Come rendere performante la carena della vostra barca

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Come rendere perfomante la carena
Come rendere perfomante la carena

La velocità di una barca a vela dipende in modo importante dall’idrodinamica, quindi non solo dalle forme della carena ma anche dalla cura dalla capacità di scivolare che avrà questa. Per questo motivo da un buon lavoro di carena si pongono le basi per una barca veloce. Andiamo a vedere come potere eseguire un buon lavoro di carena e a cosa prestare attenzione.

Preparare una carena performante step by step

Una volta alata la prima cosa da fare è quella di lavare la carena con un’idropulitrice per eliminare la vegetazione. Con questo lavoro cadrà anche in po’ di antivegetativa esausta. Fatto ciò, e lasciata asciugare la carena per qualche settimana al fine di eliminare la fisiologica umidità dello scafo, è il momento di preparare il fondo su cui passare la nuova antivegetativa.

Daremo una carteggiata generale per rendere la superficie liscia prima dell’applicazione della nuova vernice, o porteremo direttamente la carena a zero, preferibile, eliminando tutti i vecchi strati. Nel caso di barche che saranno impiegate in regata è consigliabile utilizzare una vernice a matrice dura.

Questo ci consentirà durante la stagione di potere “riprendere” la carena con degli alaggi veloci per pulirla con una spugnetta. Nel caso invece di una barca da crociera che naviga a lungo la scelta di una vernice auto levigante potrebbe essere più adatta.

Carena performante – Meglio a spruzzo

L’obiettivo è quello di ottenere una superficie finale liscia e levigata per favorire la scorrevolezza. Nessuna applicazione delle antivegetative meglio di quella a spruzzo rispetta questo criterio. Questa tecnica garantisce un’applicazione più controllata della quantità di vernice ed elimina le rugosità del passaggio a rullo. Quest’ultimo resta un metodo valido, ma a patto che, dopo l’ultima mano, operiamo a distanza di almeno 24 ore una levigatura finale utilizzando una carta vetrata da 600. Un’operazione per altro che è consigliabile anche nel caso dell’applicazione a spruzzo.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Come rendere performante la carena della vostra barca”

  1. Pierfrancesco

    Se parliamo di barche da crociera di serie, che non raggiungono velocità importanti, il wrapping con una pellicola siliconica è la soluzione veloce ed economica e dura cinque anni. I principali Marina ormai offrono tutti un servizio di pulizia col robottino oppure possiamo valutare se comprarlo o noleggiarlo, magari in condivisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Coppia motore, cosa è e come funziona

Nel mondo dei motori, entro e fuoribordo, sui depliant e sulle presentazioni dei modelli appare sempre lei. La parola “coppia motore”: viene spesso dato per scontato che chi legge sappia di cosa si stia parlando, ma un piccolo ripasso non

Registrati



Accedi