Tre è il numero perfetto! Corsair 880 (8,8 m), il trimarano con le ali richiudibili

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Durante il VELAFestival a Marina Cala de’ Medici ho avuto l’occasione di provare un trimarano da crociera, con sufficiente spazio a bordo per cinque persone, pieghevole e carrellabile. Si tratta del primo Corsair 880 importato in Italia, degno erede di F-27, il primo multiscafo di Corsair Marine, nonché unico trimarano ad essere stato inserito nell’American Sailboat Hall of Fame. Corsair Marine è un cantiere californiano che è stato fondato nel 1984 da John T. Walton, figlio di Sam Walton, fondatore di Wal-Mart, e dall’architetto navale neozelandese Ian Farrier. Nel 1985 vara il suo primo trimarano pieghevole, F-27, che ha la caratteristica di poter ripiegare verticalmente i due galleggianti laterali sullo scafo centrale senza alcun aumento di lunghezza (questo non vale per i meccanismi a perno orizzontale che spostano i galleggianti verso poppa). Il sistema è geniale perché permette di godere della comodità di un trimarano, con tutti gli spazi sopra coperta e sulle reti tra i due galleggianti, al costo, in termini di esercizio, di un monoscafo.

Corsair 880

Corsair 880, il catamarano richiudibile

Quando i galleggianti di Corsair 880 sono è aperti si comporta come un nomale multiscafo, veloce e divertente in navigazione e con delle ampie e comode reti laterali. Appena si entra in porto ecco la magia! I galleggianti possono essere richiusi sullo scafo centrale, l’unico abitabile, riducendo il baglio massimo da 6,80 a 2,50 m. Un’operazione, che richiede solo qualche minuto, è molto facile e può essere fatta anche al traino da una sola persona. Basta svitare quattro bulloni e sollevare (per richiudere) o spingere (per aprire) la traversa poppiera. Il tutto può essere fatto in sicurezza dal pozzetto e senza troppo sforzo. Una volta chiusi i galleggianti la barca può essere alata e caricata su un carrello.

Il sistema di chiusura dei galleggianti di Corsair 880
Il sistema di chiusura dei galleggianti di Corsair 880

Le novità di Corsair 880

Tra le principali novità di questo modello, mi racconta Sandro di Trimarani Italia, la linea d’acqua di Corsair 880 è stata completamente rivista. Scafo e galleggianti sono ora dotati di prua inversa, migliorando le performance della barca e la capacità di penetrare le onde. L’albero, in carbonio e di 12 metri, è alare e rotante, si ruota e si orienta in base al vento migliorando il rendimento della randa. Le sartie sono in dyneema e la randa, in Dacron come il fiocco autovirante, è rollabile attorno al boma. Infine, il motore entrobordo è stato sostituito con un piccolo fuoribordo da 9.9 cavalli, che comunque garantisce una velocità di 6 nodi in navigazione con mare calmo, recuperando spazio a poppa per una seconda cabina con letto matrimoniale. A bordo si dorme comodamente in quattro persone, ma volendo, se ci si vuole molto bene, si può andare in crociera anche in cinque.

Senza la chiglia, arrivi fino in spiaggia

Corsair 880 è omologato in categoria B, non scontato per un piccolo multiscafo di queste dimensioni, e pesa solamente 1660 kg. Ha una deriva a baionetta, che quando sollevata riduce il pescaggio da 1,6 m a 45 cm, e, non avendo la chiglia, si recupera tanto peso e hai la possibilità di spiaggiare. Anche se tecnicamente è possibile scuffiare, non avendo la chiglia, Sandro ci tiene a precisare che il multiscafo è una barca sicura perché nella realtà è quasi impossibile che si rovesci, grazie ai due galleggianti laterali. All’interno di quest’ultimi ci sono dei gavoni, che però sono accessibili unicamente quando la barca è estesa.

Alzando la deriva e i timoni il Corsair 880 può essere portato fino in spiaggia
Alzando la deriva e i timoni il Corsair 880 può essere portato fino in spiaggia

La prova in mare

Dopo avermi raccontato tutto quello che c’è da sapere su questo trimarano molto particolare, è arrivato il momento di provarlo in mare. Le condizioni sono ideali, appena usciti dal Marina Cala de’ Medici veniamo accolti da un maestrale di circa 15 nodi. Srotoliamo la randa, avvolta attorno al boma, e apriamo il fiocco autovirante, che è armato su un circuito molto semplice e si regola con una sola scotta. Di bolina raggiungiamo i 12 nodi e la barca è molto stabile. Sono abbastanza sorpreso, mi aspettavo di bagnarmi a bordo di un multiscafo così piccolo, ma, nonostante ci sia qualche ondina in mare, anche di bolina il pozzetto è perfettamente asciutto. Dopo qualche virata, a cui la barca risponde bene, poggiamo e ci mettiamo al traverso, in un attimo la barca accelera prima a 13 poi 14 nodi, c’è da divertirsi! In poppa perdiamo velocità, non abbiamo a bordo il gennaker, e con il ficco riusciamo a fare al massimo 9 nodi. La barca viene venduta completa di vele, ma oggi abbiamo lasciato a terra gennaker e code 0.

Corsair 880 Sport

Obbiettivo di Corsair 880 è di offrire a qualsiasi velista, indipendentemente dalle proprie capacità, l’opportunità di trasportare facilmente una barca in giro per il mondo, essere comodi a bordo e navigare ad una buona velocità senza un particolare sforzo. Per chi è alla ricerca di maggiori performance il cantiere offre anche una versione Sport, più indicata ad un pubblico di regatanti esperti. Questa è dotata di un albero in fibra di carbonio più alto di 13,5 metri, vele laminate in aramide (invece che Dacron) e un allestimento più leggero. A prua il bompresso è maggiorato per ottenere il massimo da un rapporto potenza/peso che è ai vertici della categoria.

Corsair 880 una volta chiuso è largo solo 2,5 m e può essere facilmente trasportato su un carrello stradale
Corsair 880 una volta chiuso è largo solo 2,5 m e può essere facilmente trasportato su un carrello stradale

Corsair 880 – Scheda tecnica

Lunghezza fuoritutto 8,8 m
Larghezza 6,8/2,5  m
Pescaggio 1,6/0,45 m
Altezza albero 12 m
Dislocamento standard 1.660 kg
Importatore italiano Trimarani Italia

Giacomo Barbaro

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Tre è il numero perfetto! Corsair 880 (8,8 m), il trimarano con le ali richiudibili”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quattro “nuove” mitiche Classic Boat da 13.6 a 16 metri

Le Classic Boat di valore storico by Giornale della Vela non smettono mai di aggiornarsi! In quest’ottica, anche grazie ai vostri suggerimenti, sono arrivate 19 nuove barche, 19 nuove Classic Boat da celebrare e valorizzare.  Abbiamo ormai superato la quota

Le Isole Spalmadori in Croazia (foto di Boris Kacan)

Natanti all’estero, ora si può. Come fare, cosa serve

Natanti all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano, che attesta la proprietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno

Registrati



Accedi