Quali sono le luci di via obbligatorie in barca? Mettetevi in regola prima delle vacanze!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Luci di via - Quali sono quelle obbligatorie e quando vanno accese
Luci di via – Quali sono quelle obbligatorie e quando vanno accese

Quando si è in navigazione con una barca a vela, sopratutto in notturna e in zone molto affollate d’estate, è fondamentale tenere sotto controllo lo stato delle diverse tipologie di luci di navigazione. L’utilizzo delle luci (o fanali) di via è importantissimo per salvaguardare la sicurezza – propria e degli altri – quando si è in mare. Vediamo con la guida completa di SVB Marine alle luci di navigazione quali sono le diverse tipologie e quando vanno accese.

Le luci obbligatorie secondo il regolamento internazionale IMO COLREG

Le tipologie di luci obbligatorie da avere un barca sono identificate dalla normativa internazionale, e in particolare dal Regolamento COLREG 72 IMO. Tale regolamento prescrive quali sono le luci di via utili ad identificare in maniera chiara ed inequivocabile l’identità e l’orientamento di tutte le unità di navigazione. Ecco quali sono:

1. Fanali laterali di dritta e di sinistra

Luce verde a dritta e luce rossa a sinistra con una visibilità dall’esterni di 112,5°. Se la barca ha una lunghezza inferiore ai 20 metri si può sostituire la coppia di luci laterali e la luce di poppa con una singola luce combinata, da posizionare in testa d’albero.

2. Fanale di poppa

A poppa va installato il fanale di coronamento bianco, con una visibilità di 135°. L’altezza va regolata secondo la posizione delle luci laterali (non deve essere superiore). Se la barca ha una lunghezza inferiore ai 20 metri si può sostituire la coppia di luci laterali e la luce di poppa con una singola luce combinata, da posizionare in testa d’albero.

3. Fanale combinato tricolore per barche a vela

Le barche a vela di lunghezza inferiore ai 20 metri possono sostituire luci laterali e fanale di poppa con un unico fanale tricolore installato in testa d’albero. Quando la barca va a motore, però, questa sostituzione non è possibile.

4. Fanale testa d’albero

La luce bianca in testa d’albero deve avere una visibilità verso poppa di 225° e dev’essere montata almeno 1 metro sopra alla posizione delle luci laterali.

5. Fanale di segnalazione, fanale di fonda

Le luci di segnalazione sono visibili a 360° ed emanano una luce bianca, rossa o verse. Vengono utilizzate in caso di necessità, ad esempio per segnalare guasti e problemi oppure barche incagliate o non manovrabili, in accoppiata con la palla nera di ancoraggio.

E quando siamo in rada?

In caso di ancoraggio in rada o all’interno di una zona delimitata e segnalata (ad esempio un campo boe) bisogna segnalare la propria presenza con la palla di ancoraggio nera, abbinata ad una luce di segnalazione bianca di notte.

Quali luci acquistare per una barca a vela di lunghezza inferiore a 20 metri?

All’interno dello shop online di SVB Marine trovate tutta la vasta selezione di luci di via per la vostra barca, con marchi molto conosciuti come Hella Marine,AquaSignal e Lopolight. Per una barca a vela fino a 20 metri potete per esempio optare per questa configurazione:

1 Luce di babordo rossa
1 Luce di tribordo verde
1 Luce di poppa
1 Luce di navigazione rossa, bianca e verde 360° in testa d’albero
*in collaborazione con SVB Marine

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Quali sono le luci di via obbligatorie in barca? Mettetevi in regola prima delle vacanze!”

  1. Punto 3 sostituire “inferiore a 20 m” con “inferiore a 12 metri” vedi colreg 72 art 25
    Punto 3 si possono unire in un unico fanale solo i laterali, no quello di poppa, quando la lunghezza è inferiore a 20 metri, vedi colreg 72 art 21

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi