Campionato Italiano J/24: a Cala dei Sardi vince La Superba

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Una partenza dell’Italiano J/24

Si è disputato a Cala dei Sardi, in Costa Smeralda, il Campionato Italiano J/24 2023, al quale hanno partecipato 25 imbarcazioni provenienti da diverse zone d’Italia. Sono state in totale 10 le prove disputate nelle acque della Sardegna, con una classifica che, a parte i vincitori della Marina Militare che hanno dominato, è stata molto equilibrata con tanti campioni in acqua come Tommaso Chieffi, presente in regata.

A quasi 50 anni dalla sua nascita, il J/24 si conferma una barca che sa regalare ancora dovertimento, nonché una flotta che non tutti i monotipi di moderna concezione possono vantare.

Campionato Italiano J/24, chi ha vinto

L’equipaggio di La Superba

Con una giornata d’anticipo, la vittoria è andata ancora una volta al J24 del Centro Velico di Napoli della Marina Militare ITA 416 La Superba timonato da Ignazio Bonanno in equipaggio con Alfredo Branciforte, Francesco Picaro, Simone Scontrino e Vincenzo Vano: i campioni uscenti, infatti, grazie a quattro vittorie di giornata e a parziali regolari hanno conquistato per il sesto anno consecutivo il Trofeo Challenger J24 e il nono titolo tricolore nella Classe J24 che vanno ad aggiungersi ai due titoli europei J24.

Completano il podio ITA 460 Bottadritta del maddalenino Mariolino Di Fraia, in equipaggio con in equipaggio con suo figlio Camillo, Ezio Diana, Davide Schintu e Andrea Tirotto ed il J24 portacolori del Circolo organizzatore, ITA 420 Giulietta armato da NSS Yachting, skipperEugenio Basciu e timonato da Antonello Ciabatti.

J/24, una barca mito

Più che una barca praticamente un mito. Ancora oggi le regate dedicate a questo monotipo radunano migliaia di appassionati in giro per il mondo. Nel 1976 Rod Johnstone costruì nel suo garage Ragtime, un prototipo di 24 piedi in grado di svincolarsi dalla stazza IOR.

Quattro dei primi 5 scafi vennero acquistati da armatori di nome John, per cui l’imbarcazione prese il nome di J-24. Nei primi 20 anni di produzione, la J-Boats sfornò ben 5200 esemplari. Grandi velisti italiani si sono cimentati a bordo di J-24, vincendo i Mondiali: Francesco De Angelis, Lorenzo Bressani, Andrea Casale e Vasco Vascotto

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi