Il velista che gira l’Italia per verificare l’accessibilità di porti e marina

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Marco Rossato, il primo velista paraplegico a circumnavigare l’Italia nel 2018, è pronto a salpare per un nuovo giro d’Italia. Marco partirà con la sua barca il 2 giugno prossimo dal Salone di Venezia e toccherà – attraverso 26 tappe – diversi approdi lungo lo Stivale, per arrivare al Salone Nautico di Genova a settembre. Obiettivo: verificare l’accessibilità delle strutture nautiche e sensibilizzare sulla tematica più persone possibili.

Da Salone a Salone

La partenza del Giro d’Italia a Vela è prevista per il 2 giugno 2023, dal nuovissimo pontile realizzato da Ingemar, Madeit4a e Test1Solutions presso l’Arsenale dove si svolgerà il Salone Nautico di Venezia. A bordo di Tornavento –  la barca di Marco Rossato – ci sarà anche Igor Macera, che darà una mano a Marco sia per le manovre a bordo sia per le operazioni di sensibilizzazione. La sfida di Marco è infatti quella di verificare lo stato dell’arte dei porti turistici italiani a proposito dell’accessibilità. Al centro del discorso c’è un dato di fatto: avere strutture accessibili e confortevoli per chi è in carrozzina significa avere strutture accessibili e confortevoli per tutti. Tra i diversi parametri che valuterà Marco ci saranno aspetti relativi alla sicurezza, eventuali ostacoli alla mobilità e anche alla tutela ambientale. La collaborazione con l’Associazione Marevivo punta infatti a mettere l’accento anche sul discorso della sostenibilità, e in particolare della plastica, in ambiente marino. Il Giro d’Italia di Marco Rossato si concluderà a settembre 2023 con l’arrivo al Salone Nautico di Genova dopo queste 26 tappe:

1. Ravenna – Marinando 2.0 ASD
2. Cattolica – Puravida ASD
3. Porto San Giorgio – Liberi Nel Vento ASD
4. Ortona – LNI Sez. Ortona
5. Rodi Garganico – Porto Turistico Rodi Garganico
6. Trani – LNI Sez. TRANI
7. Brindisi – LNI Sez. Brindisi
8. Santa Maria di Leuca – LNI Sez. Leuca / Tricase
9. Gallipoli – Assonautica Italiana
10. Policoro – LNI Sez. Policoro
11. Crotone – YC Crotone / LNI Sez. Crotone
12. Roccella Jonica – LNI Sez. Roccella Jonica
13. Messina – LNI Sez. Messina
14. Vibo Valentia – LNI Sez. Vibo
15. Scario – LNI Sez. Scario
16. Agropoli/Salerno – LNI Sez. Agropoli o Salerno
17. Napoli – LNI Sez. Napoli
18. Gaeta – YC Gaeta / LNI Sez. Gaeta
19. Ostia – Guardia Costiera Italiana
20. Porto Ercole – Marina Cala Galera
21. Isola d’Elba – Porto Azzurro
22. Rosignano – Marina Cala De Medici
23. Viareggio – Viareggio Porto 2020 / Club Nautico Versilia
24. La Spezia – Se.Ve. La Spezia M.M.
25. Chiavari – LNI Sez. Chiavari Lavagna
26. Genova – Salone Nautico Genova

Che barca è Tornavento – La barca accessibile

Tornavento è uno sloop di 9,20 metri, con un baglio massimo di 3,40 metri e un pescaggio di appena 80 centimetri. La barca, pensata per essere accessibile e per ospitare fino a 5 carrozzine in coperta, è stata voluta nel 1997 da LuigiZambon. Assieme alla moglie Gabriella Assenza, Luigi fondò la Scuola Vela e di Navigazione Sabaudia, con la volontà di far conoscere la vela a chiunque. Pochi mesi prima della sua scomparsa, Luigi donò la barca a Marco Rossato, e Tornavento è ora a disposizione dell’associazione fondata da Marco, Timonieri Sbandati.

Tornavento è stata refittata di recente con il contributo di Madeit4a, e ora ha una passerella in fibra di carbonio larga 80 centimetri che permette il passaggio delle carrozzine e sopporta più di 350 chilogrammi. Anche sottocoperta si accede tramite una pedana saliscendi che può funzionare sia elettricamente (a 12V) che manualmente. A bordo di Tornavento si trova un motore elettrico Bell Marine Transfluid e anche un impianto fotovoltaico adeguatamente dimensionato e fornito da OffGridSun.

Tutti possono contribuire alla sfida di Marco Rossato donando alla campagna su Gofundme che trovate a questo link in favore dell’Associazione I Timonieri Sbandati per lo sviluppo del “comfort per tutti” nel diporto nautico e di Marevivo per la salvaguardia delle acque.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Render Marina Cala dell'Acqua - Ponza

Il nuovo porto di Ponza si farà. Più piccolo, ma si farà

Il progetto per la costruzione di un nuovo porto turistico sull’Isola di Ponza sembra finalmente aver raggiunto la fase di approvazione. Nell’area di Cala dell’Acqua, costa nord occidentale di Ponza, sorgerà un nuovo porto turistico dotato di 279 posti barca

Registrati



Accedi