Bandiere in barca, le 13 regole che (forse) non sai

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

bandiere in barca

Bandiere in barca. Un tema che spesso trattiamo dal punto di vista burocratico (qui, ad esempio, vi abbiamo spiegato le differenze tra la bandiera italiana e quelle polacca e slovena, che sono la tendenza del momento), meno dal punto di vista “marinaresco”.

Bandiere in barca, quali avere

A bordo di ogni barca si dovrebbero avere tre bandiere nazionali; il guidone sociale del proprio Club e, se si pensa di viaggiare in acque territoriali di una o più nazioni straniere, la relativa bandiera nazionale che prende il nome di bandiera di cortesia; la serie completa del codice internazionale dei segnali e volendo della bandiera del proprietario o armatore. Dell’esatta posizione delle bandiere in barca tratteremo nel dettaglio in un prossimo articolo.

Vi spieghiamo 13 regole generali sull’uso appropriato delle bandiere in barca.

Bandiere in barca, le regole generali

  1. La bandiera nazionale deve essere la più grande esposta.
  2. La bandiera nazionale va issata all’alba ed ammainata al tramonto
  3. Le altre bandiere seguono l’issata e procedono l’ammainata.
  4. Unica eccezione è il guidone sociale che issato in testa all’albero di maestra non si ammaina quasi mai.
  5. In porto l’alzabandiera viene determinato dall’autorità portuale o dalla nave militare più grande presente o del maggior rango, normalmente avviene alle 08,00 del mattino. Anche i Club, che seguono la tradizione, possono essere di riferimento per l’alzabandiera.
  6. Di notte la bandiera va issata a richiesta di una nave militare ed all’entrata o uscita da un porto, e comunque lungo costa.
  7. La bandiera va issata su una apposita asta normalmente a poppa delle imbarcazioni a dritta dello specchio di poppa e non legata al paterazzo di poppa.
  8. Mettere una bandiera sopra un’altra ha significato che quella sottostante è preda bellica quindi non si deve utilizzare nel diporto. Anche, come spesso si vede, uno o più guidoni uno sopra l’altro legati alle crocette è un doppio errore; primo il guidone non va issato alle crocette, secondo non si mettono uno sull’altro.
  9. Anche se è comune in Francia legare la bandiera nazionale allo strallo di poppa non è corretto e fra l’altro poco elegante quando il resto del mondo la lega ad un’asta a poppa. Questa tradizione deriva dal fatto che sulle barche con vele auriche la bandiera veniva issata sul picco, e quindi si legava la bandiera nella posizione che avrebbe avuto se fosse stata aurica.
  10. La bandiera deve essere integra e non sporca.
  11. Barche in regata. Le imbarcazioni in regata normalmente non espongono la bandiera nazionale. Quindi issarla in competizione ha quindi il significato di non far più parte delle barche in regata e quindi significa “Ritirarsi”.
  12. La bandiera non può essere usata come tovaglia o in modo non appropriato.
  13. Quando la bandiera nazionale è inutilizzabile non va gettata via ma bruciata in forma privata.

Siate sinceri: sapevate tutte queste regole sulle bandiere in barca?

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

14 commenti su “Bandiere in barca, le 13 regole che (forse) non sai”

  1. Quasi tutte, ma vorrei aggiungere che nel preparare la bandiera per l’issata va piegata in modo tale che il verde deve essere sopra e sotto, in pratica si vede solo il verde.
    Sergio

  2. Se si passa vicino ad una unità militare si dovrebbe ammainare a metà altezza in segno di saluto…e loro dovrebbero rispondere.

  3. In teoria, in navigazione al tramonto viene ammainata e riportata a riva. Non sempre il pennone è a dritta: può essere anche issata a un’antenna montata su un rollbar o al palo della turbina eolica o ancora può esserci un albero centrale come su certe barche da regata.

  4. Lorenzo Pasqualucci

    Si può utilizzare una bandiera con la foggia della fiamma da guerra (triangolare, molto lunga) al posto della bandiera nazionale? Oppure è vietato / riservato alle sole MaVi militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Big del Lusso

Ai big del lusso piace sempre di più la nautica

Sono sempre di più i “big del lusso” che investono nella nautica. I big del lusso nella nautica L’ultimo che ha reso pubblica una partecipazione nel mondo della nautica è Toni Belloni, ex membro del cda del gigante del lusso

Barche usate diverse 9-17 m

BARCHE USATE Vendono 5 barche “diverse” da 9,00 a 17,21 m

Continuiamo ad andare alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate sul nostro mercatino degli annunci. Qui potete vendere e comprare barche usate (anche le Classic Boat storiche by Giornale della Vela!), accessori, posti barca, trovare l’idea giusta per le vostre vacanze e persino

Registrati



Accedi