PROVATA. C-Cat 48 (15 m), il performance cruiser su due scafi

Il C-Cat 48

Cielo grigio, mare scuro con un po’ di onda formata, Riva di Traiano ci accoglie in una giornata dalle tinte invernali per la prova del C-Cat 48 (14,80 x 7,30 mt). L’ultima nata in casa C-Catamarans è disegnata dal giovane progettista francese François Perus, mentre Marc Lombard ha firmato il meno recente C-Cat 37.

Le condizioni della giornata in mare sono state ideali per provare un catamarano che ha ambizioni importanti, ovvero quelle di offrire lunghe navigazioni a vela caratterizzate da performance rilevanti, e unite a un comfort di bordo di buon livello. Un genere di barca sempre difficile da interpretare perché deve riassumere in un unico progetto varie esigenze, soprattutto nel mondo dei catamarani dove l’aspettativa per un comfort di alto livello è preponderante.

C- Cat 48 – Che catamarano è

Il C-Cat 48 non è il classico super cruiser su due scafi pensato per ottimizzare al massimo il numero di persone a bordo per la vacanza in charter. Si tratta piuttosto di un prodotto che si sta affermando anche in Italia, e che vuole portare la filosofia dei cosiddetti performance cruiser anche nel mondo dei catamarani, come già accade sul mercato francese.

C-CAT 48 – Il progetto

Il C-Cat 48 rispecchia la filosofia di C-Catamarans di produrre catamarani destinati alla crociera sportiva. Comodi, dotati di ogni comfort, ma con spiccate capacità veliche. Per questo motivo è dotato di due derive laterali, leggermente curve, regolabili in immersione tramite un sistema di paranchi, arrivano fino a una profondità di 3 metri e sono costruite interamente in carbonio. Queste aiutano nell’andatura di bolina, e al tempo stesso con la forma curva riducono la resistenza idrodinamica a vela.

Il C-Cat 48, grazie anche a un dislocamento piuttosto contenuto per la sua taglia, è una barca che a vela può essere definita piuttosto all round, non disdegna le brezze, è marina nel vento forte, e dice la sua anche di bolina.

Esteticamente la barca si caratterizza per delle prue dai volumi inversi e affilate, rete a prua, una cellula abitativa abbastanza bassa sul ponte e dotata di una tuga a tutto vetro come si usa sui cat moderni. Ampio lo spazio esterno a poppa, comunicante con l’interno attraverso una grande entrata. Le manovre sono posizionate a poppa, non lontano dalle due timonerie,  con l’ampio carrello randa che corre per tutta la larghezza del catamarano.

Il salone del C-Cat 48

Si tratta di una barca che potremmo definire come “Mediterranea e da viaggio”, perché non ha, come tanti catamarani, solo la comodità nel suo DNA, ma anche la capacità di offrire prestazioni veliche degne di nota. Una barca che si troverebbe a suo agio anche nelle brezze estive del Mediterraneo o, perché no, in navigazioni più impegnative e di lungo raggio.

C-Cat 48 – La prova

Il C-Cat 48 in navigazione al lasco con Code Zero

Le condizioni del test erano di onda che iniziava a formarsi, 1 metro abbondante, e vento dai 10 ai 13-14 nodi, nelle quali abbiamo navigato prima con randa e fiocco, poi con Code zero. Ci aspettavamo che di bolina l’onda già abbastanza formata potesse infastidire un po la navigazione, la risposta invece è stata piuttosto positiva, con un passaggio sull’onda generalmente morbido.

La prima cosa che si nota è che la postazione del timoniere offre una buona visuale verso la vela di prua, oltre a essere dotata di una comoda seduta. La demoltiplica dei carichi sulle ruote non interferisce troppo con la sensibilità in fase di conduzione, e il C-Cat 48 risulta sufficientemente reattivo alle correzioni di rotta, il che restituisce un certo piacere nel timonare il catamarano.

Spesso su catamarani di questo genere si predilige, soprattutto con brezze non intense, la navigazione con pilota automatico, con questo 48 invece può essere divertente anche in condizioni di vento più leggero prendere la ruota in mano e godersi la barca.

La prova completa del C-Cat 48, tutti i numeri a vela e le foto sul numero cartaceo di Febbraio del Giornale della Vela

www.c-catamarans.com

Mauro Giuffrè

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su