Lavori in coperta: ecco un’alternativa (naturale) per sostituire il teak

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Coperta in sughero Marinecork installata su un X Yachts X 55
Coperta in sughero Marinecork installata su un X Yachts X 55

MarineCork è l’alternativa 100% naturale al teak, composta esclusivamente da sughero e pensata specificamente per la nautica. Per chi cerca una soluzione che sostituisca il teak, ma che sia naturale e più pratica, il sughero è sicuramente un’alternativa molto vantaggiosa. Ecco perché!

VIDEO – Ecco quali sono i vantaggi del sughero

Come spiega Francesco Errico, il sughero lavorato MarineCork è il materiale più leggero in commercio per rivestire la coperta. Oltre al peso, i vantaggi del sughero sono diversi. Bagnandosi aumenta le sue proprietà antiscivolo, incrementando il grip, il sughero inoltre è un isolante termico quindi non si scalda sotto al sole, non scotta i piedi e protegge la zona sottocoperta da caldo e freddo. Ma non finisce qui, perché il sughero è un materiale antivibrante, è un isolante acustico ed ha una resistenza meccanica eccezionale. È molto difficile che si rompa data la sua elasticità interna, è pensato per mantenere inalterata la sua colorazione nel tempo e inoltre non assorbe grasso, acqua, sangue di pesce o altro: non si macchia!

MarineCork – Sagomabile su misura e personalizzabile

MarineCork è a tutti gli effetti un legno naturale, infatti è composto solo ed esclusivamente da sughero che viene lavorato per ottenere la consistenza ideale. Oltre ad essere naturale è anche un materiale ecosostenibile, perché gli alberi utilizzati per ricavare il sughero non vengono abbattuti ma mantenuti in salute. Inoltre, a fine vita, è un prodotto riciclabile al 100%. Installarlo è semplicissimo: MarineCork è disponibile in doghe o pannelli, sagomabili su misura, con uno spessore di 6 o 8 millimetri. La superficie può essere personalizzata con scritte, loghi e disegni e si incolla esattamente come il teak, con un’aderenza perfetta alla superficie sottostante.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Lavori in coperta: ecco un’alternativa (naturale) per sostituire il teak”

  1. Buonasera posseggo un gommone NUOVA JOLLY 30 ed ho deciso di sostituire il teeck ormai rovinato con il Vs prodotto. È possibile avere un preventivo ? Il lavoro verrà svolto da Vs specialisti? Grazie per le notizie che vorrete darmi.
    Riccardo Buonanno
    3355693989 cell.

  2. Salve , teack da rimuovere e sostituire con sughero . Possibile ? Jeanneau 45.2 . Posso avere il costo del solo materiale di coperta ?? Il pozzetto è ancora in ordine . Grazie .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quiz carteggio

Carteggio, i tre esercizi base per divertirti in crociera

Anche se i chartplotter e i GPS hanno preso il sopravvento, bisogna essere sempre pronti al carteggio con squadretta, compasso, bussola da rilevamento e carta nautica. Anche perché in caso di blackout a bordo, ve la dovrete cavare alla vecchia

Torna su

Registrati



Accedi