GPL o benzina? Con Tohatsu puoi scegliere entrambi per il tuo fuoribordo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Tohatsu MFS6 - Fuoribordo da 6 cavalli
Tohatsu MFS6 – Fuoribordo da 6 cavalli

Tra i produttori di motori fuoribordo c’è un marchio da sempre sinonimo di qualità e affidabilità “Made in Japan”. Stiamo parlando di Tohatsu, azienda nata nel 1922 che ha da poco festeggiato (nel 2022) il 100° anniversario e che produce motori fuoribordo di tutte le dimensioni, con una gamma completa che va da 2,5 a 140 cv di potenza.

Tohatsu – 101 anni di storia, 65 anni di fuoribordo

In particolare il marchio giapponese è presente sulla scena dei motori fuoribordo da oltre 65 anni e nel corso del tempo si è affermato come uno dei produttori più importanti del mercato. Tutta la gamma Tohatsu è coperta da una garanzia di sette anni, che certifica l’assoluta affidabilità del produttore. Per quanto riguarda il segmento dei fuoribordo per i tender, la gamma medio-piccola di Tohatsu rappresenta un punto di riferimento. I motori portatili con potenza compresa tra 2,5 e 6 cv, i più diffusi per motorizzare il tender, sono fuoribordo a quattro tempi super affidabili. Nel corso del tempo si sono fatti apprezzare anche per alcune caratteristiche innovative, come le maniglie che ne facilitano il trasporto o la possibilità di stoccare il motore in tre diverse posizioni senza temere fuoriuscite di olio.
Data la sempre maggiore diffusione di tender XXL, Tohatsu ha studiato dei motori adatti, dal peso contenuto, e consiglia in questi casi i suoi fuoribordo da 15 e 20 cv. Sono i motori più leggeri della categoria (43 kg) e grazie all’iniezione elettronica di carburante consentono anche di abbassare i consumi a parità di potenza erogata rispetto ad un fuoribordo tradizionale a carburatore.
Molto apprezzato dal mercato è il fuoribordo da 5 cavalli alimentato a GPL, che grazie al serbatoio da 5 kg di propano offre un’autonomia di ben 5 ore e consente l’ingresso all’interno di alcune areemarineprotette.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Navigare al lasco: la soluzione del Parasailor, facile ed efficace

Nei primi due approfondimenti dedicati alla tecnica della navigazione al lasco abbiamo approfondito alcuni concetti fondamentali: la tecnica migliore di conduzione, le caratteristiche delle vele da andature portanti e i loro angoli e intensità di vento d’utilizzo.  Abbiamo volutamente lasciato

Registrati



Accedi