Bandiere a bordo, come posizionarle correttamente

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

bandiere a bordo

Bandiere a bordo. Vi abbiamo svelato 13 regole generali sulle bandiere a bordo, e vi abbiamo raccontato come le bandiere siano, di norma, tre: la bandiera nazionale, quella sociale e quella del proprietario. A queste si aggiunge la bandiera di cortesia quando si naviga in uno stato estero. Ora è bene entrare nel dettaglio della posizione.


Bandiere a bordo, dove metterle

La bandiera nazionale va a poppa su un’apposita asta in maniera che afflosciata sfiori con un lembo la superficie del mare (vedi disegno sotto).

bandiere a bordo
Bandiere a bordo – Sopra, bandiera all’asta di poppa che lambisce l’acqua; sotto, bandiera al boma di mezzana, con peso scandaglio, che lambisce l’acqua.

Questa regola vale per tutte le barche ferme in porto ed abitate (con equipaggio o almeno col Comandante che viva a bordo). Nel caso di assenza di equipaggio tutte le bandiere vanno tolte ad eccezione del guidone sociale.

Un’altra maniera per issare la bandiera nazionale a poppa è, per barche che abbiano un boma che fuoriesca a poppa per almeno venti centimetri, quello di legare la bandiera al boma e tenere l’inferitura tesata applicandogli un peso, normalmente si usa il
piombo di uno scandaglio (vedi disegno in alto).

bandiere a bordo
Posizione delle bandiere a bordo in uno sloop in acque italiane.

Bandiere a bordo, il guidone sociale

Il Guidone sociale andrebbe anch’esso issato con apposita asta in cima all’albero di maestra (quello più alto). Un buon compromesso, visto che è l’unica bandiera che rimane pressoché fissa, è quello di innestarlo su l’antenna del VHF.

Come issare correttamente il guidone sociale

La bandiera di cortesia

La bandiera di cortesia. Quando si entra in acque di uno stato estero ci si deve recare immediatamente presso un porto di ingresso dove fare le pratiche di ingresso. Il tragitto dalle acque internazionali ed il porto d’ingresso andrebbe compiuto issando sulla crocetta di dritta dell’albero di maestra la lettera Q (un quadrato giallo) del codice internazionale, al termine delle pratiche di ingresso si ammaina la Q e si issa la bandiera dello stato ospite.


Bandiere a bordo, non fate confusione

Spesso in Italia le barche con Leasing francese e che quindi battono bandiera francese hanno come bandiera di cortesia la bandiera commerciale italiana con gli stemmi delle Repubbliche marinare.

Errore ed orrore in quanto è la bandiera dello stato ospite che va issata, cioè quella Nazionale senza le quattro Repubbliche.

Qui vanno fatte alcune precisazioni; perché issiamo la Q che è una bandiera tutta gialla? Perché non ha più il significato originario di peste a bordo bensì significa “Sono indenne e chiedo libera pratica”.

Posizione delle bandiere in un ketch o yawl in acque italiane.

La seconda precisazione è che le crocette su una barca a vela hanno anch’esse una priorità che va dalla crocetta di destra dell’albero di maestra a quella di sinistra a quella di destra dell’albero minore ed infine a sinistra.


Occhio alla bandiera giusta!

Infine, un’ultima raccomandazione sulle bandiere a bordo. Le barche da diporto devono issare la bandiera italiana riservata alla marina commerciale che prevede l’emblema delle quattro repubbliche marinare al centro con il simbolo del leone di San Marco con il libro aperto.

bandiere a bordo
Bandiera della Marina mercantile (per barche da diporto)

Attenzione alla differenza con quella della marina militare che ha anche una corona e il leone di San Marco ha il libro chiuso.

Bandiera della Marina militare. Non va bene per le barche da diporto!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Bandiere a bordo, come posizionarle correttamente”

  1. La bandiera di cortesia è solo “di cortesia”? Se una imbarcazione o nave straniera naviga in acque territoriali Italiane e ormeggia in porto o alla fonda mostrando solo la sua bandiera nazionale cosa significa?
    C’è una norma che regola l’uso delle bandiere? Esistono sanzioni?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Coppia motore, cosa è e come funziona

Nel mondo dei motori, entro e fuoribordo, sui depliant e sulle presentazioni dei modelli appare sempre lei. La parola “coppia motore”: viene spesso dato per scontato che chi legge sappia di cosa si stia parlando, ma un piccolo ripasso non

Registrati



Accedi