I mari del sud non hanno mai perdonato. Tranne quella volta

mari del sud 2

Manca pochissimo, ormai, alla partenza della The Ocean Race, il giro del mondo a tappe in equipaggio. Si parte da Alicante, il 15 gennaio (qui tutto quello che dovete sapere sulla regata, c’è anche un team italiano), per la prima tappa, verso Capo Verde.

imoca mari del sud
Il percorso degli IMOCA 60 alla The Ocean Race, il giro del mondo in equipaggio: nella tappa 3, i Mari del Sud e Capo Horn

Sfida ai mari del sud

Ma è la tappa 3, a cui prenderanno parte solo i 6 IMOCA 60 in gara (e non i VO65), la più tosta di tutte: quella da Città del Capo (Sudafrica) a Itajaì, in Brasile. Quella che porterà gli equipaggi a sfidare i mari del sud, passando per Capo Leeuwin e Capo Horn. Quella sarà la vera avventura, il culmine epico della sfida. Sono i mari più temuti, dove tanti navigatori ci hanno lasciato la pelle. I terribili mari del sud. 

I mari del sud non perdonano

C’è un motivo infatti se davanti alla locuzione “mari del sud”, spesso, trovate l’aggettivo “terribili”. A latitudini così basse, se cadi fuoribordo mentre navighi, sei perduto. La temperatura dell’acqua difficilmente supera i 7/8 gradi. In pochissimi minuti il tuo corpo va in ipotermia: a 28° gradi sopraggiunge l’incoscienza, a 24° la morte. Sempre che non avvenga per asfissia prima, perché il vento forte solleva l’acqua che “nebulizza” e impedisce la respirazione.

I terribili mari del sud non perdonano. Il caso di John Fisher, caduto fuoribordo 1.400 miglia ad ovest di Capo Horn alla Volvo Ocean Race 2017/18 (qui la ricostruzione della tragedia), è solo l’ultimo di una lunga lista di marinai “caduti sul campo”.


L’unico uomo “graziato” dai mari del sud è italiano

mari del sud
Paolo Martinoni alle fine degli anni ’70

I terribili mari del sud, dicevamo, non hanno mai perdonato. Tranne che in un caso. Una sola volta un uomo, caduto nelle acque gelide del 52° parallelo, conscio di andare incontro a morte sicura, è stato salvato dal suo equipaggio. Un equipaggio di grandi marinai italiani. Era la Whitbread Round the World Race (poi Volvo Ocean Race, ora The Ocean Race, ndr) del 1981/1982, terza tappa (Da Auckland a Mar del Plata, in Argentina), quell’uomo era Paolo Martinoni. E per sua fortuna, al timone del Rolly Go di Giorgio Falck, in quel momento, c’era il grandissimo Pierre Sicouri.


Il racconto dell’uomo a mare…

Racconta Martinoni: “Eravamo a latitudine 52° sud, di notte, sotto spi. Il mare era agitato. All’epoca si teneva un piccolo genoa anche quando c’era lo spinnaker, si diceva che stabilizzasse la barca. Mentre stavo legando la sacca dello spi alla battagliola, il genoa cambiò improvvisamente mura e mi sbatté fuori dalla barca.

Quando ho visto la scritta ‘Yacht Club Costa Smeralda’ sulla poppa della barca che si allontanava, ho realizzato quello che era successo. Con l’acqua a sette gradi, dopo pochi minuti sei morto. E fino ad allora, nessuno che era caduto nel Pacifico del sud era mai stato ripescato vivo. Mi tolsi li stivali e mi misi a fare il morto, perché meno ci si muove e meno calore si disperde, nell’attesa che mi venissero a riprendere. E nel frattempo, pensavo. Venni preso da un dispiacere indicibile, con la consapevolezza che di lì a breve, se non fossero venuti a salvarmi, sarei passato dalla vita alla morte.

Fortunatamente Pierre Sicouri prese il timone e in sette minuti riuscirono a tirarmi su, dopo essermi passati sopra, avermi individuato una volta sopravvento ed essersi lasciati scarrocciare per avvicinarsi a me. Mi issarono a bordo, mi spogliarono nudo, mi offrirono una sigaretta e un tè e mi fecero saltare il turno di guardia successivo. Dopodiché ero pronto per ripartire. Jepson (Giovanni Verbini, il marinaio di Giorgio Falck fin dal primo Guia, ndr), immancabile a bordo, mi confidò che durante le operazioni di recupero era stato chiuso in cuccetta a pregare San Silverio, il patrono di Ponza, la sua isola di origine, di salvarmi. Promisi a Jepson che sarei andato l’anno successivo a onorare San Silverio durante la sua festività a Ponza, ma poiché ci andai a vela e presi bonaccia, arrivai all’isola il giorno successivo”.

