Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Nel futuro della mobilità nautica quella dell’idrogeno è una scommessa ancora aperta. E come accade per tutte le novità, vive di grandi slanci, qualche delusione e progetti comunque interessanti. L’ultimo di questi è il nuovo Imoca “OceansLab” a zero emissioni e alimentato a idrogeno presentato recentemente dallo skipper britannico Phil Sharp. L’avveniristica barca sarà varata nella prossima estate e prenderà parte alle Imoca Globe Series, a partire dalla Transat Jacques Vabre in autunno, seguita da una regata di qualificazione in vista della competizione più attesa: il Vendée Globe 2024.

L’obiettivo per Sharp e il nuovo monotipo è proprio quello di dimostrare quanto le applicazioni delle nuove tecnologie “green” in ambito nautico possano trovare nelle regate oceaniche un laboratorio di sviluppo e una vetrina strategica per poi, chissà, essere declinate in futuro anche nel mondo crociera.

OceansLab

Alimentazione a idrogeno, la scommessa di Phil Sharp

L’Imoca di Phil Sharp è progettato dallo studio francese di progettazione di barche a vela Manuard ed è attualmente in costruzione presso Black Pepper Yachts a Nantes, in Francia. Il cantiere afferma che la costruzione utilizza stampi esistenti che sono stati riciclati e rielaborati. Ma il vero punto di forza della barca sta tutto nell’alimentazione elettrica che utilizza esclusivamente le celle a combustibile a idrogeno. Tale tecnologia funziona grazie a modulo di alimentazione a idrogeno creato e sviluppato dal team di Genevos, di cui lo stesso Sharp, appassionato di innovazione nel campo delle energie rinnovabili, è co-fondatore.

“Le barche da regata della classe Imoca – afferma lo skipper francese – sono le più innovative ed estreme tra le imbarcazioni oceaniche. Sono una piattaforma ideale per presentare tecnologie pulite di vitale importanza, come le celle a combustibile a idrogeno, e per dimostrarne la durata negli ambienti oceanici più difficili”.

OceansLab

Una tecnologia che potrebbe rivoluzionare anche la crociera

“OceansLab” sarà dunque la prima barca da regata a integrare un sistema di energia elettrica a idrogeno, una tecnologia applicabile a una vasta gamma di imbarcazioni commerciali e da diporto. Il sistema energetico a emissioni zero dell’Imoca alimenterà tutta l’energia di bordo, oltre alla propulsione al di fuori delle regate. “Sostituire l’energia dei combustibili fossili con soluzioni di energia rinnovabile – spiega Sharp – è un importante passo avanti non solo per il nostro sport, ma per l’intero settore marittimo. In definitiva, navigo per vincere le regate, dimostrando al contempo che, utilizzando le più recenti tecnologie pulite, è possibile farlo a emissioni zero”.

Oltre alla tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno, OceansLab dimostrerà come altre innovazioni “green” cruciali, come i materiali compositi riciclabili e il solare fotovoltaico, possano funzionare insieme per creare uno yacht davvero eco-efficiente. “Per raggiungere gli obiettivi in materia di cambiamenti climatici conclude il navigatore francese – dobbiamo iniziare a sviluppare imbarcazioni a emissioni zero in tutto il settore marittimo, oggi stesso. Questa campagna sarà un importante punto di riferimento per dimostrare che esistono soluzioni pratiche a idrogeno pronte per essere adottate su larga scala”.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno”

  1. Genevos è già sul mercato per le navi di cabotaggio. In Italia, la start io universitaria H2boat ha variato la prima barca a vela che autoproduce H2 a bordo. Ma sono le celle PEM a non avere un futuro sostenibile per i costi ed i catalizzatori. Quelle a ossidi solidi a media temperatura sono più economiche, più dense, non necessitano di catalizzatore e funzionano con qualsiasi carburante. La Delphi ha già sviluppato una APU a ossidi solidi da 5kw per i camion che riduce il consumo dell’80% e non emette fumo, NOx e particolato (la temperatura di esercizio è sufficiente alla gassificazione del carburante) e può trovare applicazione come generatore a bordo di yacht da diporto con costi sostenibili, ammortati dal risparmio di carburante, per la transizione della nautica verso un’economia del metanolo.

  2. Parliamo correttamente di economia del metanolo in quanto serve per la sinterizzazione delle biomasse per la produzione di biopolimeri; questi poi trasformati in HFO (carburanti derivati dall’idrogeno) e materie plastiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

69esima Regata dei Tre Golfi. Ecco come sta andando

È partita da Napoli ieri pomeriggio la 69esima edizione della Regata dei Tre Golfi. 150 miglia tra le isole dei tre golfi, passando per Ischia, Procida, Zannone, Ponza e Capri. Oltre 100 le imbarcazioni iscritte. A 15 miglia dall’arrivo, Magic

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi