Muore impiccato all’albero. Ecco cosa è successo

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, diverse unità di soccorso spagnole sono state impegnate a largo di Gran Canaria per soccorrere un membro dell’equipaggio di Poppy, un Pogo 30, rimasto impigliato nel sartiame e appeso all’albero. Nulla da fare per la vittima, un velista francese. L’uomo, che aveva sbattuto la testa, è rimasto appeso all’albero per 19 ore prima che i soccorritori riuscissero a prendere il controllo della barca e recuperare il corpo.

Poppy, il Pogo 30 della vittima
Poppy, il Pogo 30 della vittima – foto di Salvamento Marítimo

Impiccato all’albero del Pogo 30, ecco cosa è successo

Mentre uno dei due membri dell’equipaggio di Poppy si ritrovava impigliato all’estremità dell’albero a testa in giù in navigazione, l’altro, secondo quanto riferito dalle autorità spagnole, lanciava l’allarme alle 20 circa di domenica 15 gennaio. Diversi i tentativi di intervento da parte del SASEMAR (organizzazione di soccorso e sicurezza marittima spagnola). Nella notte, i soccorritori, dopo essere riusciti a far evacuare il secondo membro dell’equipaggio (sopravvissuto) con l’elicottero, hanno provato più volte a salire a bordo del Pogo 30, senza riuscirsi. Solamente lunedì alle ore 15, i sommozzatori, giunti con la terza imbarcazione di soccorso, sono riusciti a prendere il controllo del Pogo alla deriva e recuperare il corpo della vittima caduto sulla coperta.

Come salire sull’albero in sicurezza

Anche se non sono ancora del tutto chiare le circostanze precise dell’incidente, è bene ricordare che è assolutamente sconsigliato salire sull’albero di una barca mentre è navigazione, specialmente di notte e con mare formato. In questo articolo di qualche anno fa tutti i consigli, ancora validi, per chi dovesse salire in testa d’albero.

Giacomo Barbaro


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

Omicidio nautico, presto il reato sarà legge. Il Senato ha approvato nella seduta n.34 del 31 Gennaio 2023, quasi all’unanimità, la procedura abbreviata per l’approvazione del disegno di legge atto a introdurre il reato di omicidio nautico. Ecco di cosa

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su