Beccaria, Bona, Fornaro e Soldini all’attacco della RORC Caribbean 600

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Allagrande Pirelli di Ambrogio Beccaria

Per la vela italiana è tempo di RORC Caribbean 600, 73 barche al via e start il 20 febbraio, la super classica da 600 miglia che si corre ai Caraibi con partenza e arrivo ad Antigua dopo il passaggio di ben 15 isole. Una regata piena di fascino, che si corre in condizioni prettamente caraibiche con Aliseo sostenuto e temperature estive. Una regata importante per la nostra vela dato che al via ci saranno Giovanni Soldini con il Multi 70 Maserati e il suo equipaggio, mentre tra i Class 40 occhi puntati Ambrogio Beccaria con Allagrande Pirelli, Alberto Bona su IBSA e Andrea Fornaro su Influence.

RORC Caribbean 600 – Gli italiani in equipaggio


Questa volta non li vedremo in solitaria come alla Route du Rhum, ma la RORC Caribbean 600 sarà una regata in equipaggio. Su Allagrande Pirelli Ambrogio Beccaria sarà accompagnato da Bernardo Zin, Kevin Bloch e Tanguy Leglatin. Bona sarà invece con Luke Berry, Luca Bertacchi, e lo spagnolo Pablo Santurde del Arco. Non è stato reso ancora noto l’equipaggio di Andrea Fornaro.

Giovanni Soldini su Maserati sarà invece accompagnato da Guido Broggi, Oliver Herrera Perez, Thomas Joffrin, Francesco Pedol, Alberto Riva, Matteo Soldini, Lucas Valenza-Troubat. Maserati se la dovrà vedere con Zoulou, altro Multi 70, con al timone Loick Peyron ed Erik Maris. Sono invece ben 13 i Class 40 in regata.

RORC Caribbean 600 – Scenari e percorso

Il percorso della RORC

In condizioni di Aliseo stabile come quelle di questi giorni la RORC Caribbean può essere una regata molto veloce. L’aliseo intorno all’arcipelago di Antigua soffia costante anche nelle ore notturne, fino a 25 nodi e oltre. Molti dei tratti della regata sono di bolina larga o alle portanti, sono attese per questo velocità molto alte anche nelle barche più piccole della flotta come i Class 40. I passaggi strategici più critici saranno quelli sottovento alle isole, dove le barche incontreranno delle zone sventate da attraversare.

Tracking

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi