Con questo piccolo gadget il tuo smartphone diventa un chartplotter

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Il sistema completo Orca - Orca Core, App per smartphone e Orca Display 2
Il sistema completo Orca – Orca Core, App per smartphone e Orca Display 2

Orca è un’azienda norvegese che ha messo a punto un sistema per la navigazione davvero innovativo che ora comprende il territorio italiano tra le sue cartografie. Tutto ruota attorno all’applicazione proprietaria per smartphone, scaricabile gratuitamente, che può essere ampliata nelle sue funzioni con elementi aggiuntivi a pagamento molto interessanti.

L’applicazione per smartphone e tablet

L’applicazione Orca – disponibile gratuitamente su App Store e Google Play – è molto intuitiva e semplice da configurare. In pochi passaggi, dopo aver inserito i dati della propria imbarcazione, si è pronti ad utilizzare le molteplici funzioni presenti al suo interno. Dall’interfaccia si possono impostare waypoint e visualizzare dati e previsioni su meteo, onde e maree di tutta l’area coperta dal produttore. Sempre dall’applicazione è possibile cercare porti turistici e campi boa nelle vicinanze o lungo la rotta prestabilita, salvare percorsi e luoghi e impostare un’area di allarme per aumentare la sicurezza all’ancoraggio. Al momento del lancio nel 2021 Orca copriva l’area del Nord Europa, mentre ora copre quasi al 100% Europa, Stati Uniti e Nuova Zelanda, con una copertura completa dell’Italia. Integrando dati proprietari con dati di terze parti, Orca arriverà ad una copertura del 100% entro il 2024.

Con Orca Core lo smartphone diventa un chartplotter completo

Acquistando l’hardware Orca Core a 449 euro si ottiene un’integrazione completa tra barca e applicazione, con la possibilità di collegare tutti in sensori di bordo e farli comunicare senza fili con l’app Orca. L’hardware ingombra pochissimo (11,8 x 11,8 cm e 35 cm di altezza) integra diversi sensori al suo interno, come un GPS e una bussola molto accurati, ed è in grado di comunicare con trasduttori, batterie, serbatoi, AIS, motore, anemometri e tutti i sensori di bordo con connessione NMEA 2000. Questo consente di rendere l’app Orca un vero e proprio chartplotter completo, in grado anche di controllare l’autopilota.

Come Orca migliora le tue prestazioni a vela

Orca analizza le performance di navigazione istante per istante e consente di ricavare dati precisi e linee ottimali per la navigazione. Sfruttando il processore di movimento integrato a 100Hz che calcola e compensa vento reale e vento apparente, basandosi anche sulle condizioni del mare e sul piano velico, Orca restituisce dati avanzati e molto precisi. Orca Core si può collegare a 5 dispositivi in contemporanea, smartphone e tablet, e consente di avere sempre sott’occhio i dati di navigazione, con la possibilità di controllare l’autopilota, impostare waypoint e cambiare direzione da qualsiasi punto della barca. Tutti i dispositivi si sincronizzano tra di loro anche senza connessione internet se sono collegati all’Orca Core, ma sfruttando anche la connessione in rete si sbloccano altre funzioni. Ad esempio la funzione Hybrid AIS che integra i dati dell’AIS di bordo con quelli presenti online, ampliandone il range e fornendo foto e informazioni dettagliate sulle imbarcazioni e sulle destinazioni.

C’è anche il display aggiuntivo

Come abbiamo visto, Orca Core è compatibile al 100% con smartphone e tablet grazie all’applicazione proprietaria, ma per chi volesse è disponibile anche un display alla cifra di 999 euro. Si tratta di un display Lumen HDX con 1000 nits di luminosità e un rapporto di contrasto di 1200:1. Questo consente a Display 2 di offrire immagini nitide, con differenze chiare e nette tra chiari e scuri, sotto alla luce del sole, da qualsiasi angolo di visuale e anche indossando lenti polarizzate. Lo schermo  ha una diagonale di 10 pollici e una risoluzione di 220 ppi 1920X1080. CPU a 8 core e GPU a 4 core accompagnano i 4 GB di RAM offrendo prestazioni eccellenti, riuscendo ad operare fino a 8 ore consecutive anche a 55° di temperatura. Il display è dotato di connessione Wi-Fi e cellulare e ricarica wireless a 25W, all’interno sono installate anche altre applicazioni come il browser Chrome e Netflix.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Con questo piccolo gadget il tuo smartphone diventa un chartplotter”

  1. Tutte le barche oemai hanno la LAN NMEA di serie installata dal cantiere, serve solo un router wifi. Non vedo il senso di questo accrocchio che ti vincolano al software proprietario e acquisti in app, quando poi “le terze parti” sono sempre i soliti C MAP, Navionics e NOAA.
    Acquisto sconsigliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come stare in rada sicuri e comodi come in porto

Ancoraggio in baia sereni come in porto. Passare una notte all’ancora in tranquillità è più facile con le app meteo e le recensioni online che ci aiutano a individuare i luoghi giusti in anticipo, e gli allarmi ancora ci permettono

L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo

Le barche a vela di ultima generazione sono sempre più veloci, tecnologiche e performanti. È un’evoluzione che vediamo certamente sulle superbarche della Coppa America, ma anche sugli scafi che affrontano regate d’altura come gli Ultim, gli Imoca o i Class40,

Registrati



Accedi