Pierre Sicouri a bordo del Rolly Go

… e del suo salvatore

Leggendo le parole di Martinoni, pubblicate sul numero di ottobre 2014 del Giornale della Vela, ci è venuto in mente che nel 1982 la vicenda ci era stata raccontata anche da Pierre Sicouri, in un articolo da lacrime. Siamo andati a ripescarlo per voi:

Siamo a 52° gradi Sud., c’è freddo e si rolla parecchio, ma il morale è alto. Fuori il vento è calato, siamo nell’occhio della bassa…Di colpo sento un terribile urlo di Jacopo:
Paolo, Paolo è in mare! è caduto in mare!

…schizzo fuori coperta. Il buio totale, le vele che sbattono, gli spruzzi che mi lavano, il freddo pungente mi danno la misura del disastro. A poppa stanno lottando in due con uno dei salvagenti ma la boetta è impigliata…così Paolo è senza salvagente.

Prendo il timone e Jacopo mi dà la rotta precedente e la invertiamo di 180°. “E’ stato catapultato in mare dalla scotta del fiocco”. “Accendi il motore! Senza scaldare le candelette! dov’è? Guardate con i flash! … ho un nodo tremendo allo stomaco. Stiamo costeggiando un immenso burrone, siamo sull’orlo del disastro. Dei cinque uomini che sono caduti in mare durante la scorsa Whitbread uno solo è stato tratto in salvo, e nessuno è stato salvato di notte.

Ma noi dobbiamo salvare Paolo.
Lo stiamo salvando…Dal nulla spunta la voce di Paolo: “Di qua, di qua!”. E’ un miracolo! Ma la barca e velocissima e non riusciamo a fermarla. Passiamo letteralmente sopra Paolo senza vederlo… è lui che ci indica il da farsi. “A sinistra, puggia, di qua, di quaaa!” .

In pratica si sta salvando da solo…
gli passiamo vicino e finalmente riusciamo a tirargli un salvagente con una luce intermittente…dobbiamo fare presto, a questa latitudine la sopravvivenza in acqua è di 12 minuti…una cima e lo tiriamo contro la fiancata..grazie al suo fisico eccezionale, lentamente si riprende…
lo abbraccio fortissimo, non so come esprimergli la mia gratitudine per aver salvato la sua vita e la mia felicità”.


Centinaia di articoli come questo ti aspettano nell’archivio storico digitale del Giornale della Vela!

Ti è piaciuto la storia del salvataggio di Paolo Martinoni ad opera di Pierre Sicouri e dell’equipaggio del Rolly Go? Clicca sulla copertina qui sotto per sfogliare la versione integrale dell’articolo pubblicato sul numero di marzo/aprile del 1982 del GdV.

1982 Anno 8 n. 2 marzo/aprile pag50/51 e coda pag 78

 

Un piccolissimo assaggio del regalo che ti facciamo se ti abboni al Giornale della Vela. Perché gli abbonati possono accedere gratuitamente all’archivio storico digitale della nostra rivista e sfogliare centinaia e centinaia tra i migliori articoli mai apparsi sulle pagine del Giornale della Vela.

ABBONATI SUBITO AL GIORNALE DELLA VELA!

Consultabili quando vuoi, solo per te, archiviati per numero del GdV e anno di pubblicazione, navigabili facilmente in stile “Netflix”. Visibili da smartphone, pc, tablet. E c’è di più. Altri articoli si aggiungeranno presto perché il nostro archivio digitale è in continuo aggiornamento!

Centinaia di articoli in formato pdf sfogliabile, divisi per anni, ti aspettano se entri nell’archivio storico digitale del Giornale della Vela

Abbonati e sfoglia la storia della vela

Approfittare di questo regalo è semplicissimo.

Buona navigazione nella Storia della Vela!

ABBONATI SUBITO AL GIORNALE DELLA VELA!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Sergio Testa

Quest’uomo ha girato il mondo su una barca di 3 metri e mezzo

Nel 1985 fa Sergio Testa partì dall’Australia con una barca di tre metri mezzo, costruita con le sue mani plasmando centinaia di chili d’alluminio, per una delle più incredibili imprese dimenticate della storia della vela. L’impresa dimenticata di Sergio Testa

Torna su