Come attraversare l’oceano con una barca di un metro, la storia di Andrew Bedwell

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Ci sono imprese storiche, come la vittoria della prima donna ad una regata intorno al mondo, epiche, come la traversata dell’Atlantico su una deriva trasformata in una barca d’altura, e (forse un po’) folli, come quella di Andrew Bedwell. Velista inglese di 48 anni, Andrew Bedwell ha deciso di sfidare le 1900 miglia nautiche di Oceano Atlantico che separano il Canada dal Regno Unito a bordo di una piccola “barca” di solo 1 metro. Partirà il mese prossimo da Saint John’s sull’isola di Newfoundland (Canada) con destinazione Capo Lizard in Cornovaglia (UK), estremità meridionale della Gran Bretagna.

Andrew Bedwell a bordo di Big C
Andrew Bedwell a bordo di Big C

Andrew Bedwell a caccia del record

Sulla tomba ci sono solamente due date, quella di nascita e quella di morte, sta a noi riempiere gli spazi vuoti in mezzo“. Con questo spirito Andrew Bedwell ha raccolto il testimone di Tom McNally, velista inglese che nel 1993 stabilì il record della traversata atlantica sull’imbarcazione più piccola mai costruita, realizzata con parti recuperate da un vecchio armadio e l’oblò di una lavatrice. Il record di Tom fu presto battuto, pochi mesi più tardi, dall’americano Hugo Vihlen (qui la sua storia). Obbiettivo di Andrew è di riportare il record nel Regno Unito, utilizzando Big C, la barca originariamente progettata proprio da Tom McNally scomparso sei anni fa a causa di un tumore.

Prova in mare di Big C
Prova in mare di Big C

Andrew Bedwell, velaio di professione, non è nuovo a navigare in grandi oceani su piccole imbarcazioni. Nel 2016, ha circumnavigato in solitario la Gran Bretagna a bordo del suo Mini 650. Due anni più tardi è salpato per una navigazione in solitario dell’Islanda e del circolo polare artico.

La barca più piccola mia utilizzata per attraversare l’Atlantico

Praticamente una boa con un albero, due vele di prua rollabili sostenute da due piccoli boma. Su Big C non puoi sdraiarti, solo sederti. Ci sono 12 scomparti stagni, otto all’interno e quattro all’esterno, per riporre le provviste. Andrew spera di completare il viaggio in 60 giorni, ma porterà provviste sufficienti per 90 giorni in mare. Avrà anche un dissalatore manuale che riempirà un contenitore da 6 litri nella sentina. Per alimentare l’attrezzatura di navigazione, il plotter cartografico e la radio dello yacht ci sono pannelli solari a poppa, oltre a un minuscolo generatore a manovella come riserva.

Big C più che una barca sembra una boa con un albero e due vele di prua rollabili
Big C più che una barca sembra una boa con un albero e due vele di prua rollabili

“Abbiamo progettato la barca per sopravvivere a una tempesta di forza 10 (fino a 55 nodi) con la speranza che sia solo una forza 6 (27 nodi). Per una barca così piccola, nella sua progettazione è stata impiegata un’enorme quantità di pensiero e pianificazione.” Concentrandosi esclusivamente sull’utilizzo di ogni centimetro di spazio, la moglie di Bedwell, Tracy, ha inventato uno speciale essiccato di manzo ad alto contenuto proteico che rivestirà parti dello scafo. “Starò letteralmente mangiando la barca”, dice. “Il sapore è piuttosto sgradevole, ma è pieno di tutti i nutrienti di cui ho bisogno. Purtroppo, non ci sarà spazio a bordo per le leccornie.”.

Giacomo Barbaro

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi