Tattica di regata, sette indizi che il vento cambierà (e come intepretarli)

“Il vero regatante si vede quando il vento è leggero e ballerino”. L’avrete sentita dire mille volte, questa frase, se con la vostra barca fate regate.

E’ proprio in queste condizioni che la tattica di regata assume un ruolo fondamentale: capire quello che succede intorno a voi farà la differenza. Sia che stiate partecipando a una regata a bastone tra le boe, a una costiera, a una “lunga”, l’importante è tenere gli occhi aperti.

Tattica di regata, sette segnali da intepretare

Regatare a un livello leggermente superiore di quello “focaccia, vino bianco e vele straccio” richiede la cura di aspetti diversi, come la messa a punto e la conduzione dell’imbarcazione, l’esecuzione perfetta delle manovre, la ricerca della partenza migliore, le tattiche migliori in base alle condizioni del tempo, che a loro volta comprendono l’accorgersi dei segnali di un cambiamento di vento, la loro corretta interpretazione e il conseguente incorporamento “consapevole” all’interno della strategia generale di regata.

Un consiglio: prima lavorate sulle vostre capacità di conduzione, cercate di conoscere nel dettaglio la vostra barca, costruite un equipaggio appassionato e regolare, allenatevi sulle manovre. Solo così potrete regatare a mente sgombra e non pensare ad altro che alla tattica e agli “indizi” che svelano dove navigare meglio.

Tattica di regata, gli indizi che il vento cambierà

Nel disegno sottostante, tratto dal monumentale “Vela e Competizione” di Imhoff-Pranger, sono illustrati sette indizi da cui si possono trarre certe conclusioni. Nella tavola ovviamente, per ragioni di economia di spazio sono riassunte varie indicazioni che non possono verificarsi in contemporanea.

tattica di regata
Tattica di regata – Sette segnali di un cambiamento di vento da interpretare

Immaginate di essere in regata su una barca leggermente a poppavia e al vento della barca gialla, con mure a dritta: attraverso il disegno ecco tutti gli indizi che possono avere influenza sulle vostre scelte tattiche da adottare. 

1. Tattica di regata – Leggere le increspature

Le leggere increspature sull’acqua indicano che si sta avvicinando una raffichetta. L’evolversi dei segni sull’acqua vi fornirà anche l’indizio sulla direzione della raffica. Se è una raffica di “buono”, ovvero una rotazione verso destra del vento nel caso del disegno, vi farà orzare.

Dato che siete di bolina, vi converrà proseguire e guadagnare in termini di “VMG” (Velocity Made Good, ovvero la proiezione della velocità sull’asse del vento indicata sugli strumenti di bordo). Se la raffica invece è di “scarso” (rotazione del vento verso sinistra, con obbligo di poggiare nel caso preso in esame) la soluzione migliore potrebbe essere quella di entrarvi dentro qualche metro e poi virare per prendere il buono sulle altre mura, con il vantaggio di togliervi anche da eventuali rifiuti della barca gialla.

2. Le barche più vicino alla costa vi dicono che…

Le barche con mure a dritta vicino alla costa, sulla sinistra nel disegno, stringono di più il vento, il che vuol dire che laggiù il vento sta girando verso destra. Non male per voi che siete sopravento, ma dovete valutare quanto tempo vi servirà per raggiungere quella zona. Il vento non rimane sempre nello stesso punto…

3. Le nuvole vi parlano

Guardate quel “groppo” in alto a sinistra. Sicuramente succederà qualcosa. E’ in arrivo una raffica e molto presto il vento aumenterà e cambierà direzione. Fondamentale leggere il mare davanti a voi e osservare le altre imbarcazioni.

4. Il fumo

Una grande fonte di informazioni sono le ciminiere delle fabbriche o i fumi dei camini. Guardate il disegno. In questo caso la direzione del fumo vi fa capire che laggiù il vento è girato notevolmente verso sinistra. Rasentando la costa, potreste trovarvi costretti a passare dalla bolina alle portanti! Un bravo tattico registra la situazione, e da indicazione all’equipaggio di iniziare a montare gennaker o spinnaker se l’intenzione è quella di proseguire verso terra…

5. Capire il vento da lontano

Volgete lo sguardo ancora più lontano. A giudicare dalle barche al lasco, il vento ha girato verso destra per le barche che si trovano più indietro. Quelle in testa non hanno lo spinnaker issato (significa che l’angolo del vento non lo consente), mentre le barche che inseguono hanno tutte lo spi o il gennaker a riva.

6. Le bandiere

Osservate la bandiera della boa. Vi sta indicando che a breve arriverà una raffichetta “di buono”, che vi farà alzare la prua. Un’ottima notizia per voi che state navigando, di bolina, sopravento alla flotta.

7. Tattica di regata – Occhio ai falsi segnali

Il fumo che esce dal fumaiolo del traghetto (freccia blu) sembra indicare che da lì a poco il vento girare notevolmente verso destra, ma non è esatto. Il traghetto avanza a velocità piuttosto sostenuta, per cui il fumo indica solo la direzione del vento apparente del traghetto; la direzione del fumo non è in relazione con quella del vento reale…


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

Torna su