Corrosione galvanica in barca. Cosa è e come combatterla

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

corrosione galvanica
Contro la corrosione galvanica: il classico zinco posto in prossimità dell’elica su una trasmissione a linea d’asse.

Quando la barca è a riposo, magari per l’invernaggio o per lunghi periodi di pausa, non dovete dimenticarvi del nemico numero uno dei metalli di bordo (e quindi di eliche, linee d’asse, prese a mare, assi timone…): la corrosione galvanica.

Corrosione galvanica, cosa è

La corrosione galvanica è un fenomeno generato dal passaggio di corrente tra due metalli diversi, definiti nobili e meno nobili: se immersi in una soluzione salina, e collegati tra loro elettricamente, particelle di metallo meno nobile migrano verso quello più nobile intaccandone l’integrità e sostanzialmente corrodendolo.

Pensate per esempio alle appendici metalliche immerse: le eliche, le linee d’asse, le prese a mare, i timoni. Alcune di esse sono già collegate elettricamente fra di loro: elica e linea d’asse, per esempio. Altri elementi invece possono essere collegati attraverso l’acqua di mare presente in sentina o un ponte di sale.

Zinchi, gli alleati contro la corrosione galvanica

Per evitare che la corrosione avanzi e intacchi in maniera pericolosa la vostra imbarcazione dovete provvedere al controllo degli zinchi e alla loro eventuale sostituzione se ormai consumati.

La loro funzione è quella di sfruttare la naturale propensione alla corrosione prima di altri metalli. Una volta alata la barca, se li vedrete usurati, vuol dire che hanno fatto in modo egregio il loro lavoro: si sono meritevolmente “sacrificati” per salvare elica, linea d’asse o presa a mare. Ovvio che se la barca è sprovvista di zinchi o li ha esauriti, sarà soggetta alla corrosione dei suoi metalli immersi fino a compromettere la stessa sicurezza. Pensate ai danni di una presa a mare che si corrode fino a bucarsi.

Quando e come cambiare gli zinchi

Quando la barca è in secca, verificate lo stato di usura degli zinchi, sia quelli sugli organi di trasmissione, che quelli montati a filo della carena. Se lo spessore degli anodi sacrificali è inferiore alla metà di quello originale, procedete alla sostituzione.

Per facilitare questa operazione a volte è utile dare qualche leggero colpo con il martello, per distaccare gli zinchi dalla sede del supporto. Pulite con una spazzola di ferro la piastra di massa o la zona di fissaggio, come l’asse dell’elica o la pala del timone.

Il separatore, altro rimedio

Un’altra causa di formazione della corrente galvanica è data dagli agenti esterni. Pensate a quando siete collegati con il cavo 220 V in banchina. Il suo conduttore di terra, essendo comune a tutte le colonnine, può di fatto realizzare un collegamento fra le parti metalliche delle altre barche connesse in banchina e la vostra. Attenzione che il collegamento tramite conduttore di terra avviene anche con la spina inserita nella colonnina e con interruttore della presa staccato.

corrosione galvanica
Un separatore galvanico da installare fra l’impianto di terra della banchina e il circuito di massa della barca.

Per evitare la diffusione delle correnti galvaniche attraverso il cavo elettrico di rete a 220 V della banchina, bisognerebbe installare un separatore galvanico sulla linea a 220 V in ingresso: ce ne sono di diversi modelli in commercio. Un’altra soluzione per proteggersi dalle correnti della banchina è quella di utilizzare un trasformatore elettrico che per sua natura è un separatore galvanico, con rapporto 1 a 1 o meglio ancora con ingresso (lato banchina) 110 / 220 V e uscita (lato barca) 220 V per chi ormeggia la barca non solo in Italia, e dimensionato per la potenza necessaria dell’imbarcazione (mediamente 4 kW).

Il difetto della soluzione oltre al costo elevato, è il peso (40 kg circa) che lo rende adatto solo a grandi imbarcazioni.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Corrosione galvanica in barca. Cosa è e come combatterla”

  1. Il trasformatore 110/220 VAC resta la soluzione più semplice dai 45′ in su. Pensate a tutti quei cat in leasing che a novembre vengono trasferiti ai Caraibi o alle Seicelle per il charter di Natale e tornano in Med per la stagione estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Come stare in rada sicuri e comodi come in porto

Ancoraggio in baia sereni come in porto. Passare una notte all’ancora in tranquillità è più facile con le app meteo e le recensioni online che ci aiutano a individuare i luoghi giusti in anticipo, e gli allarmi ancora ci permettono

L’autopilota che timona come gli skipper più forti del mondo

Le barche a vela di ultima generazione sono sempre più veloci, tecnologiche e performanti. È un’evoluzione che vediamo certamente sulle superbarche della Coppa America, ma anche sugli scafi che affrontano regate d’altura come gli Ultim, gli Imoca o i Class40,

Registrati



Accedi