui si mischia con un’altra, producendo barche sempre più performanti e sempre più vicine ai nostri canoni contemporanei.

Classic Boat
Hallberg Rassy – HALLBERG RASSY 36 MKI – 1989

Avete una Classic Boat da segnalarci? Siete proprietari di una Classic Boat? Inseritela nel nostro archivio a questo linkInserire la vostra barca di valore storico è semplicissimo. Basta inserire dati e descrizione della barca. La redazione la pubblicherà in un tempo brevissimo.


Classic Boat 1989-1992 – La fine di un decennio progettuale

Con il 1989 si è ad un punto di svolta. L’anno prima Beneteau aveva sconvolto il panorama introducendo il suo First 35S, firmato da un designer più che estraneo al mondo della vela e spalancandola al mercato del pop “terrestre”. Ora ci pensano i due fratelli sloveni Jacopin che, per Elan, disegnano una delle barche più caratteristiche del periodo, un’antesignana di tantissime a seguire: l’Elan 431, caratteristico per l’innovativa poppa a gradini e la bassissima tuga a scomparsa.

Elan – ELAN 431 – 1989

Ad innovare si unisce anche Jeanneau, che nello stesso anno introduce ben 3 differenti modelli. Se da una parte vara infatti i Sun Fast 39 e Sun Charme 39, fondamentalmente uguali, sebbene adibiti a diversi utilizzi, è però con il Sun Odissey 51 firmato da Farr e J&J che lascia di stucco il pubblico del Salone di Parigi, forte di linee performanti e, soprattutto, doppi timoni in pozzetto.

Classic Boat
Jeanneau – SUN ODYSSEY 51 – 1989

Fedele alla linea e al family feeling di cantiere, invece, il Pardo introduce invece il bellissimo Grand Soleil 42 (immagine in precedenza), firmato dalle grandi mani di Frers che prosegue sulla linea del suo precedente successo, il G.S. 52. Sempre di Frers, in contemporanea, esce anche un grande classico scandinavo, una barca che non guarda in faccia nessuno, siano questi regolamenti o provetti regatanti. È l’Hallberg Rassy 36 MKi, un bluewater d’eccellenza le cui linee elegantissime sono definite da una coperta sgombra e sicura.

La “frenesia” di fine decennio non sfiora però Frers, che nel pieno rispetto della tradizione del cantiere, sforna qui un successo clamoroso, con ben 606 scafi prodotti. A lei, un solo altro grande bluewater si affianca nel 1989, il Super Maramu di Amel, barca giramondo per definizione, un ketch di 16 metri prodotto in oltre 400 esemplari.

Amel – SUPER MARAMU – 1989

Classic Boat 1989-1992 – La svolta del 1990

Il 1990 si apre con un progetto eclatante. Nessuno aveva mai osato tanto. Lo studio Vallicelli firma il Genesi 43, una rottura con ogni schema precedente, un design mai visto. Ogni componente di bordo è specificatamente progettata per lei, le soluzioni sono geniali, uniche, e Comar dà così il suo colpo di spugna al passato, definendo per tutti l’apertura di un nuovo decennio.

Classic Boat 1989-1982
Comar – GENESI 43 – 1990

Similmente fa X-Yachts, che con Jeppesen alla matita firma uno scafo totalmente privo di influenze IOR, e anzi progettato per rispondere al meglio agli handicap IMS. Nasce così il popolarissimo X-412, un trendsetter senza eguali che ha dettato gli standard per tantissimi progetti a venire. La prua è stretta, fine, il baglio massimo è abbondante e rimane tale quasi fino allo specchio di poppa. Gran parte della superficie bagnata è così spostata dietro l’albero, così come il centro di deriva, di cui sono migliorate al massimo anche le turbolenze.

Classic Boat 1989-1982
X-Yachts – X-412

Contemporaneamente, Frers torna a far parlare di sè firmando un ulteriore Hallberg Rassy, qui giunto alla sua apoteosi. È l’Hallberg Rassy 42 (F), l’apice della barca giramondo, l’immagine stessa evocata dal nome del cantiere. Qui, l’innovazione non è nello sconvolgimento, ma nella costante miglioria di sé: la barca è un successo, è sicura e porta ovunque, sempre.

Classic Boat 1989-1982
Zàffira – Hallberg Rassy 42F

Classic Boat 1989-1992 – Più piccole e più veloci

Se parte degli anni ‘80 ci hanno regalato alcuni tra i più iconici e grandi fast cruiser di sempre, i primi anni ‘90 impostano il decennio con una formula più contenuta. Il fast cruiser rimane, ma è portato al suo estremo, sia in termini di performance, sia in termini di accessibilità. Diminuiscono così le “grandi” barche e il trend si ferma sui 10/12 metri. Tra le più significative, sono tre le Classic Boat a rimanere forse più presenti nella memoria, tutte firmate da alcune delle più grandi archistar del periodo.

La più piccola, con i suoi 9.99 metri, è un grande classico nostrano, il Fax di Jezequel, progettato per Zuanelli. È il grande tentativo del cantiere nel mondo della crociera veloce, ed è un successo. Si rivela infatti una barca agile, solida e sicura, e presenta soluzioni futuristiche, a partire dal disegno della tuga, che vedremo comparire sempre più spesso nei progetti successivi.

Classic Boat 1989-1982
Zuanelli – FAX

Sempre italiano è un grande colpo grosso del ‘92, l’Este 39 (11.95 metri) firmato da Vallicelli, un perfetto esempio di cruiser/racer dalle linee pulite, senza eccessi, cui si affianca un altro grande successo, questa volta di Jeppesen, l’IMX-38, destinato a diventare un’icona tra i monotipi d’altura. Si tratta infatti di un progetto tanto aggressivo quanto intelligente, altro successo di X-Yachts. Prodotta in 92 esemplari, fu subito considerata una gran barca, non solo performante con le nuove regole di regata IMS, ma anche piacevole e concretamente bella.

X-Yachts – IMX-38 – 1994

Tre “chicche” sulle Classic Boats


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Classic Boat – I capolavori di fine anni’80 e primi anni ‘90”

  1. Bella rassegna doverosa.
    Ieri sono salito a bordo di una barca italiana molto elegante e piacevole da portare : Dullia 30 del mago Ettore Santarelli.
    Bel pozzetto, passavanti comodi, manovre ben posizionate . Una Classic boat di cui essere orgogliosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi