Alluvione, strage di barche in Romagna. Cosa sta succedendo VIDEO

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Piogge abbondanti e vento forte, l’alluvione sta mettendo in ginocchio la Romagna. Sulla costa il mare ha invaso la spiaggia, fino agli stabilimenti balneari, e alcuni fiumi in piena hanno tracimato facendo rompere gli ormeggi anche alle imbarcazioni ormeggiate nei porti. I danni maggiori si registrano a Gatteo a Mare dove diverse barche sono finite in mare e sugli scogli.

 

Disastro a Gatteo a Mare: si staccano i pontili trascinando in mare 16 barche

Una strage! La forte mareggiata e i fiumi in piena hanno rotto gli ormeggi delle imbarcazioni a Gatteo a Mare. Spinte dalla forza della corrente del Rubicone, le imbarcazioni si sono riversate in mare e sugli scogli. Tutti e 7 i pontili galleggianti del Marina si sono staccati, un danno ingente per il piccolo Marina di Gatteo a Mare, che solamente il mese scorso era riuscito ad ottenere il rinnovo della concessione e una rateizzazione del pagamento dei canoni arretrati. Sebbene la maggior parte delle imbarcazioni fosse stata messa al sicuro (c’erano 40 imbarcazioni sui pontili) si contano 16 imbarcazioni alla deriva che hanno urtato contro le scogliere, con i proprietari seriamente preoccupati perché non sanno se riusciranno a recuperarle e a quale prezzo.

Affondano alcune barche nel Porto Canale di Bellaria

Sebbene non ci siano stati danni ingenti come a Gatteo Mare, a monte del Porto Canale di Bellaria-Igea Marina, oltre il ponte levatoio del Fiume Uso, tre imbarcazioni hanno mollato gli ormeggi e sono affondate. Si tratta delle imbarcazioni più piccole, i cui armatori non sono riusciti a raggiungerle in tempo per metterle in sicurezza. Trascinate via dalla forza del fiume in piena, una di queste ha preso il largo è si è frantumata sugli scogli.

Come si spiega questo fenomeno?

Ma che cosa è accaduto in questi giorni, per creare quella che qualcuno ha già definito “la tempesta perfetta” in Emilia-Romagna? Ce lo siamo fatti spiegare dal meteorologo, volto di Meteomed, Riccardo Ravagnan: “La causa va ricercata nell’assetto della pressione dei giorni scorsi”, esordisce Ravagnan. “Qualche giorno fa si sono già verificate forti piogge, con fronti oceanici che avevano raggiunto l’Italia creando una zona di bassa pressione. Un fenomeno chiamato “fronte stazionario” capace di mantenersi nel tempo, grazie alla particolare congiuntura barica (della pressione a scala continentale), posizionato nel centro Italia. Al resto ha pensato l’orografia del nostro territorio. Appennini, colline e Alpi hanno fatto da ostacolo al fronte in alcuni punti, deviando i flussi e creando di fatto delle “zone di scarico” – l’Emilia-Romagna – in cui si sono concentrati i fenomeni di pioggia violenta”.

Prosegue Ravagnan: “Poi, due giorni fa, l’arrivo del vortice depressionario afro-mediterraneo, sul centro Italia già debilitato, con il terreno saturo e non in grado di drenare l’ulteriore ondata di piogge, ha dato il via ai fenomeni alluvionali. Oltre all’incapacità naturale del suolo di drenare, va detto, è complice anche l’attività antropica sulla cementificazione, ecc…”.

Questo fenomeno è frutto del cambiamento climatico? Risponde Ravagnan: “Direi che ci sono sempre stati fenomeni estremi, si sono sempre verificati anche in tempi più o meno recenti, il cambiamento climatico è evidente nella misura della frequenza di questi fenomeni”.

Milano Marittima Nord evacuata

È notizia dell’ultima ora che il Comune di Cervia ha diramato un’allerta di evacuazione delle zone di Milano Marittima a nord del canalino immissario in tutti i piani terra delle abitazioni, a causa della rottura del Savio e dell’innalzamento dei canali dell’entroterra. Al momento al Porto di Cervia e Milano Marittima, da noi contattato, non si segnalano criticità.

Giacomo Barbaro e Eugenio Ruocco

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quattro “nuove” mitiche Classic Boat da 13.6 a 16 metri

Le Classic Boat di valore storico by Giornale della Vela non smettono mai di aggiornarsi! In quest’ottica, anche grazie ai vostri suggerimenti, sono arrivate 19 nuove barche, 19 nuove Classic Boat da celebrare e valorizzare.  Abbiamo ormai superato la quota

Le Isole Spalmadori in Croazia (foto di Boris Kacan)

Natanti all’estero, ora si può. Come fare, cosa serve

Natanti all’estero, ora si può! Con la nuova legge,  gli armatori di natanti (unità sotto i 10metri non immatricolate) potranno esibire un nuovo documento riconosciuto dallo stato Italiano, che attesta la proprietà e la nazionalità italiana della barca senza bisogno

Registrati



Accedi