VIDEO – Come regolare il gennaker in crociera

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Come regolare  il gennaker in crociera è il tema del nuovo  video-episodio di Scuola di VELA.

Come regolare il gennaker in crociera

Sulle moderne barche da crociera, il gennaker viene armato sulla delfiniera oppure su un bombresso estraibile e come abbiamo visto nel precedente episodio, l’issata con la calza è alla portata di tutti, anche di un equipaggio ridotto non esperto.

Il gennaker presente sulle barche e catamarani da crociera, è quello che i regatanti chiamano A2,  il  più utile per massimizzare la velocità  nelle andature di lasco nelle condizioni di vento più comune. Gli  angoli del vento reale ideali di lavoro di un A2 da crociera vanno infatti dai  120° a 165° TWA, con velocità di vento reale dagli 8 ai 20 nodi TWS. Con l’uso di un barber e vento leggero,  si può regolare il gennaker da crociera anche per angoli più ampli, e utilizzarlo, anche se non ottimizzato,  dai 100 ai 170 gradi TWA.

Il Gennaker è una vela che sfrutta molto il vento apparente, per questo è molto indicata anche con aria leggera. Il segreto della sua regolazione è lascare per tenerlo gonfio il più possibile.
Alle scotte del gennaker si farà dunque una regolazione costante, oppure il timoniere, potrà cercare l’equilibrio tra vento apparente e massima portanza del gennaker, con continue correzioni di barra.

 

Ventesimo video episodio di Scuola di VELA

Il video di oggi, come tutti gli episodi precedenti di Scuola di VELA,  sono disponibili  sul canale youtube del Giornale della VELA ce ne sono sia per principianti che per esperti!

 

 

 

 

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “VIDEO – Come regolare il gennaker in crociera”

  1. Voleva essere un servizio su come gestire il gennaker ed è diventato un sevizio su come NON strambare la randa, qui abbandonata a se stessa durante il passaggio.
    Già con così poca aria si percepisce chiaramente la sofferenza di vang e boma alla ine del passaggio du mure.
    Con aria un poì meno leggera rispetto a quella del filmato ho visto in più occasioni vang estirpati e boma spezzati.
    Si impara anche dagli errori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Guida al rollafiocco - SVB Marine

Quello che ti serve sapere sul tuo rollafiocco

Il rollafiocco, noto anche come avvolgifiocco, è tra le attrezzature indispensabili per le barche a vela. Nello shop di SVB Marine puoi trovarne di nuovi da acquistare, ma anche i pezzi di ricambio per rimettere a nuovo il rollafiocco che

Registrati



Accedi