RORC Transataltic Race: Soldini c’è, Maserati in testa

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Maserati alla partenza della RORC

Giovanni Soldini e il Multi 70 Maserati sono in testa alla RORC Transatlantic Race, la transatlantica di 3000 miglia dalle Canarie a Granada, ai Caraibi, con il trimarano italiano che conserva circa 100 miglia di margine sugli inseguitori Zoulou e Snowflake.

Al traguardo ne mancano 700, da correre in pieno Aliseo, durante le quali Maserati dovrà difendersi dagli altri trimarani e anche dalle oscillazioni del vento in approccio ai Caraibi.

RORC Transatlantic Race – Maserati in fuga

Maserati in assetto foil

Le circa 100 miglia di margine che Maserati, in assetto da foil oceanico, ha messo come margine tra se e gli avversari non sono pochissime ma va considerato che alle medie attuali, superiori ai 30 nodi, equivalgono a circa 3 ore di distacco.

Un vantaggio quindi che non può fare dormire sogni tranquilli all’equipaggio di Giovanni Soldini, che dovrà stare attento in avvicinamento alle isole ai possibili temporali con gli annessi salti o intensificazioni del vento.

Snowflake è posizionato più a sud di Maserati, Zoulou leggermente più a nord, il trimarano italiano cerca saggiamente di tenersi in una posizione di compromesso tra i due avversari per evitare che nessuno dei due acquisti troppa leva laterale in un possibile futuro incrocio. A bordo di Maserati con Giovanni Soldini ci sono Guido Broggi (ITA), Oliver Herrera Perez (ESP), Matteo Soldini (ITA), Francesco Pedol (ITA), Lucas Valenza-Troubat (FRA) e Francesco Malingri (ITA).

Rorc Transatlantic Race – Che barca è Maserati

Maserati è un Multi70 dotato di foil, costruito nel 2011 lungo 21,2 metri e largo 16,8. Pesca un massimo di 4,5 m e l’albero è alto 29 metri. Il peso totale è di 6,3 tonnellate e la superficie velica è di 310 mq a vele bianche e 409 mq alle portanti.

La velocità massima raggiunta dal trimarano, per adesso, è di 43 nodi. Negli anni della sua gestione il team di Giovanni Soldini ha migliorato sensibilmente le performance del trimarano, lavorando molto sulle nuove appendici pensate per il foil oceanico.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su