RORC Transataltic Race: Soldini c’è, Maserati in testa

Maserati alla partenza della RORC

Giovanni Soldini e il Multi 70 Maserati sono in testa alla RORC Transatlantic Race, la transatlantica di 3000 miglia dalle Canarie a Granada, ai Caraibi, con il trimarano italiano che conserva circa 100 miglia di margine sugli inseguitori Zoulou e Snowflake.

Al traguardo ne mancano 700, da correre in pieno Aliseo, durante le quali Maserati dovrà difendersi dagli altri trimarani e anche dalle oscillazioni del vento in approccio ai Caraibi.

RORC Transatlantic Race – Maserati in fuga

Maserati in assetto foil

Le circa 100 miglia di margine che Maserati, in assetto da foil oceanico, ha messo come margine tra se e gli avversari non sono pochissime ma va considerato che alle medie attuali, superiori ai 30 nodi, equivalgono a circa 3 ore di distacco.

Un vantaggio quindi che non può fare dormire sogni tranquilli all’equipaggio di Giovanni Soldini, che dovrà stare attento in avvicinamento alle isole ai possibili temporali con gli annessi salti o intensificazioni del vento.

Snowflake è posizionato più a sud di Maserati, Zoulou leggermente più a nord, il trimarano italiano cerca saggiamente di tenersi in una posizione di compromesso tra i due avversari per evitare che nessuno dei due acquisti troppa leva laterale in un possibile futuro incrocio. A bordo di Maserati con Giovanni Soldini ci sono Guido Broggi (ITA), Oliver Herrera Perez (ESP), Matteo Soldini (ITA), Francesco Pedol (ITA), Lucas Valenza-Troubat (FRA) e Francesco Malingri (ITA).

Rorc Transatlantic Race – Che barca è Maserati

Maserati è un Multi70 dotato di foil, costruito nel 2011 lungo 21,2 metri e largo 16,8. Pesca un massimo di 4,5 m e l’albero è alto 29 metri. Il peso totale è di 6,3 tonnellate e la superficie velica è di 310 mq a vele bianche e 409 mq alle portanti.

La velocità massima raggiunta dal trimarano, per adesso, è di 43 nodi. Negli anni della sua gestione il team di Giovanni Soldini ha migliorato sensibilmente le performance del trimarano, lavorando molto sulle nuove appendici pensate per il foil oceanico.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su