La storia del fuoribordo Moscone Piaggio, la “Vespa del mare” anni ’50

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

fuoribordo moscone piaggioIl design è uno dei punti forti dell’Italia, il Made in Italy è un “marchio” riconosciuto a livello internazionale. Tra le aziende che hanno di più contribuito alla riconoscibilità dello stile italiano c’è indubbiamente la Piaggio, con la sua iconica Vespa. Forse non tutti sanno che, subito dopo la Vespa, vide la luce in Piaggio un’altra grande icona, una piccola rivoluzione in ambito nautico: la Vespa dei mari, il fuoribordo Moscone. E non si tratta solo di un fuoribordo Piaggio, ma di uno dei primi fuoribordo a conquistare davvero il mercato italiano. Era il lontano 1949…

Fuoribordo Moscone Piaggio, la Vespa dei mari

La Vespa, il Ciao, e perfino l’efficientissimo Porter. Tutte icone di casa Piaggio ma, a noi “sea lovers”, piace ricordare anche lui, il mitico Moscone, tra i primi fuoribordo di massa del Belpaese. La Vespa dei mari (così veniva pubblicizzato) fu la rivoluzione per tantissimi, piccoli pescatori in primis, che trovavano un amico pronto ad alleviare le loro fatiche. Ma vediamo meglio l’epica vicenda del Moscone.

Piaggio-Moscone-1957
Il motore fuoribordo Moscone esposto al Museo Piaggio di Pontedera (Pisa) risale al 1957.

Moscone Piaggio – La storia

I motori fuoribordo esistono, in realtà, da quasi cent’anni. Con gli anni ‘30 cominciano infatti a guadagnare grande fortuna, ma l’uso cui erano destinati era prettamente velocistico. Sono dei motori, da 250, 500 e 1000 cc, sviluppati e impiegati per la pura competizione, nell’era delle grandi corse sull’acqua. Non hanno ancora nulla a che vedere con il vasto impiego che oggi conosciamo. Insomma, erano motori fini a sé stessi, pura potenza da erogare per uno sprint unico e la lungimiranza della Piaggio si colloca proprio in questo frangente.


Potrebbe interessarti:


Nel secondo dopoguerra Enrico Piaggio realizza l’assenza del fuoribordo sul campo del pratico impiego. Ovvero, si rende conto del grande potenziale che se ne potrebbe trarre, adattandolo dal mondo delle corse a quello del quotidiano, sia per il diporto che per i lavoratori di settore. Legato alle questioni marinare per famiglia (viene da una famiglia genovese),  Piaggio decide che sarà lui a introdurre questa piccola rivoluzione, comprendendone, forse per primo, il grande e potenziale contributo. Del resto, si tratta della stessa concezione applicata nella realizzazione della Vespa: utilità, praticità ed economia.

Con il finire del 1947 quindi, in Piaggio c’è fermento. Corradino d’Ascanio, Goffredo De Betta e l’intero staff lavorano e ragionano sullo sviluppo di questo motore, soprattutto relativo la pompa rotativa dedicata al raffreddamento, che hanno deciso deve essere ad acqua. Nel 1948 il progetto vero e proprio prende forma, per essere battezzato nel maggio del 1949, all’Idroscalo di Milano, subito dolo la sua presentazione del precedente mese, alla Fiera Campionaria. La Vespa del Mare è un immediato successo.

In Piaggio, però, non si sono limitati al Moscone e basta, ma hanno infatti progettato una barca apposita (hanno inventato il “package”!), da vendere in coppia con il fuoribordo, per non limitare la produzione al singolo bisogno di fuoribordo. Si tratta di un modello di scafo tipo “dinghy” costruito nei cantieri di Finale Ligure, nel savonese (gestiti dal fratello di Enrico, Armando).

La coppia viene a costare 218.000 lire, mentre il singolo motore si ferma alle 98.000. Un successo inevitabile: 405 esemplari costruiti nei primi 9 mesi, oltre 1000 all’anno nel decennio a seguire, conquistando una fetta di mercato importante, sia nel turistico che in quello professionale.


Moscone Piaggio – Scheda Tecnica:

Moscone Piaggio 2 cilindri orizzontali sovrapposti
Distribuzione comandata dall’albero motore
Alesaggio 40 mm
Corsa 39.6 mm
Cilindrata  99. cc
Fonti www.museopiaggio.it

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Coppia motore, cosa è e come funziona

Nel mondo dei motori, entro e fuoribordo, sui depliant e sulle presentazioni dei modelli appare sempre lei. La parola “coppia motore”: viene spesso dato per scontato che chi legge sappia di cosa si stia parlando, ma un piccolo ripasso non

Registrati



Accedi